Osteria Grand Hotel, Milano, un punto fermo e i ricordi in movimento

2/2/2017 1.5 MILA

 

Osteria Grand Hotel, vecchia foto, i ricordi sono un po’ più recenti
Osteria Grand Hotel, vecchia foto, i ricordi sono un po’ più recenti

di Marco Galetti

Dopo una trentina d’anni sono tornato.

Osteria Grand Hotel, indoor
Osteria Grand Hotel, indoor

Mi è bastato costeggiare lentamente il Naviglio Pavese per trovare, oggi come allora, un parcheggio,  là dove un tempo c’erano le nostre moto, a pochi passi dal locale sorto al posto di una vecchia balera milanese…le siepi di biancospino, il pergolato di glicini, ai margini dei campi da bocce, c’è ancora tutto, incredibile, uno dei miei locali del cuore che mi ha accompagnato lungo la linea post adolescenziale che credevo infinita, quella che, volendo, mi avrebbe permesso di provare ognuna delle settecento etichette presenti in carta, ogni sera una diversa e una diversa ogni sera…

Osteria Grand Hotel, il giardino e i campi da bocce, di seguito le mie righe, segnalazione ai naviganti del Naviglio e del Web, indirizzo prezioso da tenere in agenda
Osteria Grand Hotel, il giardino e i campi da bocce, di seguito le mie righe, segnalazione ai naviganti del Naviglio e del Web, indirizzo prezioso da tenere in agenda

Il tre marzo ottantuno, nasceva a Milano alla guida di Fabrizio Paganini il Grand Hotel Pub, si suonava Jazz, Blues, si faceva cabaret, da qui sono passati Cooper Terry e Aida, Jannacci, Lella Costa, Angela Finocchiaro e Lucia Vasini, per dirne alcuni, oggi, nell’era del digitale, sbiadita l’impronta del Pub, il locale, senza per altro stravolgersi, si chiama Osteria Grand Hotel, Fabrizio, dopo anni di passione e dedizione è ancora la suo posto, il posto, opportunamente e sapientemente rinfrescato, fortunatamente è sempre lo stesso.

Un punto di forza, che definirei esclamativo, è la carta dei vini, che, pur lasciando spazio a piccoli produttori emergenti, presenta bollicine italiane e francesi, una trentina di vini naturali, oltre duecento etichette di Barolo, un centinaio di toscani, una quarantina di proposte dalla Borgogna, altrettante di vini da dessert.

Soluzioni per tutti i gusti e per tutte le tasche, volendo, il contesto lo prevede, grandi opportunità per risolvere l’annoso problema della sete miscelata, provare più cose per sentirsi appagati.

Al di là della stimolante proposta enoica ed eroica per un’Osteria dai prezzi abbordabilissimi, menzione speciale per i formaggi, che provengono da selezionatori qualificati, e ai quali è dedicata una pagina della carta, e per i salumi da produzioni di nicchia.

In cucina una ventina di scelte divise tra antipasti, primi e secondi piatti, con un’attenzione particolare alla stagionalità delle verdure, cinque o sei dolci a completare la proposta.

In sala, in giardino e nella bella veranda con i tavoli elegantemente apparecchiati, si viene serviti con garbo e tempi slow, che non è un difetto, anche molti stranieri alla ricerca di un buon calice, scelgono la strada dritta e romantica del corso d’acqua milanese che offre locali modaioli usa e getta ma anche storici e suggestivi punti fermi come questo.

Osteria Grand Hotel, spalla di agnello cotta a bassa temperatura con patate al forno
Osteria Grand Hotel, spalla di agnello cotta a bassa temperatura con patate al forno
Osteria Grand Hotel, ricotta di bufala calda con composta di ciliegie
Osteria Grand Hotel, ricotta di bufala calda con composta di ciliegie
Osteria Grand Hotel, meritato riconoscimento del Gambero Rosso
Osteria Grand Hotel, meritato riconoscimento del Gambero Rosso

 

Case di ringhiera
Case di ringhiera

Ma è la Milano che non ti aspetti, quella appena celata dai cortili e dalle vecchie case di ringhiera che si specchiano nell’acqua a stupire, lo spazio col cuore si allarga, lo splendido giardino e i campi da bocce mi appaiono sotto un’altra veste, sarà perché ci sono sempre venuto di sera, con scopi diversi, i pensieri notturni lungo la notte milanese e l’amato Naviglio, uno dei locali  dei miei vent’anni, contenitore di storie già raccontate, da raccontare o ormai dimenticate, l’Osteria Grand Hotel, che per me rimarrà sempre  “dal cugino di Pau”.

Osteria Grand Hotel
Via Ascanio Sforza, 75, 20141 Milano

5 commenti

    luca

    (2 febbraio 2017 - 11:32)

    Mi è piaciuto molto, per diversi motivi. Anche per lo stile.
    PS
    La spalla di agnello la preferisco alla coscia.
    E questa spalla ha la caramellizzazione(o cauterizzazione esterna) che preferisco.
    L’abilità consiste nell’assecondare il gusto dei clienti o degli ospiti: offrire diversi gradi di cottura interna(mai asciutta)
    a parità di quella esterna.
    Non si capisce se “cottura a bassa temperatura” stia per sous vide perché la si può cuocere a temperatura bassa
    sulla brace o al forno per avere carni morbide.
    PPS
    Questa Milano va conservata e spero che arrivi fresca al 3017.
    Malgrado il turbinio delle mode gastronomiche senz’anima.

    Fabrizio Scarpato

    (2 febbraio 2017 - 12:27)

    Ma anche lì le bocce suonano mentre rotolano, fino al tintinnio della sbocciata che rimbalza tra i pergoli? Forse in estate c’è anche qualche papavero lungo i campi in terraccia battuta. Roba da campioni, di bocce… qualunque sia il significato che vogliamo dare alla parola stessa, diciamo… ;-)

    Marco Galetti

    (2 febbraio 2017 - 13:43)

    Conoscersi senza conoscersi, Fabrizio.
    Non so se passerò il vaglio della censura, comunque credo si possano definire bocce marmorizzate e ricordi palpabili.
    @Luca, grazie.

    Enrico Malgi

    (2 febbraio 2017 - 16:58)

    Bravo Marco, come sempre. Hai dipinto perfettamente la Milano old style.

    Marco Galetti

    (2 febbraio 2017 - 21:30)

    @Enrico, grazie…

I commenti sono chiusi.