Da Michele a Milano, ecco la prima recensione da clienti che fanno la fila e pagano

23/1/2018 8.9 MILA
L’Antica Pizzeria Da Michele, la margherita
L’Antica Pizzeria Da Michele, la margherita

di Fabiola Quaranta

Se vi dico Napoli voi a cosa pensate? Certo al Vesuvio, al mare, a mandolino, spaghetti e pizza… e che pizza. Ammaccata e stesa velocemente, condita con ingredienti semplici e locali, infornata e cotta ad altissime temperature, bollente da ustionarvi il palato e irrimediabilmente profumata da inebriarvi, grande, grandissima come una ruota di carro, debordante dal piatto, una pizza vera ed imperfetta che vi racconterà cento e più anni di vita al primo boccone. Quel disco dal cornicione appena accennato, bruciacchiato e verace vi narrerà di una famiglia, i Condurro, nata in un quartiere popolare di Napoli, numerosa e prolifica, di figli allevati tra la farina, di mani operose e infaticabili, di ricchi signori e poveri scugnizzi. L’antica pizzeria Da Michele si trova a Forcella e lì vengono sfornate margherite e marinare (e nulla più!) da oltre un secolo, sempre alla stessa maniera, pratica e spartana, frettolosa, su tavoli di marmo bianco in mezzo a gente di ogni dove, la tradizione si mescola al folklore e la vera pizza napoletana la fa da padrona.

L’Antica Pizzeria Da Michele insegna
L’Antica Pizzeria Da Michele insegna

Quella stessa  a rot e carrett ormai conosciuta ai più, napoletani e non, e riconosciuta nel mondo come la vera pizza napoletana, ne ha fatta di strada, giungendo anche a Milano, senza valigia di cartone ma da signora, piazzandosi in una delle zone più modaiole e trendy della città, anzi, di più, in uno dei locali più cool della movida meneghina, creando in meno di un mese la stessa, interminabile fila per entrare che sempre e da sempre troverete a Napoli e, da poco più di un anno, a Barcellona, Roma e Londra, finanche in Giappone.

A distanza di qualche settimana dall’apertura riesco finalmente ad andare Da Michele, chiaramente in anonimato, in un freddo sabato sera di gennaio. Decido di andarci presto perché so che l’attesa è lunga e infatti, già alle 19,45 mi ritrovo a dovere attendere circa 40 minuti prima di varcare la soglia del tempio della pizza. E’ paradossale che gli astanti siano per la quasi totalità miei conterranei, mi diverto a scambiare con loro battute, a far sorridere qualche bimbo spazientito dal freddo (qualche stufa all’esterno non sarebbe un cattivo investimento visto che siamo a Milano e qua, si sa, fa freddo) e dall’attesa e mi godo l’acquolina che intanto il profumo e la vista delle pizze al di là della veranda esterna mi procurano.

L’Antica Pizzeria Da Michele, interni
L’Antica Pizzeria Da Michele, interni
L’Antica Pizzeria Da Michele, il forno e lo staff
L’Antica Pizzeria Da Michele, il forno e lo staff

Ci sediamo, il locale è proprio bello ed elegante, non ha nulla in comune con quello di Napoli ma, del resto, è normale sia così. Il Ricci prima in gestione di Belen e Bastianich è rimasto quasi identico, solo arricchito di vecchie foto in bianco e nero, ci sono Pulcinella, Totò, il forno in bella vista, pizzaioli e fornai in frenetica attività e facce sorridenti ai tavoli.

L’Antica Pizzeria Da Michele, Pulcinella
L’Antica Pizzeria Da Michele, Pulcinella

I 180 coperti sono al completo, e siamo solo ad inizio serata. Ordiniamo una margherita, una marinara, un calzone e un antipasto, il Don Luigi. Il menù non prevede un’ampia scelta di pizze, sono soltanto quattro oltre la fritta, alcune birre artigianali, i dolci di Bellavia. I ragazzi in sala sono distesi nonostante la confusione, non mancano di scambiare una battuta e farsi una risata come nella migliore tradizione partenopea, il servizio è veloce. Arrivano finalmente le nostre pizze: la margherita è sublime, la sintesi perfetta dell’origine della pizza, un capolavoro di bontà che mi lascia senza parole, una pizza che ha il sapore di Napoli, che racchiude in sé la vera essenza di questo simbolo gastronomico: un’esplosione di un gusto unico ed inimitabile, frutto di una tradizione che pur rimanendo immobile nel tempo ha valicato i confini di Napoli esportandosi nel mondo. Sorrido inorgoglita dall’espressione più autentica del popolo che amo, dalla capacità di farsi amare senza sforzo, restando fedele a se stesso, non vendendosi alle mode. Peccato che la marinara non mi abbia emozionato alla stessa maniera, arriva al mio tavolo in una veste troppo imperfetta da apparire purtroppo anonima. Il calzone invece non delude le mie aspettative. Divertente l’antipasto con nodini di pasta fritta, leggeri e asciutti, accompagnati ad una salsa di pomodoro e ad una stracciata di bufala condita con olio di oliva.

L’Antica Pizzeria Da Michele, la marinara
L’Antica Pizzeria Da Michele, la marinara
L’Antica Pizzeria Da Michele, antipasto
L’Antica Pizzeria Da Michele, antipasto

Il progetto Michele in The World di Alessandro Condurro è in piena espansione e questo locale milanese ne è il segno evidente: la regina ha deciso di viaggiare ma è sempre lei, la pizza a rot e carrett, cambia solo abito e si adegua alla città in cui si insedia ma oggi, come cento anni fa, vi rammenterà qual è la vera pizza napoletana e vi conquisterà. I prezzi ovviamente non sono quelli di Forcella…

L’Antica Pizzeria Da Michele
Piazza della Repubblica, 27, Milano 

4 commenti

    Marco Galetti

    (23 gennaio 2018 - 10:02)

    @Fabiola, che ringrazio per le info e per il bel post, un unico appunto: a Milano non fa freddo, almeno quest’anno… quanto alla marinara, gliel’hai fatto presente… ciao M.

      paolo

      (7 febbraio 2018 - 00:55)

      Può essere che io non capisca nulla di pizze ma le foto non mi attraggono anche perché sono stato da Michele a Napoli e hoo mangiato una margherita non buona con il cornicione completamente bruciato e servito da personale poco gentile e arrogante.
      Mi sembra tutto molto ,troppo turistico e assai poco verace. A Napoli ottime pizze da Kalò e alla Notizia.

    Francesco Mondelli

    (23 gennaio 2018 - 14:25)

    Spiritoso il Galetti,ma tradisce solo la grande voglia di mare e di azzurro che dall’uggiosa Milano sta un po’ ……lontano.PS.Bellavia è da sempre una delle migliori pasticcerie di Napoli ed oggi credo che non abbia rivali.FM.

    Lucio

    (26 gennaio 2018 - 00:07)

    È vero che ognuno ha i propri gusti, ma sinceramente una pizza così schifosa non l’avevo mai mangiata. La pasta era completamente bagnata e i bordi immangiabili. I tavoli di marmo a Milano con il freddo non vanno bene perché le pizze si raffreddano all’istante!!
    Il dolce “delizia al limone” aveva un sapore “finto”. L’unica cosa che si salvava era l’antipasto “nodini di pasta fritta servito con passata di pomodoro e stracciata di bufala”.
    Il conto assolutamente troppo elevato!
    Esperienza da non ripetere e non consigliare.
    Spero di poter andare a Napoli e verificare che li la pizza è un’altra cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *