Pasticceria Nobile, dolci artigianali a Castellammare di Stabia

12/11/2017 10 MILA
Pasticceria Nobile - Emilia D'arienzo
Pasticceria Nobile – Emilia D’Arienzo

di Marco Contursi
Natale si avvicina e io inizio un viaggio tra le pasticcerie meno note. Con la scusa di parlare dei loro panettoni, scopriremo altre loro specialità e soprattutto tanti giovani appassionati del proprio lavoro, a cui un po’ di notorietà in più fa solo bene.

Inizio con un posto che mi è caro, poiché fa una delle brioche più buone che io abbia mai assaggiato. Siamo alla pasticceria Nobile sul lungomare di Castellammare di Stabia, finalmente restaurato. Qui è possibile fare colazione con una vista spettacolare che spazia da Napoli al Monte Faito, con Capri proprio di fronte. Qui Alessandro Izzo e Emilia D’Arienzo, compagni di lavoro e nella vita, hanno aperto la loro pasticceria dopo un corso alla prestigiosa scuola Dolce e Salato. Da subito Alessandro si è distinto per l’abilità nei lievitati, la brioche è una nuvola di nome e di fatto. Impalpabile. Molto buoni  pure i cornetti e gli altri dolci mattutini.

Pasticceria Nobile - Alessandro Izzo
Pasticceria Nobile – Alessandro Izzo

Emilia invece ha approfondito il discorso della lavorazione artistica dello zucchero e certe sue creazioni, lasciano a bocca aperta.

Pasticceria Nobile - fiore di zucchero
Pasticceria Nobile – fiore di zucchero

Il banco dolci è sempre fornito, e tante le specialità che si possono degustare, dai mignon, alla pasticceria secca, al cioccolato.

Pasticceria Nobile - vetrina assortita
Pasticceria Nobile – vetrina assortita
Pasticceria Nobile - prima colazione
Pasticceria Nobile – prima colazione

Natale, tempo di tradizioni e Alessandro, accanto a mostaccioli e roccocò, che ci raccontano la campania delle feste, non poteva non cimentarsi nel panettone.

Pasticceria Nobile - albicocche del Vesuvio
Pasticceria Nobile – albicocche del Vesuvio

Lievito madre, burro, vaniglia a bacche del Madagascar e una lievitazione di 36 ore per un dolce sofficissimo e molto goloso. A me è piaciuto molto, anche perché ho assaggiato la versione con albicocche del Vesuvio e cioccolato Valrhona.

Pasticceria Nobile - impasto
Pasticceria Nobile – impasto
Pasticceria Nobile - panettoni appena impastati
Pasticceria Nobile – panettoni appena impastati
Pasticceria Nobile - panettoni a testa in giu
Pasticceria Nobile – panettoni a testa in giu

Tante le tipologia che sotto Natale sarà possibile trovare: classico, cioccolato al latte, pistacchio, frutti di bosco, e altri ancora. Il Prezzo è di 28 euro al kg per quello classico e 32 per quelli speciali.

Pasticceria Nobile - panettone
Pasticceria Nobile – panettone

Conobbi casualmente Alessandro, de anni fa, appena aprì e mi colpì la sua determinazione e dedizione al lavoro. A soli 25 anni, gestire una pasticceria in un lungomare , che allora era un cantiere aperto, non è da tutti. Lavorava 16 ore al giorno, per dar vita al suo sogno di una pasticceria di qualità e oggi può dire di esserci riuscito.

E sogno nel sogno, sta per diventare papà. Andare a trovarlo per comprare il suo panettone, vuol dire assaggiare dolci veramente ben fatti e aiutarlo ad alzare sempre più l’asticella della sua arte. In cambio farete colazione con una brioscina leggera come una nuvola, guardando le bellezze del Golfo di Napoli. Mica male, no?

Pasticceria Nobile - torta creativa
Pasticceria Nobile – torta creativa

Pasticceria Nobile
Corso Garibaldi 116 Castellammare di Stabia (NA)
tel 0818717544

23 commenti

    Marco Galetti

    (12 novembre 2017 - 11:15)

    Una delle brioche più buone che abbia mai visto porgere, il sorriso di Emilia vale il viaggio, complimenti a parte, nel ringraziarti per questo post ricco anche di belle immagini, segnalo che il tuo FUFBLOGGER su a Nord, pieno di limiti, non ha mai assaggiato le albicocche del Vesuvio…

    Enrico Malgi

    (12 novembre 2017 - 13:33)

    Caro Marco se l’avessi saputo te le avrei portate io personalmente. Approfitto qui per ringraziarti della sempre gentile accoglienza, generosità e disponibilità. Per l’altro Marco nazionale, ormai non finisce mai di stupire.

      marco contursi

      (12 novembre 2017 - 14:04)

      Le proverai…..sto pianificando una gastrospedizione…..magari fai tu prima….Enrico ci vediamo dalle nostre parti per un bicchiere insieme…

    Dida

    (12 novembre 2017 - 15:03)

    Peccato che quando ho provato ad assaggiarla ho sentito solo un forte odore e sapore di lievito… sarò stata sfortunata…

    Marco contursi

    (12 novembre 2017 - 20:24)

    Sarà capitata una poco cotta,a volte può capitare purtroppo.

    alberto

    (13 novembre 2017 - 10:50)

    PANETTONI CARISSIMI…PER una pasticceria sconosciuta….

