Espresso in vendita, il comunicato del Cdr

4/3/2022 1.2 MILA

Tutto è nato dall’Espresso, il settimanale fondato da Eugenio Scalfari, che è il nucleo su cui poi si è costruito il Gruppo Repubblica. Con il passaggio del Gruppo agli Agnelli hanno preso corpo le voci della cessione dell’Espresso giudicato non strategico. Ieri il cdr ha lanciato questo comunicato che non fas ben sperare sul futuro del settimanale e di tutte le pubblicazioni a marchio Espresso.

Comunicato del Cdr Espresso

Abbiamo incontrato questa sera l’amministratore delegato del gruppo Gedi Maurizio Scanavino per chiedergli chiarimenti riguardo le voci di vendita dell’Espresso al gruppo editoriale Bfc Media controllato dalla famiglia Iervolino. Di fronte alle richieste del comitato di redazione, l’AD ha dichiarato che l’azienda non ha ricevuto “alcuna proposta formalizzata”.

Dopo mesi di smentite e dichiarazioni in senso contrario, senza che mai negli ultimi anni sia stato presentato alla redazione un chiaro piano di iniziative e di sviluppo per la testata, di fatto per la prima volta viene ammessa la volontà di vendere.

I redattori dell’Espresso denunciano piani aziendali che mirano a tagliare una voce libera e critica del panorama giornalistico italiano, la testata fondata da Carlo Caracciolo e Eugenio Scalfari da cui è nato il gruppo editoriale Espresso, il quotidiano Repubblica che si è poi allargato al gruppo Gedi.

Siamo preoccupati per il destino del nostro settimanale e di tutte le testate giornalistiche di un editore che non si è fatto scrupolo a definire “non coerente con le strategie del gruppo” il primo newsmagazine di inchiesta italiano.

Alla luce di questo l’assemblea dei giornalisti ha consegnato un pacchetto di giornate di sciopero al Cdr, riservandosi ogni ulteriore iniziativa a tutela del lavoro della redazione e del valore di una testata con 67 anni di storia, protagonista di battaglie civili, politiche e culturali che hanno inciso in maniera determinante nella nostra società.

 

Il cdr dell’Espresso