Garantito IGP | Monza Wine Experience ed i vini di Olivier Leflaive

3/10/2019 484
Monza Wine Experience - Logo
Monza Wine Experience – Logo

di Lorenzo Colombo

Prima di scrivere in merito ai vini di Olivier Laflaive, degustati durante l’evento Monza Wine Experience volevamo spendere qualche parola in merito alla prima edizione di quest’evento, organizzato dall’Agenzia di Comunicazione Visionplus di Monza, con la collaborazione di Fisar e del giornalista Aldo Fiordelli.

Fiordelli
Fiordelli

Qui potete trovare l’ampio programma messo in atto.
Per quanto ci riguarda siamo stati a Monza giovedì 19 settembre e abbiamo notato una grande affluenza nelle botteghe del centro storico che ospitavano i vini della varie aziende, tantoché sovente c’era carenza di bicchieri puliti.
E’ pur vero che in questo caso le degustazioni erano gratuite, incrementando quindi il numero di “assaggiatori” casuali.

Monza Wine Experience - Bicchieri
Monza Wine Experience – Bicchieri

Se possiamo fare un piccolo appunto all’organizzazione, in modo che ne possa tener conto in una futura (speriamo) edizione, abbiamo notato la mancanza di sputavino nelle varie boutiques, cosa che, per chi come noi, voleva assaggiare un discreto numero di vini (ne abbiamo assaggiati una trentina, ovvero quasi tutti) poteva creare qualche problema.

Monza Wine Experience - Nelle boutiques del centro
Monza Wine Experience – Nelle boutiques del centro

Molto belli, scenografici e funzionali gli Ape Car della “Social Wine Truk”, collocati in Piazza San Pietro Martire.

Monza Wine Experience - Ape Car
Monza Wine Experience – Ape Car
Monza Wine Experience - Ape Car
Monza Wine Experience – Ape Car

Ci hanno inoltre riferito (non c’eravamo per poterlo affermare direttamente) che c’è stata una grande affluenza di pubblico venerdì 20 settembre in Via Bergamo, dove si teneva l’evento (a pagamento in questo caso) Calici Sotto le Stelle, con oltre 400 partecipanti.

L’altro momento che ci ha visti partecipare è stata la Masterclass sui vini di Olivier Laflaive, assai interessante, anche se il titolo dato alla degustazione “Olivier Leflaive e i Cru della Borgogna” poteva essere un poco fuorviante, non essendoci in effetti alcun Cru in degustazione.

Prima dei vini eccovi però alcune sintetiche informazioni su Olivier Laflaive:

La storia di Olivier Leflaive è assai particolare; nipote di Joseph, imprenditore che, dopo il fallimento delle sue imprese siderurgiche, avvenuto alla fine della prima Guerra Mondiale, decide di dedicarsi alla tenuta di famiglia in Borgogna.
Dopo essersi laureato in economia decide di cambiare vita e di dedicarsi alla musica, d’apprima come artista, in seguito come impresario di diversi gruppi folk.
Nuovo cambio di vita nel 1981, quando Olivier ha trentasei anni e decide di tornare in Borgogna per dedicarsi all’azienda di famiglia, ovvero il Domaine Leflaive.
Ma dopo pochi anni il suo spirito irrequieto lo spinge ad inventarsi qualcosa di nuovo e così nel 1985, dopo aver constatato di non potere esaudire le richieste di un importante distributore americano, per mancanza di vigneti nelle AOC richieste, crea la Olivier Leflaive Frères, in collaborazione con il fratello Patrick e lo zio Vincent, con lo scopo di acquistare uva e mosti, vinificarli secondo la metodologia del Domaine  di famiglia per poi venderli direttamente. Diventa in pratica un “Negociant”.

Monza Wine Experience - Bottiglie
Monza Wine Experience – Bottiglie

Ora Olivier vinifica le uve coltivate in oltre 120 ettari provenienti da tre tra le più famose Aoc della Côte de Beaune: Puligny-Montrachet, Chassagne-Montrachet  e Mersault , oltre che dello Chablis e della Côte Chalonnaise.
Gli ettari in proprietà sono diciassette, ottenuti dalla spartizione dei vigneti avvenuta nel 2010, quando Olivier decide di lasciare il Domaine Leflaive.

Chablis
Chablis
Champagne
Champagne
Les Setilles
Les Setilles

Non sazio della Borgogna, Olivier si mette a produrre, in collaborazione con Erick de Sousa anche Champagne (in realtà li commercializza a suo nome, collaborando però nelle scelte produttive).

