La locanda di Alia a Castrovillari e il dono di Gaetano

26/11/2019 1.1 MILA
La Locanda di Alia, Gaetano-Daniele
La Locanda di Alia, Gaetano-Daniele

La Locanda di Alia a Castrovillari
Via Ietticelli, 55

Telefono e Fax +39 0981 46370  Mobile +39 333 5701332‬
info@locandadialia.it‬‬‬‬‬‬
Chiusura domenica sera e lunedi.  Ferie : settimana di ferragosto
Costo del pranzo (vini esclusi) 40,00-50,00 €uro Carte di Credito: Tutte

di Michele Polignieri

“Ci sono persone che hanno il dono.
Hanno il potere di far risuonare alcune note dentro all’anima, svoltarti l’umore, convincerti che la vita non è così brutta quando gira male ed è bellissima quando invece sì. 

E forse non serve neppure che siano grandissimi o tecnicamente perfetti, o geniali. Semplicemente hanno il dono supremo di saper toccare le corde giuste delle emozioni come il chitarrista sa esattamente dove sfiorare le corde della chitarra*”.

La sua cucina è garbata, fine e delicata, come il suo sorriso; un sorriso che non t’aspetti abituati come siamo alla saccenteria di  suoi colleghi, che allontanano anziché avvicinare: ecco com’è Gaetano Alia; ha il dono, quel talento cioè che non si apprende, e  non si impara in nessuna scuola di cucina; è pura inventiva senza ricorso a iperboliche declinazioni e sciupìo di tecniche che, il più delle volte, esprimono banali effetti speciali, insipienza pura, cioè,  senza sostanza; quel potere innato che gli consente di farsi apprezzare ed amare a prima vista. Lui losa e lo scrive anche sul banner di benvenuto del ristorante.

La Locanda di Alia - Chef
La Locanda di Alia – Chef

Non si puo comprendere la cucina di Gaetano senza una conoscenza sulle provenienze delle culture territoriali;

tra i luoghi inventati dal Buon Dio, questo scorcio dI Calabria “Pollinica”, abbondantemente  permeata dalle etnie albanesi nei territori definiti appunto arbëreshë ed identificata come  Calabria Citeriore,   ci regala una agricoltura e cucina fatte di delicate vibrazioni, non invasive cioè della natura  delle matrici alimentari (pensate alle Lagane e Latte, cioè un semplice tagliolino cotti direttamente nel latte di pecora o di mUcca per il pranzo del giorno dell’Ascensione di Nostro Signore),  che qui hanno casa, senza stravolgere, e tutto ciò si ritrova in accordo mirabile alla leggerezza dell’uomo che nel suo locale inventa ricette i cui tocchi rimandano alla leggenda di Re Mida….Una cosa semplice nelle sue mani  diventa un pezzo unico….Rifletteteci su… quando andrete a trovarlo e ditemi se non ricorda ricorda Pietro Paolo Virds, il centravanti del Milan che quel furbaccio di Lihedolm rubò alla Juve con un piatto di lenticchie, colui che  entrava in area di rigore come in cerca di un tabaccaio in una città straniera….guardava l’avversario , il portiere, e poi il suo tocco di palla…… Gol!

Locanda di Alia Castrovillari_crostone insalata di carciofi e guanciale
Locanda di Alia Castrovillari – crostone insalata di carciofi e guanciale

Le materie prime di Alia  vengono assecondate, non stravolte nè trasformate in pacchiano substrato, e per questo rispetto  piace la sua cucina cosi come il disuso della Cottura a Bassa Temperatura, artifizio da troppi abusato come calciare la palla  in tribuna quando l’azione diventa pericolosa e non sai cosa farne…….

Locanda di Alia, Castrovillari esterni
Locanda di Alia, Castrovillari esterni
Locanda di Alia Castrovillari, esterno
Locanda di Alia Castrovillari, esterno

“Il dono non è legato a quello che sai ma a quello che sei, persino quando non sai di esserlo e non riesci a governarlo con la mente…. Il dono è l’anima più profonda che esce e tocca quelli che ti stanno intorno, come la luce illumina e ridefinisce i contorni degli oggetti, delle emozioni, te li fa vedere davvero”.*

Le Due Calabrie. 

Le Calabrie
Le Calabrie

La Calabria Ulteriore, sottesa dalla Città metropolitana di Reggio Calabria per intendersi, è distante, troppo distante per non consentire a questo territorio cucine diametralmente differenti poichè dominate dalle rispettive derive etniche; la cucina è greca qui, come il capicoddu Azze Anca Grecanico del mio amico Francesco Riggio,   e parla dialetti differenti ma che si unificano con il Cosentino sotto l’ombrello delle poche, ma stratosferiche, ricette e   matrici condivise:  nduja – capocollo – sopressata,   acciughe sottosale, novellame di alici sotto peperoncino, “ ciancianiedi” (e tutta la teoria dei prodotti della pesca) , stocco vero (no molva , ling e brosme),  da un lato e pasta ‘ncasciata,  pasta con le alici,
zafarane chine bocconotti e cannariculi, dall’altro, che rendono intrigante il caleidoscopico orizzonte che qui ci appare.

