L’ Illuminismo bio ambientale di Montalcino

7/11/2016 794
Montalcino
Montalcino

di Marina Betto

Interessante convegno a Montalcino sul BIO per guardare ad un territorio come progetto per la salute del futuro. La salute si coltiva promuovendo sostenibilità ambientale, di vita  ed economica. Per questo si sono mossi Ilaria  Borletti Buitoni sottosegretario ai Beni Culturali che ha aperto il convegno e lodato le peculiarità paesaggistiche toscane ma anche storico culturali che oggi vogliono parlare con un linguaggio nuovo.

La cantina di Castiglion del Bosco
La cantina di Castiglion del Bosco

A Montalcino nel 2015  si sono contate 125 mila presenze attirate dal noto paesaggio e dall’offerta  enogastronomica. Paesaggio, bellezza e bontà sembrano le parole chiave su cui bisogna riflettere per migliorare. Il paesaggio è patrimonio dell’identità di una comunità che oggi è aggredito da un’idea di globalizzazione.

Teatro degli Astrusi a Montalcino
Teatro degli Astrusi a Montalcino

 

Il paesaggio riflette la sensibilità umana che è bellezza e la bellezza è bontà. Tutelare questo paesaggio non è sempre facile, soprattutto in Italia dove vigono norme di tutela barocche , a preservarlo dovrebbe pensarci il Ministero dell’Agricoltura e Ambiente mentre  sono le Sovrintendenze che hanno la gestione del paesaggio. Nonostante siamo il paese d’Europa con il più alto tasso di abusivismo e abbiamo problemi di sicurezza per il consumo di suolo dissennato, il turismo è diffuso. Il turismo culturale, quello diffuso, quello slow ha maggiore ricaduta di quello balneare.

Le botti di Brunello
Le botti di Brunello

L’Italia promuove il suo paesaggio vario con identità storiche variegate. Montalcino vuole diventare un distretto biologico per valorizzare tutti i prodotti del territorio da quelli agricoli ai servizi turistici.  Una lega di residenti tra cui spiccano nomi noti come il conte Francesco Marone Cinzano (Tenuta Col D’Orcia) o i rappresentanti della tenuta Rosewood  Castiglion del Bosco di propietà di Ferragamo (una cantina spettacolare e resort dove si sfruttano le proprietà curative del vino e delle piante officinali coltivate in loco) sono intervenuti al  primo convegno che si è tenuto a Montalcino a teatro degli Astrusi per parlare di cibo e paesaggio, cibo e salute e cibo ed economia. I concetti espressi da diversi professori universitari( delle Università di Firenze,Ferrara e Ca Foscari) intervenuti, artigiani panificatori ed economisti hanno evidenziato come oggi sia viva più che mai l’esigenza di mettere a disposizione del consumatore prodotti biologici, sani, digeribili, che siano espressione reale di qualità. Nel prossimo futuro Montalcino vuole essere menzionata non solo per il vino, il celebre Brunello ma anche per il grano di altissima qualità,l’ olio extra vergine, miele, il tartufo,cioccolato, zafferano. La bellezza di certi luoghi si tradurrà in bellezza da consumare e di cui nutrirsi, perchè la bellezza è sempre stata bontà.

Un commento

    Francesco Mondelli

    (7 novembre 2016 - 08:59)

    Giustamente la parola chiave è distretto.Infatti a nulla serve il mio orticello biologico se poi mi ritrovo il vicino che tratta con l’elicottero.Ben venga tutto ciò ricordandosi però di allargare il concetto man mano a gran parte se non propio all’Italia tutta vocata a produrre qualità e non quantità.PS.Concordo inoltre pienamente nel mettere l’accento sul bello che va a braccetto con il buono:chi ama i campi e rispetta il paesaggio ed ha locali puliti ed eleganti per la trasformazione dei prodotti della terra sicuramente metterà in commercio qualcosa di piacevole e salutare.FM.

I commenti sono chiusi.