Clienti intossicati da Sorbillo ai Tribunali a Napoli, si esaminano i video interni: torta o errore?

8/7/2020 8.2 MILA
Gino Sorbillo
Gino Sorbillo

Sono in visione i video interni per fare luce su quello che è accaduto alla pizzeria di Sorbillo ai Tribunali.
Ma ecco i fatti come sono riportati da tutti i siti giornalistici

Hanno accusato malori più o meno lievi dopo aver pranzato in una delle pizzerie di Gino Sorbillo, a Napoli in via dei Tribunali. Quattordici giovani sono rimasti intossicati dopo aver accusato nausea, vomito e diarrea: di questi, sette sono stati ricoverati in ospedale e altri tre hanno rifiutato il ricovero.
Lo riporta Il Mattino: i giovani ricoverati, di età compresa tra i 20 e i 25 anni, si trovano attualmente al Fatebenefratelli e al Vecchio Pellegrini. Alcuni di loro hanno accusato forti dolori addominali e sono stati curati con sintomatici per il sostegno fisiologico della funzione idrosalina, prima di essere dimessi in serata.
Gino Sorbillo è intervenuto sulla vicenda: «Nella mia pizzeria, al centro storico non serviamo altro che pizze, tutte cotte al forno con ingredienti scelti e selezionati. Per cui credo di non avere alcuna responsabilità. In ogni caso sono dispiaciuto perché comunque questi ragazzi hanno avuto una spiacevole esperienza mai capitata in una nostra pizzeria. Anche se non posso avere la certezza non credo che siano venuti a pranzare da me e comunque sulle centinaia di clienti avuti nessuno si è lamentato. In questo caso c’è stata, prima del pranzo, la consegna di una torta fatta in casa che mi era stato chiesto di conservare in frigorifero e che poi è stata servita al tavolo. Attribuisco i sintomi accusati da alcuni commensali di quel gruppo proprio alla torta».

Torta o errore nella gestione delle materie prime? Per appurarlo si studiano i video delle telecamere interne.
Una intossicazione in pizzeria è cosa più unica che rara, soprattutto perchè ai Tribunali si lavora con pizze basiche.  Qualcosa di certo non ha funzionato e solo i video oltre agli esami tossicologici potranno dare una spiegazione convincente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.