Locanda di Alia Castrovillari_Candele spezzate alla nduja, pecorino e tocchi di magro
Locanda di Alia Castrovillari_Candele spezzate alla nduja, pecorino e tocchi di magro

Tradizione e semplicità fatta gastronomia trasversale in questo piatto.

La Locanda di Alia - Crema di cime di rape, moscardini, fagioli bianchi di Castrovillari
La Locanda di Alia – Crema di cime di rape, moscardini, fagioli bianchi di Castrovillari
Locanda di Alia Castrovillari_Panzerotti ripieni di verdure e ricotta con salsa di semi di anice selvatico e parmigiano
Locanda di Alia Castrovillari_Panzerotti ripieni di verdure e ricotta con salsa di semi di anice selvatico e parmigiano

Non uscite dal locale senza averli provati. Classe allo stato puro

La Locanda di Alia a Castrovillari

Locanda di Alia Castrovillari_Lacerto con ristretto di ortaggi, rucola e parmigiano stravecchio
Locanda di Alia Castrovillari_Lacerto con ristretto di ortaggi, rucola e parmigiano stravecchio
Locanda di Alia Castrovillari_filetto di maiale nero, mela, frutti di bosco
Locanda di Alia Castrovillari_filetto di maiale nero, mela, frutti di bosco

Una terra baciata….Non solo mare, non solo montagne.

Locanda di Alia Castrovillari, giurgiulena
Locanda di Alia Castrovillari, giurgiulena

Una immagine  opulenta di questa terra schiacciata tra due mari, mi soccorre per lo straordinario successo della enologia targata CIRO’ E POLLINO, della olivicoltura di qualità   indiscussa dalle cultivar Carolea, Tonda di Rossano ed delle alloctone  Biancolilla e Nocellara del Belice (specie nel versante jonico verso   Vaccarizzo Albanese), ed ancora   Cedro, Bergamotto e gli onnipotenti fagioli Poverelli Bianchi del Pollino (Laino Borgo, Laino Castello, Mormanno, Aieta, Scalea, Morano Calabro)………..Un farmaco piu’ che un alimento, così come i suoi rosoli…

Locanda di Alia Castrovillari, calamaretti a velo e poverelli bianchi
Locanda di Alia Castrovillari, calamaretti a velo e poverelli bianchi
Locanda di Alia Castrovillari, rosoli
Locanda di Alia Castrovillari, rosoli
Locanda di Alia Castrovillari, saletta
Locanda di Alia Castrovillari, saletta

..e tutto questo si trova qui da Gaetano, nei piatti e nell’aria che si respira, Stella Michelin per 10 lunghi anni, ingranaggio perfetto e collaudato con Fernando Martino e Daniela Alia, Daniele Vitale (pulcino del vivaio del locale di cui si considera “il secondo” );

Daniela e le sue ospiti
Daniela e le sue ospiti

ai dolci la bravissima Lucia Alia, classe 1985, fresco  conio da “pasticcere” blasonato targato Iginio Massari.

Locanda di Alia Castrovillari, Insalata di fichi secchi in salsa di cioccolato bianco
Locanda di Alia Castrovillari, Insalata di fichi secchi in salsa di cioccolato bianco

Ecco l’ anima Bizantina del locale, quella propria dei popoli qui arrivati tra il XV e il XVIII secolo dall’Albania,  figlia dei collivi o panaghie (grano bollito simbolo della vita che continua condito con cacao, caffè, cannella, chiodi di garofano),
cosi come si fa a Bari nella Basilica di San Nicola  in onore del vescovo di Mira; la ricetta di questo dolce di Gaetano, fichi freschi o secchi secondo stagionalità, è un tripudio per voluttà e finezza stilistica.

La cantina è ricca, con decisa sterzata a SUD, tra vigneti calabresi  anzicchennò….

Locanda di Alia Castrovillari, Cantina
Locanda di Alia Castrovillari, Cantina

Bravo Gaetano, hai vinto su tutto arrivando dove sei,  collocando il tuo Ristorante tra le maggiori attrattive gastronomiche italiche e, maggiormente,   per aver resistito e non esserti unito a quella terza fetta di Calabria, l’Exteriore, irrimediabilmente persa sotto il peso dell’emigrazione forzata.

Ad Altiora!

“Bello avere il dono!

 Che tu scriva, o canti o realizzi un manufatto facendo risuonare la grazia dentro, l’eleganza ma anche forse una profondità sconosciuta a chi ha solo mestiere e tecnica. Cogliere l’attimo e saperlo sintetizzare alla perfezione e forse soffrire come un cane quando non ti riesce, perché il lato oscuro del dono è lo sconforto di arrovellarsi sempre per essere all’altezza”*.

*Lucia Calia – “Senza Oggetto” ( Suoni della Murgia edizioni-2017)

La Locanda di Alia

3 commenti

    Roberto Rubino

    Complimenti Michele
    Gran bel l’articolo è la Locanda Alia merita le cose belle che hai scritto .

    26 novembre 2019 - 12:15Rispondi

    michele polignieri

    Grazie Roberto. Gli alimenti agricoli, l’attenzione a non alterarli durante l’elaborazione rispettandone la natura, credo siano il segreto del Maestro Alia.

    26 novembre 2019 - 12:57Rispondi

    Andrea M.

    Sembra davvero un luogo magico, come una volta, assolutamente da provare

    27 novembre 2019 - 23:11Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.