Naima Aglianico Paestum Igt 2007 Viticoltori De Conciliis

7/1/2022 877
Naima Aglianico Paestum Igt 2007 Viticoltori De Conciliis
Naima Aglianico Paestum Igt 2007 Viticoltori De Conciliis

di Enrico Malgi

In principio si praticava un’insignificante ed empirica viticoltura di sussistenza, dotata di scarso valore qualitativo. Poi verso l’inizio degli anni ’90 del secolo scorso è arrivata all’improvviso la svolta epocale che ha cambiato tutto, perché ci si è resi conto che anche nel Cilento, dove erano stati i Greci già dal VII secolo a.C ad introdurre la coltivazione della vite, si potevano allevare ottimi vitigni e realizzare vini eccellenti. Questo grazie ad una sinergica forza territoriale che poteva contare su un areale molto vocato, sull’applicazione ed il sostegno di nuove tecnologie, sulla disponibilità di moderni strumenti di lavoro in vigna ed in cantina e sull’acquisizione di cognizioni professionali di alto livello. Senza dimenticare poi la determinante spinta ricevuta proprio in quegli anni dalle nuove denominazioni territoriali Cilento e Paestum Igt.

Un piccolo manipolo di  viticoltori, con in prima fila Botti, Polito, Rotolo, Barone, Maffini, De Conciliis e qualche altro ancora, aveva gettato le basi per il definitivo salto di qualità, passando dall’ottuso oscurantismo precedente ad un pensiero finalmente progressista, illuminista ed innovativo. E così, seppur in forma ridotta, sono state confezionate pregevoli etichette, utilizzando soprattutto l’Aglianico per il rosso ed il Fiano per il bianco, che da subito hanno incontrato il favore dei critici e dei consumatori.

Controetichetta Naima Aglianico Paestum Igt 2007 Viticoltori De Conciliis
Controetichetta Naima Aglianico Paestum Igt 2007 Viticoltori De Conciliis

Una di queste etichette è stata, e lo è ancora tuttora, il Naima Aglianico Paestum Igt dei Viticoltori De Conciliis di Prignano Cilento. Una bottiglia diventata col passare del tempo una vera e propria icona e che ha rotto subito gli schemi, presentandosi come fonte di rinnovamento e di alta qualità, tanto da ricevere nel corso degli anni innumerevoli riconoscimenti a livello nazionale e internazionale.

In questi giorni di lunghe festività ho saccheggiato come al solito la mia cantina e così, tra le altre, ho scovato anche una bottiglia di Naima del 2007.

Aglianico in purezza maturato per sei mesi in acciaio e cinque anni in botti grandi ed affinato poi in vetro per altri due anni. Tasso alcolico di sedici gradi. Prezzo finale orientativo attuale di 50,00 euro.

Alla vista si presenta un luccicante e vivace colore rosso scuro. Spettro aromatico intensamente costellato da eterei profumi,  fragranze fruttate di ciliegia, prugna e sottobosco. Calibrati poi effluvi floreali e di macchia mediterranea, subito seguiti da costumati profumi di noce moscata, chiodi di garofano, pepe nero, zenzero e da tutta la variegata gamma terziaria. Sottofondo fumé. In bocca sorso di illimitata freschezza e di immutata gioventù gustativa e di un perfetto equilibrio tattile che  fa da ineccepibile contrappunto al giusto uso del legno, ad un tenero frutto, ad un tannino impagabile e prendendo anche le misure ad un’alcolicità, seppure elevata, che non fa scalpore. Al palato, volume, avvolgenza, imponenza, austerità e di vibrante energia, ma percepisce anche morbidezza, raffinatezza, armonia, rotondità, balsamicità, mediterraneità e sapidità. Mentre si avvia al lungo e persistente finale, il vino fa una promessa: resisterò al passare del tempo ancora per altri anni.
Amen!  Provatelo con tutte le cose buone che preferite voi ed anche da solo, perché si tratta di un grandissimo vino davvero!

 

Viticoltori De Conciliis

Prignano Cilento (Sa) – Località Querce, 1

Tel. 0974 831090 – Fax 0974 831334

[email protected]www.viticoltorideconciliis.it

Enologo interno: Enzo Falace. Consulente esterno: Fortunato Sebastiano. Agronomo: Paola De Conciliis

Ettari vitati: 20 – Bottiglie prodotte: 250.000

Vitigni: Aglianico, Aglianicone, Primitivo, Barbera, Fiano, Falanghina e Malvasia.

 

3 commenti

    Mondelli Francesco

    Juanita Grubbs detta Naima,in arabo”che vive una vita dolce”fu la prima moglie del più grande sassofonista di tutti i tempi,John Coltrane,cui il musicista dedicò una lenta ballad considerata la sua miglior composizione.Poteva il nostro Bruno De Conciliis ,studente di sax al DAMS di Bologna prima che viticoltore,chiamare altrimenti il suo capolavoro fatto vino? Personalmente, ben conoscendo il soggetto che ama esprimersi su vari registi,credo che,nella scelta del nome,abbia inciso anche un altro fattore e cioè l’anagramma da cui si arriva facilmente ad Anima vuoi del liquido odoroso,parafrasando Sangiorgi,vuoi del Cilento che tutti abbiamo nel cuore.PS Ultimamente assaggiate la 2004 e la 2006 questa però nella versione Wilburgher:da svenimento.Capolavori immensi e credo,vuoi per i cambiamenti di gusto che climatici, irripetibili.FM

    7 Gennaio 2022 - 16:06

    Alfredo Zimmaro

    L anagramma della parola Naima oltre che anima e anche mania nel senso maniacale della produzione del vino sino all altra etichetta prodotta con Winnie D Orta cioè lo Zero e poi ripresa con Tempa di Zoe

    7 Gennaio 2022 - 18:29

    Enrico Malgi

    Bravo Francesco, vedo che come al solito sei sempre molto preparato. Da quello che so io le cose sono andate davvero come hai sottolineato tu. In questi giorni come vedi sto assaggiando vini straordinari che mi gratificano.
    Sig. Zimmaro si confermo i vini di De Conciliis da lei citati sono meravigliosi. Questo non fa altro che confermare quello che ho riportato nel mio servizio, cioè che nel Cilento si producono etichette di alta qualità.

    8 Gennaio 2022 - 10:09

I commenti sono chiusi.