      Marco contursi

      (13 novembre 2017 - 15:01)

      Il prezzo delle materie prime è indipendente dal blasone di chi le compra.La vaniglia ha raggiunto prezzi assurdi e il lavoro,i costi di affitto vogliamo metterli?

    Dino

    (13 novembre 2017 - 14:56)

    Un solo sapore burro

    Dino

    (13 novembre 2017 - 14:57)

    Si sente solo burro la vera nuvola non è questa e poi costa

    alberto

    (13 novembre 2017 - 15:26)

    carissimo non sono d’accordo…sono convinto al 100% che i ricavi al netto delle spese da te indicate siano molto elevati; perché non uscire con dei prezzi un po più bassi??

    Alberto F.

    (21 novembre 2017 - 09:11)

    Buona Brioche ma prezzi elevati.
    Offerta dominicale dei dolci insoddisfacente come varietà.
    La seduta e la veduta sul golfo inquinati da un mare di macchine che transitano a 2 metri.
    Entusiasmo della recensione fuorviante per giustificare una visita ad hoc da Napoli.
    Un pò più di misura nell’elargire complimenti..non bastano due righe di storia familiare…atteniamoci ai fatti.

      Antonio

      (21 novembre 2017 - 12:53)

      Io trovo che il locale sia molto ospitale e il personale molto qualificato e gentile , quest estate sono stato lì molto spesso in quel bel gazebo con una vista spettacolare , i loro prodotti sono di altissima qualità , complimenti ai ragazzi ottimo lavoro

    marco contursi

    (21 novembre 2017 - 11:33)

    Se c’è una cosa che cerco sempre è di essere obiettivo. Mi attengo ai fatti:
    1) ho detto che la brioche era buona e buona lo era.Il prezzo elevato?1.50 al tavolo?Le sembra esosa, quando in un bar di Chiaia 10 anni fa, al banco la pagai 1.80? Qui il cornetto sta 1.20, è esoso????
    2)la foto della vetrina sopra, è stata fatta di domenica, se per lei è un bancone poco assortito, non so che idea abbia della pasticceria.
    3) E’ vero che i tavoli sono su una veranda che affaccia su strada ma basta attraversare e si trova sul lungomare, a 20m dalla spiaggia e con tante panchine. Poteva o sedere ai tavoli dentro, oppure come faccio io, prendere la brioche e mangiarla vicino al mare.
    Purtroppo mi rendo conto che ognuno ha un suo metro di giudizio, c’è chi trova sgradevole il sapore del burro quando è un pregio usarlo, chi ritiene poco ricca una vetrina come quella sopra, chi cara una brioche a 1.50…….amen.Ma non dite che sono io poco obiettivo……questo no……..

      Emiliana

      (21 novembre 2017 - 12:13)

      Personale io in questi commenti vedo solo invidia e voglia di infangare il lavoro di due giovani ragazzi che si stanno smazzando per affermarsi nel mondo del dolce……. il tavolino inquinato ….volante ahimè le posso assicurare che nn è una negligenza dei commercianti della
      Villa ma delle amministrazioni che nn aiutano affatto tale attività se pensiamo che ogni attività si è trovata costretta a licenziare dalle tre alle quattro persone perché il comune ha imposto la rimozione dei gazebi…….. e qui mi fermo !!!!!Lei che spara ….. che ne SÀ!!!! I prezzi ?????tanto di listino esposto …se per lei 1,50 al tavolo è troppo se mangiare prodotti fatti con il burro uovo e materie prime di primissima qualità nn va bene penso che FORSE NOBILE NN FA PER LEI . Nessuno obbliga nessuno ma sputtanare NO!!!!

      Daniela

      (21 novembre 2017 - 13:15)

      Io sono del parere che la qualità si paga, preferisco pagare 1,50 per un ottimo prodotto e non avvelenarmi. Altrimenti vado altrove dove posso pagare 1,50 euro sia caffè che cornetto, ma cosa mangio?!?! Per quanto riguarda i tavolini volanti, non

    Alberto F.

    (21 novembre 2017 - 12:41)

    Se mi muovo da Napoli per andare a Castellammare dopo aver letto una recensione è un fatto …..che la dice lunga anche sul piacere di leggerti ….caro Marco…
    Il mio giudizio naturalmente riflette una mia opinione che ho voluto porre in chiaro nello spirito di serena condivisione.
    In verità ho passeggiato anche sul lungomare, ma mi sono depresso ancora di più alla visione della spiaggia incolta e sporca……. altra occasione buttata via dai ns. amministratori….

