Gli spaghetti del dì di festa al pesto di pomodori secchi, il casalingo disperato gioca il Jolly

15/5/2018 2.3 MILA
Spaghetti al pesto di pomodori secchi
Spaghetti al pesto di pomodori secchi

di Marco Galetti

…con un bel ciuffo di basilico

L’invention test infrasettimanale con aglio, pomodori secchi e capperi
L’invention test infrasettimanale con aglio, pomodori secchi e capperi

Gli spaghetti del dì di festa al pesto di pomodori secchi, il casalingo disperato gioca il Jolly.

Ho ricevuto in regalo, insieme ad una raccomandazione, dei pomodori secchi strepitosi, la potenza è nulla senza il controllo, mi hanno detto…

Così Domenica, dopo un invention test infrasettimanale che mi ha confermato la bontà e la potenza gustativa di questo straordinario ingrediente, ho estratto il coniglio dal cilindro e dal frigo per un successivo secondo di carne bianca e, con un po’ di fortuna condita d’audacia, ho sfoderato un primo piatto d’esecuzione abbastanza semplice e davvero notevole per profumo e gusto, anche l’aspetto, riguardando le foto, mi sembra invitante.

Spaghetti al pesto di pomodori secchi, l’unica difficoltà credo sia trovare il giusto compromesso tra basilico e pomodori, queste le dosi in equilibrio che possono dare grande soddisfazione a 4 persone :
20 pomodori secchi
20 grammi di basilico fresco
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
20 grammi di noci che possono essere sostituite da pinoli
3 cucchiai di olio extravergine di oliva

2/3 cucchiai d’acqua per regolare la densità del pesto

Volendo (io l’ho fatto) uno spicchio d’aglio e un peperoncino
320 grammi di spaghetti di buona qualità
Un pizzico di sale (ma non troppo, vista la sapidità dei pomodori) per regolare il pesto

 

Appena impiattati in attesa del basilico
Appena impiattati in attesa del basilico

Far sobbollire per tre minuti in quattro parti d’acqua e una d’aceto i pomodori secchi, scolarli, sciacquarli bene, metterli nel mixer unitamente a basilico, parmigiano, noci, olio extravergine d’oliva, sale (poco) aglio e peperoncino, poi frullare molto delicatamente (aggiungendo eventualmente poca acqua) fino ad ottenere la giusta densità del pesto.
Cuocere la pasta al dente e spadellarla a fuoco basso per trenta secondi, (il basilico è delicato e richiede attenzione e rispetto offrendoci in cambio profumo ed intensità) guarnire con basilico fresco e con quattro pomodori secchi tenuti opportunamente  da parte e tagliati a pezzetti.

A distanza ravvicinata si gode di piu'…
A distanza ravvicinata si gode di piu’…

 

Un commento

    Francesco Mondelli

    (16 maggio 2018 - 14:23)

    Nel derby a distanza(ma non troppo visto che è posizionato solo qualche post dopo)con il fresco è primaverile piatto di Fabiola Quaranta mi sa tanto che ne esci perdente.Ottimo il tuo piatto.ma un po’ fuori tempo massimo visto che,nonostante il clima inclemente faccia pensare diversamente,siamo in primavera inoltrata e,almeno per me,quando entrano in gioco le melanzane non ce n’è per niente e nessuno.Ma non te la prendere più di tanto perché son convinto che a breve ti rifarai con una valanga di riso frescamente condito.Con simpatia FM.

I commenti sono chiusi.