Mersault
Mersault
Puligny Montrachet
Puligny Montrachet

Dal 1 aprile dello scorso anno i vini di Olivier sono distribuiti in Italia dalla Allegrini, la famosa azienda della Valpolicella con diramazioni in diverse parti d’Italia, tra cui, in Toscana, Poggio al Tesoro a Bolgheri e San Polo a Montalcino ed è appunto grazie a Mattia Vesentini, area manager di Allegrini che abbiamo potuto degustare i sottostanti vini:

La degustazione, tenutasi sotto i portici dell’Arengario, a Monza, è stata guidata da Aldo Fiordelli, coadiuvato da Mattia Vesentini, cinque i vini in degustazione:

Bourgogne “Les Sétilles” 2016
Le uve provengono da trentacinque ettari di vigneti, con età media di 45 anni, suddivisi in una sessantina d’appezzamenti dislocati tra Puligny-Montrachet e Mersault, tra i 230 ed i 250 metri d’altitudine, su suoli argillosi-calcarei e limosi, con abbondante presenta di ciottoli.
Si tratta quindi di una denominazione regionale.
Il 90% fermenta e s’affina per sette-nove mesi in barriques, il 10% delle quali nuove.
Il nome del Vino “Les Sétilles” è quello del luogo dove è ubicata la cantina.

Il colore è paglierino-verdolino.
Di buona intensità ed ampiezza olfattiva, presenta sentori d’erbe officinali, sfumature minerali, note di frutti bianchi e d’agrumi e leggeri accenni vanigliati che ricordano il confetto.
Fresco e sapido al palato, con spiccata vena acida che gli dona una nota citrina, si colgono leggeri sentori di pietra focaia e tenui note tostate, lunga la sua persistenza.

Chablis “Les deux rives” 2015
Ci si sposta in una zona completamente diversa, ovvero nella parte più a nord della Borgogna, qui cambiano completamente i suoli, argilloso-calcarei, che prendono il nome di “Kimméridgien”, molto simili a quelli della Champagne.
Anche in questo caso le uve provengono da numerosi diversi vigneti, situati sulle due sponde del fiume Serein, da qui il nome del vino.
La fermentazione avviene in acciaio, come pure l’affinamento (sette mesi),  solo una piccola parte (5%) matura in barriques.

Color paglierino di buona intensità, con riflessi dorati:
Intenso al naso dove si colgono sentori d’agrumi maturi (arancio) e leggeri accenni idrocarburici.
Di buona struttura, minerale, con sentori di roccia e note tropicali, torna quindi alla bocca il sentore d’arancio, buona la sua persistenza.

Puligny-Montrachet 2015
Anche questo vino è frutto di uve provenienti da ben ventidue diverse parcelle, ovviamente tutte situate nel comune di Puligny-Montrachet, si tratta quindi di una Aoc Village.
I suoli sono di natura argillosa-calcarea, con notevole presenza di ciottoli, l’altitudine dei vigneti varia dai 230 ai 250 metri slm.
La vinificazione avviene in barriques -il 20% delle quali nuove-, dove il vino rimane per dodici mesi ad affinarsi.

Il colore è giallo-paglierino con riflessi verdolini.
fresco al naso, di media intensità, un poco chiuso all’inizio, s’apre quindi su accenni boisée, nocciole tostate, note d’agrumi e leggere sfumature sulfuree.
Deciso alla bocca, dotato di buona struttura, con note leggermente brucianti, buona la sua persistenza.

Mersault 2015
Siamo nuovamente di fronte ad un vino frutto dell’assemblaggio di uve provenienti da più appezzamenti (una quindicina), tutti ovviamente localizzati nel villaggio di Mersault, il più vasto della Côte de Beaune.
I vigneti si trovano su suoli argillo-calcarei, collocati tra 1 250 ed i 300 metri d’altitudine.
Vinificazione in barriques, ed affinamento per dodici mesi negli stessi contenitori, il 20% dei quali nuovi.

Color giallo paglierino di buona intensità.
Bel naso, elegante e complesso, netta la nota tostata, si colgono inoltre sentori di nocciole e note balsamiche.
Strutturato, l’uso del legno piccolo è ancora piuttosto percepibile e trasmette al vino decise note tostate-affumicate, buona la sua persistenza.

Champagne Valentin Laflaive Blanc de Blancs Extra Brut “GR|14|45”
Chardonnay in purezza, le uve provengono da Grauves, village Premier Cru della Côte de Blancs.
Le uve sono dell’annata 2014, con la presenza del 30% di “Vin de réserve”, l’affinamento “sur lattes” è di 42 mesi. 4,5 gr/litro il residuo zuccherino.

Il colore è giallo dorato.
nette le note tostate al naso, dove si colgono sentori di nocciole, frutto tropicale, miele e note floreali che rimandano al caprifoglio.
Cremoso al palato, dotato di buona effervescenza, fresco e con buona vena acida, ritroviamo le note tostate, buona la struttura e lunga la persistenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.