Firenze, mille imprenditori in piazza per chiedere sgravi fiscali e liquidità | Ceccardi e Giani firmano il manifesto dei Ristoratori Toscana

6/7/2020 516
Firenze, mille imprenditori in piazza
Firenze, mille imprenditori in piazza

In mille in piazza per chiedere a regione toscana, comuni e governo nazionale di concedere sgravi fiscali, liquidità e misure straordinarie per sostenere tutti gli imprenditori e titolari di attività commerciali sul territorio regionale. In piazza duomo, davanti alla sede della giunta regionale toscana, erano presenti i rappresentanti delle diverse categorie professionali, che hanno rilanciato con forza le loro proposte alle istituzioni per aiutare le imprese a restare aperte in questa delicata fase post covid. “occorre dare respiro finanziario alle imprese evitandone il soffocamento – hanno detto dal palco gli organizzatori della manifestazione -. Chiediamo la sospensione del versamento in scadenza nell’anno 2020 delle imposte a debito per l’anno 2019 e di apportare una modifica temporanea eccezionale al trattamento delle probabili perdite fiscali maturande nell’anno 2020, rendendole totalmente e illimitatamente compensabili con i risultati dei futuri esercizi. Questo permetterebbe alle imprese di avere il tempo necessario per rigenerare le liquidità necessarie”.

Gli imprenditori hanno chiesto a gran voce “l’esenzione dal pagamento di servizi di cui non si è beneficiato e beni di cui non si è goduto. Chiediamo venga definitivamente chiarito come: tari per ritiri rifiuti non avvenuti, cosap per suolo pubblico non occupato, cimp, siae e qualsiasi imposta su utenze di cui non si è usufruito durante la emergenza epidemiologica, non siano dovute per tutto il periodo di quarantena“. Le diverse tipologie di attività chiedono la razionalizzazione dei protocolli anti-covid, l’abbattimento dei costi dei parcheggi per favorire la mobilità dei clienti e una campagna promozionale turistica della toscana da far circolare su tutti i media (come stanno facendo già altre regioni italiane), in modo da favorire e incentivare le presenze di visitatori italiani e stranieri.

Ristoratori Toscana
Ristoratori Toscana

Al governo nazionale, gli imprenditori hanno rivolto richieste precise: “gli ammortizzatori sociali ad oggi previsti sono pensati per sostenere i dipendenti di tutti i settori durante il periodo di quarantena. Non vi è ancora nessuna misura prevista per il sostenimento dei dipendenti di settori che, come il nostro, rimarranno fortemente segnati dalle conseguenze della crisi epidemiologica, con cali di fatturato intorno al 70% – hanno spiegato -. E’ dunque necessario prevedere strumenti in grado di assorbire il calo strutturale di lavoro che subirà la ristorazione, e di conseguenza il milione e mezzo di famiglie che ci lavorano.

Per evitare di far salire la disoccupazione alle stelle, sono necessarie misure volte a far si che sia conveniente per le imprese far lavorare più persone: in sostanza, chiediamo sgravi fiscali per chi non licenzia”. Al termine della manifestazione i candidati alla presidenza della regione toscana susanna ceccardi (centrodestra) ed eugenio giani (centrosinistra) hanno firmato il manifesto con le proposte stilate dall’associazione ristoratori toscana, di cui una delegazione  è stata anche ricevuta dall’assessore ciuoffo.

Manifesto dei Ristoratori Toscana
Manifesto dei Ristoratori Toscana
Manifesto dei Ristoratori Toscana
Manifesto dei Ristoratori Toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.