La Carbonara non Carbonara: la ricetta della Trattoria Zarazà di Frascati

30/11/2020 2.3 MILA

Carbonara non Carbonara
Carbonara non Carbonara

di Floriana Barone

Si chiama “Carbonara non Carbonara” ed è un piatto nato alla Trattoria Zarazà di Frascati circa 18 anni fa, durante un weekend enogastronomico organizzato dal comune dei Castelli Romani. Un primo gustoso, che scherza sul nome del tradizionale primo laziale in quanto non prevede l’uso delle uova tra gli ingredienti. Cavallo di battaglia della famiglia Bronzini, è un piatto senza stagione, che riprende l’antica ricetta romana delle mezze maniche con le costarelle di maiale. La Carbonara non Carbonara è sempre molto richiesta nella storica trattoria di via Regina Margherita: viene aromatizzato con il finocchio selvatico, raccolto personalmente da Bruno Bronzini al Tuscolo.

Frascati Doc, in collaborazione con Cantine Santa Benedetta
Frascati Doc, in collaborazione con Cantine Santa Benedetta

Trattoria Zarazà
via Regina Margherita, 45,
00044 Frascati RM
http://www.trattoriazaraza.it/
[email protected]
Telefono: 06/9422053
Giorno di chiusura: il lunedì

Facebook
Instagram

La Carbonara non Carbonara

Ricetta di Trattoria Zarazà di Frascati

  • 4.0/5Vota questa ricetta

Ingredienti per 4 persone

  • - 400 g di mezze maniche
  • - 400 g di costine di maiale
  • - 2 foglie di alloro
  • - un rametto di rosmarino
  • - 1/2 cucchiaino di fiori di finocchio selvatico
  • - uno spicchio d’aglio
  • - 1/2 bicchiere di vino bianco (Frascati)
  • - brodo vegetale q.b.
  • - Olio, sale, pepe e Pecorino Romano Dop q.b.

Preparazione

Disossare e fare a pezzetti le spuntature. Soffriggere in una padella larga le spuntature con l’aglio sbucciato e tritato finemente. Quando diventano troppo asciutte, bagnarle con il brodo vegetale. Dopo qualche minuto, aggiungere alloro e rosmarino (da eliminare a fine cottura) e finocchio selvatico. Continuare a cuocere finchè le costine non saranno molto morbide. Mettere la pasta in cottura. Sfumare le costine con il Frascati, senza farlo evaporare completamente. Scolare la pasta al dente nella padella delle costine e mantecare qualche minuto aggiungendo pepe e pecorino a piacimento.

Vini abbinati: Frascati Doc, prodotto con malvasia puntinata e bellone, in collaborazione con Cantine Santa Benedetta di Monte Porzio Catone (13 gradi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.