La Confraternita e la tradizione delle frittole calabresi

13/1/2022 3.6 MILA
la confraternita della frittola calabrese la Quadara
la confraternita della frittola calabrese la Quadara

di Giovanna Pizzi

Gennaio tempo di frittole.

Siamo in Calabria e questo è il periodo dell’anno in cui a tavola spadroneggia sua maestà il maiale. Quando il freddo si fa più pungente, infatti, la lavorazione delle carni di suino diventa un rito, nelle case, in campagna, nei borghi, nelle macellerie dal nord al sud della regione.

Frittole e vino calabrese
Frittole e vino calabrese

Salumi, quindi capocollo, pancetta, salsiccia o soppressata ma soprattutto le “frittole”: nella pratica quello che rimane del maiale dopo aver ricavato tutte le parti nobili, in realtà tutto quello che serve per soddisfare palati e pance dei buongustai. Molti ma non tutti, perché, come diversi cibi della tradizione più vera, dai sapori spesso forti, il gusto ancestrale, le fattezze poco gentili, anche le frittole o le ami o le odi. E noi le amiamo. Perché sono l’espressione più verace del cibo tradizionale calabrese, che racchiude in sè un inestimabile patrimonio socio culturale, quello delle usanze, delle storie, dei metodi e dei racconti dei nonni.

'a Quadara
‘a Quadara

Piede, orecchie, cotenna, lingua, pancia, coda ed anche gambone, coste, zampe o ossa, queste le parti del maiale che cuociono per ore e ore nel loro grasso nella cosiddetta “caddara” o “quadara”, a seconda delle zone della Calabria, un pentolone di rame stagnato, molto capiente, in cui i vari pezzi da cuocere vengono adagiati seguendo un ordine ben preciso che segue il loro tempo di cottura. Cottura che avviene su braci di carbone, se si preparano come tradizione vuole, e che certamente non è cosa semplice da eseguire: ci vuole metodo e maestria, soprattutto per mescolarle con l’apposito utensile di legno, è necessario conoscere la ricetta, specialmente la giusta quantità di sale, e possedere un bagaglio di saperi magari ereditati, appresi, rubati da chi è arrivato prima.

Un piatto di frittole calabresi
Un piatto di frittole calabresi

È un’ arte, un ruolo ben preciso quello del “frittolaro”, figura quasi mistica che prepara e gestisce le frittole, che dosa e rimira, e soprattutto sa quando sono pronte, quando la carne diventa così tenera da poter essere consumata, rigorosamente calda.

Frittole
Frittole

La preparazione delle frittole è l’ultimo atto del rito del maiale, una giornata di festa dove amici e parenti si riuniscono in una grande tavolata e certamente non disdegnano di onorare la tavola: salumi, formaggi, olive, sottoli e sottaceti, talvolta la verza in zuppa ad accompagnare le frittole, altre volte i maccheroni col sugo di maiale, a volte le polpette, altre il “fegato col velo”, c’è ci prepara anche il soffritto o per chiudere (e ricominciare) l’insalata di agrumi, di tutto di più a seconda della zona della Calabria ma sempre accompagnato da vino a fiumi e dolci finali.

Minestra di verza
Minestra di verza

L’ultima di queste tavolate, alla quale ho avuto l’immenso piacere di partecipare, è stata quella organizzata dalla “Confraternita della Frittola Calabrese- La Quadara”, associazione che si propone, con orgoglio e dedizione, di rafforzare il senso di appartenenza all’identità locale valorizzando e perpetuando il rito della “frittolata” o “quadara” e alimentando il folklore, inteso come cultura, che si spera e si cerca di tramandare per non far perdere la memoria di una storia ricca di amore, sacrifici e positività.

il comandante Colonna alla Quadara
il comandante Colonna alla Quadara
Il mantello delle confraternite
Il mantello delle confraternite

È stata organizzata una “due giorni” intensa, prima presso l’istituto alberghiero di San Giovanni in Fiore (CS), che ha ospitato il convegno sul tema della “Tutela delle tradizioni enogastronomiche come patrimonio socio-culturale”, poi presso la trattoria “Chianu e piru” della famiglia Colonna a Dipignano (CS), luogo scelto dal priore della confraternita Emilio Iantorno e dal vice Carlo Petrassi, che tanto si dedicano all’attività associativa, dove si è potuto gustare le tanto amate frittole, magistralmente eseguite dall’abile e affabile titolare Franco Colonna.

il vicepriore della Confraternita Carlo Petrassi
il vicepriore della Confraternita Carlo Petrassi

Questa seconda giornata, oltre a deliziare i palati, è stata anche occasione per celebrare simpaticamente, con tanto di costumi ufficiali e apposito rituale, il “battesimo” dei nuovi iscritti all’associazione e per lanciare, alla presenza del presidente della Federazione nazionale dei circoli enogastronomici, il raduno nazionale delle confraternite italiane che si svolgerà proprio a Cosenza ad ottobre.

il battesimo
il battesimo

Ancora riecheggiano nella mia mente le parole del priore nel ringraziare soci storici e nuovi ‘battezzati’: “Tornare alle tradizioni per capire meglio il tempo in cui viviamo riscoprendo il valore dell’amicizia e dello stare insieme”.

Che ben racchiude le intenzioni di chi oggi cerca di far rivivere atmosfere e sapori di un tempo in una Calabria che mai come adesso può e deve valorizzare le tradizioni che ancora, per fortuna, esistono e resistono.

Trattoria Chianu e piru

Contrada Piano di Pero, 12, 87045 Cappuccini CS

0984621674

2 commenti

    Francesco Mondelli

    Il tortino di pane con le fristole.Una bontà tutta Cilentana ma non [email protected] termine che per noi avanti negli anni equivale a “sapore originale”FM

    13 Gennaio 2022 - 14:23Rispondi

    Emilio Iantorno

    Grazie per l’articolo molto ben elaborato che restituisce la missione della nostra e vostra confraternita: la salvaguardia delle tradizioni e la promozione del territorio. Emilio Iantorno Priore de “La Quadara”

    16 Gennaio 2022 - 19:14Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.