Il libro di Alessandro Basso sull’Antica Pizzeria Negri: Don Edoardo con la pizza in mano

8/12/2021 602
Alessandro Basso
Alessandro Basso

di Carmen Autuori

Ventotto pagine che oscillano tra sogno e realtà. Un luogo, l’Antica Pizzeria Negri, un istrionico e lungimirante imprenditore, Don Edoardo Negri, una famiglia che ne ha raccolto l’eredità ed un giovane dalla scrittura densa e letteraria, appassionato di memoria che diventa storia,  Alessandro Basso autore di “Don Edoardo con la pizza in mano” edito da Operaedizioni di  Giuseppe Durante. E poi c’è la voce narrante di zia Flora, pontecagnese  doc, che non è citata nel testo ma ne è, insieme a Don Edoardo, musa ispiratrice.

Il firma copie
Il firma copie

<< Zia Flora era la memoria storica di Pontecagnano, conosceva tutti ed incamerava in una sorta di archivio orale le storie dei compaesani. Sin da bambino rimanevo affascinato dai suoi racconti dove protagonista era Don Edoardo Negri che, tornato dall’ America, nel 1928 aveva dato vita alla Pizzeria Napoletana (vini all’ingrosso e al dettaglio) – racconta Alessandro Basso-. E poi mi narrava della signora Fanny, la compagna di Don Edoardo, a cui fu vietato di assistere ai funerali perché vivevano more uxorio. Oppure di quella volta in cui il Duce non si fermò alla pizzerie e con la mortella con cui era stato allestito l’arco trionfale in suo onore  furono realizzate delle scope che da allora furono chiamate Scope Mussolini>>.

I relatori
I relatori

La narrazione inizia a Scanno località di montagna in Abruzzo, dove per puro caso, una giovane coppia di sposi di Pontecagnano incontra un gentiluomo elegantemente vestito con “un ascot di seta a fiori marrò” che ai meravigliati ascoltatori, commosso, racconta: <<Ricordo come fosse ieri quando accompagnai il principe Umberto di Savoia alla Pizzeria del Commentatore Edoardo Negri>>.

Il giardino
Il giardino

Così, andando avanti nella lettura, si snodano, mirabilmente tratteggiate, scene di un film che ha come protagonisti principi e bellissime principesse, gerarchi fascisti e podestà accolti dalle signorine con grembiuli e crestine inamidate friulane come Donna  Fanny,  di cui l’autore, grazie ad una ricerca certosina, ci regala i nomi. Allora sembra di vedere Teresina, Ida, Duilia, Silvana, Teresa e Alice, quest’ultima depositaria dei segreti dell’impasto di Don Edoardo, muoversi con leggiadria tra i  tavoli mentre s

Il libro
Il libro

ervono ad uno stupito principe Umberto di Savoia e alla bellissima Maria Josè tranci di pizza al burro e pollo avvolto da pomodoro reso brunito dalla lunga cottura, proveniente dalle “buatte” marca Silvestro  Crudele & figlio, retaggio di quella cucina dei monzù che ha fatto grande la storia gastronomica italiana. A fare da sottofondo la “marcetta” proveniente dal grammofono posto in bella vista. Il cafè chantant non è più prerogativa del Salone Margherita o dei boulevard parigini, ha trovato casa a Pontecagnano nella Antica Pizzeria Negri, a via Budetti, tra il ponte di Cagnano e le case popolari costruite dalla nobile famiglia Alfani.

Le cameriere friulane
Le cameriere friulane

E poi dopo che la monarchia diventa repubblica arrivano i divi del teatro e della televisione Eduardo de Filippo e Sophia Loren, per citarne alcuni. Tutti hanno lasciato un pensiero nell’Albo d’Oro gelosamente conservato dalla famiglia Negri. Don Edoardo aveva portato a Pontecagnano, seppur con qualche decennio di ritardo, la Belle Epoque i cui fasti, riprodotti nella sala liberty che si affaccia su uno spettacolare giardino rigoglioso di piante antiche, stupiscono gli ospiti ora come allora perché la storia (e la pizzeria Negri) ha tempi lunghi e “la pizza di Don Edoardo continua a fumare nei piatti luccicanti”. Favorite?

Pizzeria Negri Il banco delle pizze
Pizzeria Negri Il banco delle pizze

Il libro di Alessandro Basso è stato presentato lunedì 6 novembre nella storica pizzeria. Con l’autore hanno dialogato: il giornalista e gastronomo Luciano Pignataro, autore dell’introduzione al testo, la docente e presidente onoraria dell’associazione “Campania Cultura” Annamaria Petolicchio, l’antropologo Simone Valitutto ed il direttore dell’ Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano Carmine Pinto.

Pizzeria Negri- la cantina
Pizzeria Negri- la cantina

La presentazione è stata coordinata dal giornalista de Il Mattino Alfonso Sarno.

Pizzeria Negri- sala pompeiana
Pizzeria Negri- sala pompeiana

4 commenti

    Luciano

    Grazie a questo racconto i ricordi sono affiorati insieme al profumo della pizza. I luoghi della mia infanzia e sino alla maturità sono immagini scolpite nella memoria così come i colori dei sapori. Avevo 7 anni quando mio padre Raffaele Ruggiero e mio zio Bruno Rossomando presero il testimone del locale creato dal buon Edoardo Negri e lo tennero per quasi 40 anni.
    In tutto quel tempo mi sono nutrito di tutte le bontà che quella pizzeria celava e produceva. Non sto parlando solo della pizza o del pollo, del prosciutto o dei bocconcini, dei buoni vini e della preziosa cantina….ma mi riferisco anche alla sua storia fatta di racconti di un’epoca passata, di cartoline, di lettere, di ritagli di giornale, di foto, di libri e di dediche autografate, di poesie e di pensieri, di architetture ed arredamenti, di marmi e piastrelle, di tavoli e sedie, di sale e salette, di giardini e casette, di legna che arde e pasta che lievita, di odori, di gioie e dolori, di feste e di sorrisi, di clienti ed amici, di soddisfazioni e di sacrifici.
    Grazie a quegli anni sono quello che sono. Grazie Pizzeria Negri.

    8 Dicembre 2021 - 14:50Rispondi

    Carlo

    Mantenere viva una tradizione che valorizza un prodotto del territorio ed il territorio medesimo è segno che esistono ancora valori profondi, persone profonde che non vivono del passato, ma fanno del passato una risorsa attraverso cui proiettarsi in un futuro con chiarezza di intenti, disciplina di comportamenti e coerenza di azioni. Tutto questo è la Antica Pizzeria di Negri di Pontecagnano. Complimenti a chi fa vivere questo ricordo con maestria di racconto e con oggettiva bontà di realizzazione (la pizza che si può gustare oggi all’interno degli storici locali è assolutamente una prelibatezza).

    8 Dicembre 2021 - 15:34Rispondi

    Massimo De Sio

    Desideravo sapere dov’ è possibile acquistarne una copia ? Ritengo che questa sia una pubblicazione da custodire gelosamente, è il locale, nell’intera nostra provincia, cha aveva davvero una storia mirabile da raccontare…
    Grazie

    10 Dicembre 2021 - 10:42Rispondi

    Emilio

    Pochi sanno che le scuole della pizza sono 3: Gragnano, Napoli e Pontecagnano. Di quest’ultima Negri è la gran maestra.

    13 Dicembre 2021 - 20:13Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.