INVECCHIATI IGP. Falcone 2000 Castel del Monte doc, Rivera

2/4/2022 427
Falcone 2000 Rivera
Falcone 2000 Rivera

di Luciano Pignataro

Durante la cena a palazzo Rospigliosi a Roma organizzata dall’Istituto Grandi Marchi abbiamo apprezzato moltissimo la decisione di Sebastiano Rivera di proporre una vecchia annata di Falcone, il top dell’azienda, che ha accompagnato la viticoltura pugliese praticamente da sempre.
Una magnum 2000, annata sulla quale noi siamo sempre stati perplessi, il primo vero campanello d’allarme del global warming che spesso ha colto le aziende divino impegnate in quel periodo a preparare vini materici e sovraestratti per un pubblico più abituato all’alcol che all’arte di bere. Ne sono usciti vini poco distesi, contratti, in cui spesso la freschezza ha dovuto cedere il passo.
Sarà stata la versione in magnum, o comunque la frescura dei venti delle Murge che accarezzano il futuribile castello di Federico II, primo e ultimo esempio di costituzione di uno Stato Unitario in Italia. Fatto sta che il bicchiere si è rivelato sorprendente.
Prima dobbiamo però aggiungere che il Falcone un blend di Nero di Troia, di cui l’azienda Rivera è stata sinora l’interprete più convinta e autorevole e di Montepulciano d’Abruzzo, un saldo del 60 per cento che sostanzialmente tende a rendere il vino più morbido e bevibile.

A distanza di oltre 20 anni il rosso è puro, ricco di energia e pimpante, il colore è granato ma vivo, il naso regala frutta rossa in conserva, carruba, note fumè e di cenere, rimandi di foglie di tabacco e lieve tostatura di caffè. Il palato è un piccolo grande capolavoro, lungo piacevole, assolutamente in linea con lo spirito moderno, non lascia alcun segno di stanchezza. Un piccolo grande capolavoro che, tra gli altri, ha segnato l’ingresso dei vini pugliesi nella moderna enologia italiana.

www.rivera.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.