Il futuro della ristorazione italiana: l’intervento di Marco Ambrosino e il suo “Collettivo Mediterraneo” a LSDM 2019

25/10/2019 972
Marco Ambrosino sul palco di LSDM 2019 con Albert Sapere
Marco Ambrosino sul palco di LSDM 2019 con Albert Sapere

di Floriana Barone

Marco Ambrosino è salito sul palco di LSDM entrando subito nel vivo del dibattito su sostenibilità, etica ed estetica. “Non possiamo affrontare il tema etico, della salvaguardia dei sistemi, dei prodotti e dei produttori e di chi utilizza questi prodotti allo stesso modo in cui affrontiamo le tematiche legate al cibo – ha esordito lo chef di 28 Posti (Milano) accanto ad Albert Sapere -. Questi temi devono essere affrontati in un’altra maniera se vogliamo che diventino universali”. Ambrosino ha lanciato un invito preciso, cioè quello di avere un approccio risolutivo riguardo a questioni che non possono essere risolte, prendendo coscienza dell’inesorabilità della situazione. “A 28 posti, facendo attenzione agli ingredienti e a tante altre cose non risolverò nulla, ma sono certo che il nostro stimolo sarà moltiplicato”, ha affermato lo chef. Ambrosino ha poi fatto riferimento i recenti dati della Fao, secondo cui il 16% dello scarto alimentare proviene dalla ristorazione e il 34% dall’ambiente domestico. “È bellissimo dire che utilizzo gli scarti, ma sarebbe meglio dire che non produco scarti – ha spiegato Ambrosino -. Abbiamo i mezzi tecnici e culturali: siamo dei professionisti e dobbiamo diventare più bravi di quelli che pensiamo di essere”.

Marco Ambrosino a LSDM 2019
Marco Ambrosino a LSDM 2019

“Viviamo nell’epoca dei social e degli influencer – ha proseguito Ambosino -: non credo che comportarsi sia un mestiere, ma può essere un esempio. Se riusciamo a capire che con il ristorante pieno noi siamo dei bravi cuochi e comportandoci nella maniera opportuna riusciamo a lanciare un messaggio, secondo me, questo funziona”. “Oggi abbiamo la possibilità di arrivare in ogni punto del mondo e si può partecipare al dibattito globale sul cibo: è una possibilità storica che prima non esisteva”, ha precisato lo chef di Procida.

“La sostenibilità è soprattutto economica – ha detto Ambrosino -: significa avere dei dipendenti, dei colleghi e dei collaboratori soddisfatti e si trasforma in sostenibilità umana. La sostenibilità riguarda prodotti e produttori, ma i prodotti sostenibili dobbiamo crearli noi. I temi etici per essere reali e quindi universali devono diventare internazionali: “Per diventare internazionale devi appartenere a un paese: il mio è il Mediterraneo, un patrimonio di cultura e visioni”, ha affermato il giovane chef. Dal 2 ottobre la cultura del Mediterraneo “è online” grazie al portale del “Collettivo Mediterraneo”: una rete di persone, cuochi, scrittori, antropologi, fotografi, musicisti uniti con l’obiettivo di creare una memoria di questo bacino.

Photo Credits Alessandra Farinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.