Il vino del Vesuvio secondo Casa Setaro

21/5/2019 1.9 MILA
Casa Setaro
Casa Setaro

di Simona Quirino

Ettari vitati: 12
Enologo: Massimo Setaro
Allevamento: Pergola Vesuviana
Composizione chimico-fisica del terreno: vulcanico sabbioso
Produzione kg/pianta: 2kg per pianta
Esposizione vigne: sud
Epoca di impianto delle vigne: 1960
Altezza media: dai 200 ai 450 metri sul livello del mare
Lavorazione del terreno: manuale
Concimi: organici
Trattamenti: biologici
Conduzione: biologica
Lieviti:  selezionati
Mercati di riferimento: nazionale e internazionale
Bottiglie totali prodotte: 70 000
Percentuale di uve acquistate: nessuna
Uve coltivate: falanghina, caprettone, piedirosso, aglianico

Storia

La storia dei vini Setaro è veramente una storia di casa. Da generazioni produttori di vino, la famiglia Setaro ha  da sempre coltivato l’amore per la terra ai piedi del Vesuvio e per il suo vino, trasmettendolo ai figli, ma anche all’esterno, a chiunque avesse il piacere di venirli a trovare. Massimo Setaro ancora oggi accoglie chiunque come fosse un ospite di casa sua che, non a caso, si torva proprio nella sua azienda vinicola. Non c’è differenza per lui tra casa e lavoro. Il lavoro è tutto il suo tempo, quel tempo che in questo modo non sottrae alla sua famiglia, sempre al fianco suo e della sua passione. La stessa con cui racconta tutta Casa Setaro, dal logo ai suoi vini. Il logo è un Vesuvio visto dall’alto perché, dice “ero stanco della retorica delle cartoline del Vesuvio frontale” e, allo stesso tempo,  sembra un occhio “ quello della magna Grecia che ha a che fare con le radici del posto e le radici sono importanti”. Proprio per questo si offende quando sente parlare male di Napoli. La sua è una narrativa positiva, proprio come lui.

Vitigno

Il vitigno, situato nel Comune di Trecase, è a piede franco come tutta l’area del Vesuviano, senza innesto su piede americano. Radici, quindi, che penetrano direttamente nel terreno, il quale si estende su dodici ettari vitati, coltivati a mano, in regime biologico. C’è la pergola vesuviana e l’esposizione delle vigne è tutta a sud, con un’altezza variabile dai 250 ai 400 metri sul livello del mare. L’uva è quella più tipicamente vesuviana come Caprettone e Piedirosso e a questa si aggiunge anche Falanghina e Aglianico, sul Vesuvio, però, a piede franco.

Casa Setaro
Casa Setaro
Casa Setaro
Casa Setaro

Vini

Tranne il don Vincenzo, tutti i vini di Massimo sono in purezza, quindi Caprettone 100% per lo spumante, ottenuto rigorosamente col metodo classico, e per il Lacryma Christi bianco; Piedirosso 100% , invece, per il Lacryma Christi rosso e rosè.

Casa Setaro
Casa Setaro

Il Don Vincenzo, il vino rosso riserva che porta il nome del papà di Massimo, oltre al Piedirosso, ha anche una percentuale di Aglianico e fa un passaggio in botte. Massimo, però, ci svela: “prossimamente presenterò due nuove referenze, entrambe con maturazione in anfora, una da uve Caprettone e l’altra da Piedirosso; sono la realizzazione di un progetto che seguo da anni e che ora finalmente arriva in bottiglia”. L’anfora è uno dei simboli che più ricorda il passato antico di queste terre vicine agli scavi di Pompei e di Ercolano, mete di milioni di turisti all’anno.

Casa Setaro
Casa Setaro
Casa Setaro
Casa Setaro
Casa Setaro
Casa Setaro
Casa Setaro
Casa Setaro

 

Conclusioni

Parlare di Casa Setaro in termini di connubio di tradizione e innovazione non basta. Massimo Setaro è qualità del terroir, altamente vocato alla viticoltura, ed è anche “esperienza di vino”. Non a caso negli ultimi anni l’azienda si è aperta a visite e degustazioni di turisti ed appassionati locali. Da qualunque parte del mondo vengano, gli ospiti si sentono a loro agio perché Massimo è capace di riunire al suo tavolo tutti. Allettando i palati con i suoi vini e con le sue bruschette condite con olio extravergine d’oliva della casa oppure con il mezzo pacchero al pomodorino del piennolo e basilico fresco. Come Alessia, sua figlia, una bimba vispa e curiosa che è riuscita durante la nostra visita a fare, nel frattempo, amicizia con una bimba giapponese e che, non sapendo come comunicare con lei, ha trovato nel disegno un modo per stare insieme. Perché c’è sempre la chiave giusta per avvicinarsi all’altro. A casa Setaro, si chiama vino.