Mozzarella con il latte congelato? Non oltre giugno! Interrogazione Parlamentare di Paolo Russo: che non diventi la scusa per modificare il disciplinare

4/1/2021 1.1 MILA
Pier Maria saccani, direttore del Consorzio

“La mozzarella di bufala campana DOP non si tocca: utilizzare il latte congelato  significa sacrificarne la qualità e mortificare il lavoro dei produttori artigianali che continuano a rispettare le regole dettate dalla tradizione e dal disciplinare. É per questo che ho appena presentato un’ interpellanza al Ministro dell’Agricoltura: adotti ogni provvedimento per tutelare uno dei più importanti simboli del made in Italy che rischia di essere trasformato in un prodotto senza più quell’identità che deriva da una ricetta esclusiva fatta di sapore e tradizione territoriale”: è quanto annuncia il deputato Paolo Russo, responsabile nazionale del dipartimento Sud di Forza Italia, che ha firmato l’iniziativa parlamentare dopo che il Mipaaf ha prorogato al 30 giugno 2021  l’autorizzazione, concessa con un decreto del 18 marzo scorso, ad utilizzare latte congelato per realizzare mozzarella di bufala campana DOP in deroga al disciplinare che stabilisce l’impiego esclusivo di latte fresco entro 60 ore dalla mungitura.

“Non vorrei – spiega Russo – che la deroga al disciplinare più che costituire un  fatto  straordinario  spianasse la strada a modifiche sostanziali. É per questo motivo che ho chiesto al ministro di consentire  l’utilizzo delle eccedenze congelate   soltanto fino a giugno 2021 e comunque solo a condizione che sia evidenziato in etichetta che il prodotto finale è realizzato, in via eccezionale, con  latte congelato e non con latte fresco”.

“Nessun Consorzio di tutela di formaggi DOP – aggiunge Russo – né del Parmigiano Reggiano, né del Grana Padano e nemmeno del Gorgonzola, dell’Asiago o del Pecorino ha chiesto, nonostante la crisi determinata dal Covid, deroghe al disciplinare di produzione che ne minassero il valore evocativo dell’areale di produzione. Tutti, ragionevolmente, hanno semmai  richiesto sostegni al mercato. É questa, infatti, l’unica strada da percorrere perché ogni altro provvedimento destinato ad incidere sugli ingredienti e sul procedimento di lavorazione determinerebbe il totale snaturamento della mozzarella di bufala campana DOP e per giunta la esporrebbe ulteriormente ai tentativi di contraffazione e di plagio”.

“Sostenere una filiera che è unanimemente riconosciuta come un comparto produttivo strategico per l’alta qualità delle produzioni, a cominciare proprio dal latte significa da un lato mettere in campo risorse e ristori per i danni economici subiti a causa della crisi economica in atto e dall’altro alzare un argine contro tutte quelle furbizie che minerebbero irrimediabilmente la storia di un prodotto. L’oro bianco della Campania non può essere trasformato in un cubotto che nulla a che vedere con quelle perle di sapore che fino ad oggi il mondo intero ha gustato”, conclude il deputato.

 

Un commento

    Emilio

    1) Gorgonzola, Asiago e pecorino sono prodotti che possono essere stoccati per mesi o anni, la mozzarella manco per 2 ore. Quindi il paragone non è calzante. 2) Consentire la dop col latte congelato sarebbe un passo molto intelligente per il consumatore e la filiera, tanto già ve la mangiate da anni e manco lo sapete (purtroppo le bufale fanno il latte tutti i giorni, pure a natale e la domenica).

    5 gennaio 2021 - 10:50Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.