      Alberto F.

      (21 novembre 2017 - 12:42)

      Emiliana….sei troppo di parte……sei LA parte!

        Emiliana

        (21 novembre 2017 - 13:37)

        Sicuramente sarò di parte !!!!e infatti Nn mi resta che chiudere la cosa con un consiglio che mi dava la mia nonna ……. mi ha sempre detto MEGLIO INVIDIA CHE PIETÀ e devo pensare che se escono fuori baggianate del genere sarà solo ed esclusivamente per questo!!!! Siamo a Castellammare di Stabia corso Giuseppe Garibaldi 116 vi invito a venire nella nosta pasticceria e diffamare le critiche di certe persone !!!!!! Com’è bello vivere alla luce del sole ☀️

    Brus 51

    (21 novembre 2017 - 13:08)

    Buon giorno sig Alberto non so lei cosa e abituato a mangiare io ho avuto modo di mangiare i loro prodotti e le posso dire che sono ottimi
    Per quanto i dolci so che li producono solo il fine settimana per dare un prodotto fresco e di qualità.Per il problema villa che dire e l’amministrazione che non va ma non penso che li a Napoli sia tutto rose e fiori
    Con questo la saluto e vi lascio una buona giornata
    PS faccio anche io il pasticcere quindi so cosa dico e riesco a percepire cose di qualità

    Marco contursi

    (21 novembre 2017 - 13:18)

    Alberto mi fa piacere che mi leggi e non avrei obiettato nulla se mi avessi detto che i dolci non erano di tuo gradimento ma tu hai contestato delle cose oggettive,dandomi del “bugiardo” e questo non posso accettarlo.Dire che quella vetrina era scarna o che la brioche era cara,senza che riporti il prezzo,non è corretto poiché contesti senza offrire a chi ti legge la possibilità di farsi una idea corretta.Poi,sul venire apposta,vedi io non verrei solo per quello a Napoli per nessuna pasticceria poiché non è facile trovare posti che valgono lo spostamento ma se uno si trova in zona questi consigli risultano utili.

    Daniela

    (21 novembre 2017 - 13:28)

    Io sono del parere che la qualità si paga, e preferisco spendere 1,50 euro per un ottimo prodotto, anziché avvelenarmi. Altrimenti vado altrove dove pago 1,50 euro sia caffè che cornetto, ma cosa mangio?!?! Per quanto riguarda la tristezza della città, l’inquinamento e tavolini volanti, penso che di questo nn bisogna accusare i commercianti, ma l’amministrazione comunale e nn credo sia nemmeno opportuno lasciare questo tipo di critiche, che nn centrano nulla con la qualità dei prodotti.

    Alberto F.

    (21 novembre 2017 - 15:48)

    Non mi sognerei mai di dare del bugiardo a nessuno….
    pensavo che questo potesse essere un luogo dove serenamente si potesse discutere e poter dare
    le proprie impressioni.
    L’ultimo commento di Emiliana chiarisce invece esattamente qual’è l’approccio pubblicitario……e si commenta da solo…..

    marco contursi

    (21 novembre 2017 - 16:26)

    Ascolta Alberto, e mi ripeto, se dicevi che i dolci non ti piacevano, nessun problema ma se dici “Buona Brioche ma prezzi elevati…….Offerta dominicale dei dolci insoddisfacente come varietà….atteniamoci ai fatti”…..mi stai dando del bugiardo o comunque della persona poco obiettiva, quando io valuto finanche gli aggettivi per non dare un significato diverso da quello che voglio. Qui possiamo discutere di tutto ma con dati e foto alla mano, e un pizzico di obiettività. La vetrina domenicale qui sopra, ti sembra scarna? 1.50 centesimi al tavolo una brioche ti sembra eccessivo? Se si, parliamone ma permettendo a chi legge di farsi una idea, non semplicemente dicendo “atteniamoci ai fatti”. Circa l’intervento un pò sulle righe di Emiliana, è dovuto al fatto che questi due ragazzi hanno gettato il sangue in quella pasticceria poichè hanno aperto quando il lungomare era un cantiere ed era difficile pure raggiungerli, e hanno fatto i salti mortali e tantissimi sacrifici per mantenerla aperto. Ora stanno raccogliendo i frutti del loro lavoro, usano materie prime eccellenti e non è bello vedersi liquidati con due parole. Ti prego di comprendere il loro stato d’animo. Ripeto, se dicevi che i dolci non ti erano piaciuti, nessuno diceva nulla, ma se dici che hanno poca varietà, con una vetrina piena, o che 1.50 cent è un prezzo alto per una brioche, non si può far finta di nulla.Tutto qui.

I commenti sono chiusi.