Anthony Bourdain, si è suicidato! Addio al cuoco di No Reservations, il programma gastronomico più visto al mondo

8/6/2018 8.2 MILA
Anthony Bourdain
Anthony Bourdain

Anthony Bourdain, si è suicidato. Aveva 61 anni. A farlo sapere è la Cnn, per la quale Bourdain conduceva una trasmissione. Si trovava in Francia per lavorare a una nuova puntata della serie «Parts Unknown», scrive Cnn, e il suo amico Eric Ripert, chef francese, lo ha trovato stamane senza vita nella sua stanza d’albergo.
Nato a New York nel 1957, Bourdain si era diplomato al Culinary Institute of America. Nell’arco della sua vita aveva lavorato per famosi ristoranti statunitensi e collaborato con testate come il New York Times, Times, Observer e l’Independent. Dopo la separazione dalla ex moglie, si era legato sentimentalmente all’attrice Italiana Asia Argento.

Nel 2000 pubblica Kitchen Confidential. Avventure gastronomiche a New York, resoconto di ciò che può accadere nelle cucine di famosi ristoranti americani.
Il suo articolo Don’t Eat Before Reading This, pubblicato sul New Yorker nel 1999, ha attirato l’attenzione dei media anglosassoni e ha gettato le basi per la sua serie TV
Anthony Bourdain: Viaggio di un cuoco, trasmesso anche  in  Italia.  La serie lo vede in viaggio alla ricerca di ricette in tutto il mondo. Partendo da questa trasmissione, nel
2001 ha scritto Il viaggio di un cuoco, vincitore nel 2002 del premio Guild of Food Writers Award for Food Book of the Year.

Bourdain è inoltre autore di due romanzi gialli: Bone in the Throat (1995), pubblicato in Italia nel 2007 per Marsilio, e Gone Bamboo, pubblicato nel 1997. Bourdain ha pubblicato nel 2004 Les Halles Cookbook, guida alla cucina classica da ristorante, con ricette da lui apprese nei suoi anni di lavoro come chef  nei ristoranti di New York e nei numerosi viaggi. Del 2013 Avventure agrodolci per Feltrinelli .

Anthony Bourdain con Pasquale Torrente nel 2010
Anthony Bourdain con Pasquale Torrente nel 2010

Nel suo instancabile peregrinare per il mondo era stato anche a Napoli, attratto dallo street food straordinario di questa città e a Cetara in una trasmissione sulla colatura di alici con Pasquale Torrente che fece 40 milioni di spettatori in Usa.