La Rocca del Gusto a Monterotondo

18/2/2017 3.4 MILA
Maria Luisa Conrado
Maria Luisa Conrado

di Virginia Di Falco

La Rocca del Gusto si trova a Monterotondo, comune di origini medievali nell’area metropolitana di Roma, dove si arriva grazie a due strade consolari: Salaria e Nomentana. In 25 minuti di auto (Salaria all’andata, Nomentana al ritorno) abbiamo raggiunto una meta per golosi cha vale davvero la pena di essere raccontata.
Maria Luisa Conrado, figura minuta e gentile che sembra uscita da una commedia francese di Anne Fontaine, ha aperto questo posticino nel 2010. Siamo tra i vicoli del centro storico ma il locale è arredato in maniera molto essenziale e moderna.

Rocca del Gusto, la sala
Rocca del Gusto, la sala

Prevale l’arancio, ma ci sono tocchi di colore ovunque, e persino le copertine dei menu sono abbinate ai colori dei bicchieri per l’acqua. Tavoli ben distanziati e ben illuminati, un servizio di grande garbo ma anche informale nella giusta misura, come si conviene in un’osteria. Infine, una carta dei vini piccola ma curata, che consente di bere buone bottiglie a prezzi giusti, restando nel Lazio o pescando da diversi vitigni nazionali.

Rocca del Gusto, il vino
Rocca del Gusto, il vino

La carta è piccola ma garbata anch’essa, con proposte in equilibrio tra ricette della tradizione e qualche piatto nuovo che gira intorno ai diversi prodotti di nicchia che Maria Luisa ama selezionare personalmente. «Qui in realtà finiamo per dedicare le vacanze estive a cercare e assaggiare in giro per l’Italia», racconta Alessandro, mentre suggerisce la sequenza di degustazione per il tagliere di salumi e formaggi. E, infatti, almeno i piccoli produttori della zona, Maria Luisa li chiama tutti per nome, quando spiega dove si procura gli ormai rari ceci di Capena o le uova fresche ogni giorno. Una vera paladina, inoltre, di tanti Presidi di Slow Food, che non a caso la segnala anche quest’anno tra le osterie della Guida.

Rocca del Gusto, crema di ceci di Capena
Rocca del Gusto, crema di ceci di Capena

Per cominciare, partiamo proprio da questi legumi prelibati, proposti in una crema pastosa, su pane croccante, con melanzane all’olio della Sabina, precisamente di Nerola. Un olio extravergine davvero gustoso che, insieme ad una leggera spinta dell’aceto rende ancor più gradevoli i crostini.

Rocca del Gusto, pate di uova alla russa
Rocca del Gusto, pate di uova alla russa

Meno efficace, invece, il patè di uovo alla russa, dove forse una maionese avrebbe giovato di più alla rotondità del piatto, un po’ troppo penalizzato dai toni acidi di yogurt e sottaceti.

Rocca del Gusto, amatriciana
Rocca del Gusto, amatriciana

Tra i primi piatti, da non perdere l’amatriciana, sia quella classica che quella ‘solidale’ (che partecipa cioè alla campagna di aiuti per le zone terremotate di Amatrice) personalizzata con della polvere di peperone crusco, a renderla più ghiotta e profumata: sughetto di pomodoro non invasivo, centrato per sapore e consistenza, ottimo guanciale ben abbrustolito ma non secco.

Rocca del Gusto, zuppa alla gallurese
Rocca del Gusto, zuppa alla gallurese

Sfiziosa e soddisfacente al tempo stesso, la ‘zuppa alla gallurese’, un primo piatto realizzato con il pane carasau ammorbidito nel brodo e poi farcito come una lasagna. Delicato e confortevole.

Rocca del Gusto,  spezzatino all arancia
Rocca del Gusto, spezzatino all arancia

Tra i secondi, oltre a bistecche e braciole del reatino, un profumato spezzatino all’arancia, dalla carne ben trattata, di notevole tenerezza; e un gateau di patate alla nocciola, poco convincente forse per un campano che ha il culto della versione classica del “gattò”, essendo in questo troppo prevalente il gusto della nocciola, che ne fa quasi un dessert, più che un secondo piatto. Ma è davvero una questione di memoria gustativa, tant’è che è piaciuto molto al resto dei commensali.

Rocca del Gusto, gateau di patate alla nocciola
Rocca del Gusto, gateau di patate alla nocciola

Un bel viaggio tra i sapori d’Italia, da Nord a Sud – passando per il pecorino di Monterotondo – il piatto di salumi e formaggi, ben presentato, con una indovinata gelatina alla birra di accompagnamento.

Rocca del Gusto, salumi e formaggi
Rocca del Gusto, salumi e formaggi
Rocca del Gusto, gelatina di birra
Rocca del Gusto, gelatina di birra

Si chiude in bellezza con il nocciolamisù, interpretazione ricca e golosa del tiramisù classico, cremoso, servito al bicchiere.

Rocca del Gusto, nocciolamisu
Rocca del Gusto, nocciolamisu

Per concludere, un posto che consigliamo caldamente, soprattutto a chi cerca un’osteria moderna e aggiornata che sa raccontare con garbo e curiosità una cucina attenta alle piccole produzioni locali ma senza che si trasformino in chiusure verso quello che accade fuori.

Rocca del Gusto, insegna
Rocca del Gusto, insegna

LA ROCCA DEL GUSTO
Via della Rocca, 36 – Monterotondo
Tel.
333 924 3753
Aperto solo la sera – domenica a pranzo, su prenotazione.
www.laroccadelgusto.it