Floyd Cardoz muore a New York, è il primo chef al mondo vittima di Coronavirus

25/3/2020 1.6 MILA
Floyd Cardoz
Floyd Cardoz

Floyd Cardoz, il famoso chef di New York City e il direttore culinario della celebre Bombay Canteen di Mumbai, è morto mercoledì negli Stati Uniti dopo essere risultato positivo al coronavirus. Aveva 59 anni.
Cardoz è stato ricoverato in un ospedale di New York il 18 marzo dopo essere risultato positivo per COVID-19, secondo una dichiarazione rilasciata da Hunger Inc, la società di Bombay Canteen, O Pedro e Bombay Sweet Shop. “Come misura precauzionale, ne abbiamo informato il Dipartimento della salute di Mumbai – Stiamo anche contattando personalmente le persone che hanno interagito con lui durante la sua visita in India, in modo che possano prendere le necessarie cure mediche se dovessero indicare sintomi (febbre, tosse, mancanza di respiro) e / o auto-quarantena.
Cardoz è tornato a New York da Mumbai via Francoforte l’8 marzo 2020 “, ha dichiarato Hunger Inc.
Floyd era conosciuto non solo per i ristoranti di successo, ma anche per la partecipazione a programmi televisivi come Top Chef Masters e Sara’s Weeknight Meals.

Floyd Cardoz ha frequentato la scuola di cucina a Mumbaie poi la Global Hospitality Management School a Les Roches in Svizzera per ampliare la sua conoscenza delle cucine internazionali. Si è trasferito a New York nel 1988 e, quattro anni dopo, ha iniziato a lavorare con lo Chef Gray Kunz alla Lespinasse, dove si è trasferito da chef de partie a executive sous chef. Nel 1997, ha iniziato a lavorare con Union Square Hospitality Group, per il quale ha aperto il rivoluzionario ristorante indiano Tabla, e successivamente El Verano Taquería e North End Grill. Nel 2014, ha lasciato il Grill per aprire White Street, dove è stato lo chef esecutivo consulente nel suo primo anno. Nel 2015, Cardoz è tornato a casa per aprire il suo primo ristorante a Mumbai, The Bombay Canteen, che è stato acclamato a livello locale e internazionale. Nell’estate 2016, Cardoz è tornato a New York e ha aperto Paowalla nel quartiere di Soho a New York, concentrandosi su piccoli piatti per ridefinire la cucina indiana accessibile. Nel 2018, ha chiuso Paowalla, riprogettato con un’atmosfera più informale e festosa e riaperto come Bombay Bread Bar.

Nell’estate 2012, ha vinto la terza stagione di “Top Chef Masters” di Bravo donando il premio al Young Scientist Cancer Research Fund presso la Icahn School of Medicine sul Monte Sinai. Ha ricevuto il James Beard Award per “Impegno sociale dell’anno” in onore del suo costante impegno nel coinvolgimento della comunità.
Nel 2011, Cardoz è stato nominato tra i “50 indiani globali più influenti” dalla rivista GQ