Involtini a Primavera, i dischi di tacchino, la musica da tavola e l’armonia in bocca

19/3/2019 615
Involtini di tacchino cotti nel latte, con prosciutto cotto, parmigiano e spinaci
Involtini di tacchino cotti nel latte, con prosciutto cotto, parmigiano e spinaci

di Marco Galetti

Questi involtini di tacchino sono morbidissimi, saporiti, economici, facili da preparare, abbastanza dietetici e versatili, diventeranno dischi di tacchino, inevitabile l’armonia in bocca con questa musica da tavola.

Possono essere serviti sia freddi che caldi e, volendo, possono anche essere surgelati, sono dei finger food da antipasto oppure, serviti con un purè di patate, un secondo che può essere preparato prima e poi semplicemente scaldato.

Certo, le polpette trovano maggior riscontro, di contro la frittura è un po’ meno salutare, il grado di soddisfazione è comunque notevole e il piatto, anche simpatico da vedere, è in carta, quella della mia famiglia, da almeno quarant’anni.

Involtini di tacchino cotti nel latte, con prosciutto cotto, parmigiano e spinaci

Ingredienti e modalità di preparazione:

5 fette grandi di fesa di tacchino, eventualmente battute leggermente
120 grammi di prosciutto cotto
350 grammi di spinaci
Parmigiano reggiano, olio, sale
Mezzo litro di latte

La fesa di tacchino

La fesa di tacchino
La fesa di tacchino

Cotto, parmigiano e spinaci

Cotto, parmigiano e spinaci
Cotto, parmigiano e spinaci

Gli spinaci in padella devono rosolare con poco olio e sale un paio di minuti, poi, una volta raffreddati, serviranno per farcire il tacchino

Gli spinaci in padella
Gli spinaci in padella

L’involtino prende forma, disporre sulle fette di tacchino il prosciutto, gli spinaci e il parmigiano (volendo è possibile aggiungere al ripieno anche un po’ di frittata sottile) poi arrotolare e legare

L'involtino prende forma
L’involtino prende forma

Eccolo

Eccolo
Eccolo

Rosolare gli involtini in tre o quattro cucchiai di olio extravergine

Rosolare gli involtini in tre o quattro cucchiai di olio extravergine
Rosolare gli involtini in tre o quattro cucchiai di olio extravergine

Completare la cottura nel latte nel quale è stato messo un po’ di dado, qui è stato usato quello granulare&vegetale, venti minuti a fuoco medio con pentola coperta ma non sigillata (lasciare un po’ di spiffero) dovrebbero consentire una cottura ottimale, il latte dovrebbe restringersi senza asciugare completamente, il sughetto “residuo” servirà per scaldare in padella le fettine di tacchino farcite, questo il valore aggiunto di questa preparazione che conferirà una saporita-morbidezza ai cerchietti magici

Completare la cottura nel latte
Completare la cottura nel latte

Gli involtini sono pronti, dopo aver tolto lo spago da cucina devono essere affettati abbastanza sottilmente e regolarmente, scaldati nel loro sughetto ristretto in una pentola con coperchio e serviti con un contorno adeguato, in ordine di preferenza: purè di patate, spinaci in padella, patate arrosto, insalata

Gli involtini sono pronti
Gli involtini sono pronti

Gli involtini affettati e disposti in un piatto da portata, volendo potrebbero essere gustati anche a temperatura ambiente, in una sera d’estate dopo un antipasto freddo e accompagnati da un contorno fresco, oppure:

Gli involtini affettati e disposti in un piatto da portata
Gli involtini affettati e disposti in un piatto da portata

Serviti caldi col purè di patate, cerchietti imperfetti in perfetto equilibrio di sapori

Serviti caldi, col pure' di patate
Serviti caldi, col pure’ di patate

Un commento

    Mondelli Francesco

    (19 marzo 2019 - 14:26)

    Foto che sembran prese dalla mia macelleria che fa anche pronto a cuocere.Facile e godibilissima ricetta che preferisco gustare se non fredda al massimo tiepida facendo contrasto con una purea invece calda.Adoro il tacchino di cui consiglio anche le grosse e polpose ali da fare al forno con le patate e rosmarino ma quello del giorno del ringraziamento mi rimarrà sempre in mente e negli occhi per la sua monumentalità mentre qui godiamo di un piatto che cala l’asso dell’estetica per gli occhi e quello della delicatezza per il palato di chi al buon gusto è abituato.Ad maiora da FM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.