L’ultima follia di Fontana: vietare la vendita di alcolici dopo le 18, la lettera di Riccardo Cotarella, presidente Assoenologi

21/10/2020 1 MILA
Riccardo Cotarella
Riccardo Cotarella

Egregio Presidente,

Le sono umanamente accanto, consapevole che mai come adesso governare una Regione del nostro straordinario Paese, richiede fermezza, coraggio e visione strategica. La complessa e difficile emergenza sanitaria che il mondo intero sta da mesi vivendo non sfugge a nessuno. Tanto meno ad Assoenologi, che mi onoro di rappresentare in qualità di presidente.

È per questo, Governatore, che non comprendo, né sono disposto ad accettare passivamente, una specifica ordinanza, da Lei licenziata, che mina il cuore produttivo del settore enologico. Mi riferisco alla recente ordinanza – la cosiddetta anti-movida – che vieta la vendita di vino e alcolici dopo le ore 18 in tutti gli esercizi commerciali pubblici.

Una norma che, non solo si fa fatica ad accogliere, ma è anche di difficile comprensione all’interno di un quadro strategico teso al contrasto della diffusione del virus. Dietro ogni ordinanza ci sono vite appese che meritano scelte ponderate. Perché in una fase come questa, da ogni decisione presa, il rischio di non poter tornare indietro è elevatissimo.

Le chiusure anticipate al pomeriggio o alla mezzanotte per ristoranti, bar e pub – seppur forse necessarie per scongiurare un nuovo lockdown totale – stanno già avendo delle ripercussioni negative sul mondo del vino che, a fatica, già tentava di rialzarsi dopo quanto accaduto la scorsa primavera.

La nuova ondata di casi Covid 19 genera preoccupazione per la salute pubblica e la tenuta del sistema economico nazionale e mondiale. Considerazioni, che ci hanno portato, senza esitazione, ad accogliere fin da subito con responsabilità le misure messe in atto dal Governo al fine del contenimento dell’epidemia, malgrado alcuni provvedimenti comportassero dei sacrifici notevoli per le aziende.

Assoenologi, così come già dimostrato, ancora una volta è a disposizione dell’Ente che Lei rappresenta e del Governo nazionale, per continuare a dare un contributo importante alla lotta al Coronavirus, ma non può esimersi dal chiederLe, in qualità di Governatore della Regione Lombardia, di rivedere la posizione assunta in merito all’ordinanza sopracitata. Ne va della sopravvivenza di migliaia di produttori e lavoratori del comparto enologico e vitivinicolo lombardo e italiano.

Nell’accorata speranza di ricevere un Suo riscontro, Le porgo un cordiale saluto.

Riccardo Cotarella – Presidente Assoenologi

2 commenti

    Antonio

    Vorrei capire, come è possibile dichiarare tale eresie… !

    21 ottobre 2020 - 16:34

    Francesco Mondelli

    Grazie al virus i nostri “governanti”(per me sempre valida la lezione di De Andrè:ma come si fa ad essere così coglioni da non riuscire più a capire che non ci sono poteri buoni)hanno tirato fuori maldestramente tutto il vocabolario malamente e faticosamente imparato a scuola:siamo in guerra(qualcuno ha sentito qualche colpo di cannone?)coprifuoco(chi può infettare una persona che dopo mezzanotte va in giro in macchina o a piedi?)proibizionismo(è diventato reato tirarsi su il morale con una birra o un bicchier di vino la sera dopo una grigia giornata di lavoro per di più continuamente bombardati dalla propaganda di stato con numeri aneddoti e quant’altro riguardo al loro “caro” ed amato Covid.Preciso.Nessuna negazione del problema ma è mai possibile che nessuno si interessi e studi scientificamente e poi ci comunichi le vere norme igieniche da adottare per evitare di farsi contagiare?Sursum corda ricordando sempre la lezione di De Andrè: quel che fa morire non è fumare o bere ma qualcosa che si chiama vivere.FM

    22 ottobre 2020 - 12:58

I commenti sono chiusi.