Pasticceria Palma a Castel San Giorgio

7/12/2016 4.2 MILA
Pasticceria Palma, Eduardo e Maria
Pasticceria Palma, Eduardo e Maria

di Marco Contursi
Eduardo Palma ha il physique  du role del pasticciere, alto e piazzato. Ha il viso buono come buone sono le sue creazioni. Proprio la mia recente visita  per ritirare una graffa per un evento speciale, è stata l’occasione per parlare con lui di una cosa che da tempo mi frullava in testa: Ma che fine ha fatto la pasticceria classica napoletana di Natale? Mostaccioli, Roccocò, Raffiuoli, Divino Amore, struffoli,  susamielli, zeppole col miele, cassatine, torrone, scorzette ripiene.

Pasticceria Palma , roccoco'
Pasticceria Palma , roccoco’
Pasticceria Palma, graffa a cuore
Pasticceria Palma, graffa a cuore
Pasticceria Palma, pasta di mandorle
Pasticceria Palma, pasta di mandorla
Pasticceria Palma, mostaccioli
Pasticceria Palma, mostaccioli
Pasticceria Palma, mostaccioli imbottiti
Pasticceria Palma, mostaccioli imbottiti

Ormai non c’è blog o testata che non riporti classifiche di panettoni con i soliti nomi che girano nelle prime posizioni da anni. E se da un lato mi fa piacere che molti di questi fuoriclasse del dolce meneghino siano campani, dall’altro lato mi chiedo: ma perché non si parla mai di pasticceria tradizionale napoletana? Ma perché ormai tutti, e dico tutti, si sono messi a fare panettoni? E soprattutto come è possibile che certi panettoni di marche famose industriali escano a 1.99 al kg mentre quelli di pasticcieri famosi a oltre 30? Trovo eccessivi i due estremi come trovo eccessiva questa omologazione lavorativa sia di molti pasticcieri che di molti blog che parlano di food. Fare cultura è offrire spunti nuovi e interessanti ai lettori e non ripetere fino allo sfinimento lo stesso argomento, sia esso pizza o panettone.

Pasticceria Palma, torta delizia
Pasticceria Palma, torta delizia
Pasticceria Palma, fichi al cioccolato
Pasticceria Palma, fichi al cioccolato

Tutte domande inevase, ma è bastato venire qui alla pasticceria Palma per riconciliarmi col  Natale Napoletano. La vetrina, seppur non completa di tutte le specialità, è un trionfo di dolci tradizionali: mostaccioli sia semplici che ripieni, roccocò sia teneri che più duri, susamielli, paste di mandorla, scorzette candite e finanche i fichi ripieni al cioccolato cilentan style.

Pasticceria Palma, prima colazione
Pasticceria Palma, prima colazione

Una passione, quella per la pasticceria, che sin da piccolo ha accompagnato Eduardo che finita la scuola, andava a bottega da pasticcieri locali per apprendere i segreti di questa arte. Una lunga gavetta culminata con l’apertura di una pasticceria tutta sua 12 anni fa. Ottimi lievitati a colazione e dolci di qualità con un occhio al prezzo, poiché come dice Eduardo “dobbiamo avvicinare tutti alla pasticceria di qualità, a costo di guadagnare un po’ di meno, ormai tra supermercati e colleghi che fanno prezzi incredibili ( 6 euro al kg tutti i dolci anche torte costose come la caprese o quelle decorate), la vita del pasticciere si è fatta dura”. E’ sicuramente vero, ma nessuno potrà mai togliermi il piacere di venire qui, scambiare due chiacchiere con Eduardo che sta sempre nel suo laboratorio a sfornare bontà, aiutato da Maria. Comprare da lui, come da tanti piccoli artigiani, significa mantenere vive le tradizioni locali, far sopravvivere le piccole botteghe, quelle che pure se chiami senza giorni di preavviso, una torta te la preparano sempre, o magari una graffa a forma di cuore per il più dolce degli anniversari. Ripiena di cioccolata of course.

Pasticceria Palma, la domenica..
Pasticceria Palma, la domenica..
Pasticceria Palma, scorzette
Pasticceria Palma, scorzette

p.s. per la cronaca, Eduardo fa pure un buon panettone a prezzo umano. Non sarà ai livelli di alcuni fuoriclasse ma  nella versione a cioccolato si è fatto mangiare con piacere l’anno scorso in una tavolata natalizia di amici buongustai. E costa giusto la metà. E di questi tempi, molti devono guardare pure al prezzo.

Pasticceria Palma
via Pietro Fimiani 45 Castel San Giorgio (Sa)
tel 081952026

3 commenti

    Pasquale

    (9 dicembre 2016 - 16:57)

    Spinto dalla recensione di cui sopra, mi sono recato domenica 08/12 in questa pasticceria per trovare risposta alla medesima domanda che anche a me (così come al Sig. Contursi) frullava in testa: Ma che fine ha fatto la pasticceria classica napoletana di Natale? Ho deciso di prendere un vassoio da 1 Kg misto tra roccocò, mostaccioli misti (tutti ripieni) e qualche susammiello. I roccocò erano estremamente morbidi e senza uno straccio di mandorla (forse all’interno tritata???), i mostaccioli buoni, ma si trovano solo ripieni, i susamielli (discreti…ma le mandorle??). A questo punto, Sig. Contursi, oltre alla domanda iniziale se ne aggiunge un’altra nello spirito costruttivo che credo debba accompagnare le recensioni….In cosa ha trovato la vera pasticceria classica di Natale? E’ una discreta pasticceria, certamente accompagnata dalla passione di persone giovani, volenterose ecc..nessuno lo mette in dubbio, ma dopo questo, a mio parere nulla più, se mi consente, la VERA PASTICCERIA CLASSICA NAPOLETANA è ben altro.

    Marco contursi

    (9 dicembre 2016 - 18:18)

    Gentile Sign Pasquale,lei stesso ha detto di aver trovato rococò,susamielli e mostaccioli di vari tipi quindi ha trovato la pasticceria napoletana come tipologie.Circa poi il giudizio di merito sui prodotti,qui siamo nel soggettivo(non ho mai detto fossero i migliori di tutti ma che erano buoni) e comunuqe anche lei li ha trovati buoni.Dire che non sono napoletani perché privi di mandorle intere,sinceramente mi sembra un azzardo.Se lei ha trovato mostaccioli,susamielli,rococò,scorzette e fichi,ha trovato i dolci napoletani delle feste come da me riportato nell articolo .Proprio ieri a Napoli in una pasticceria ho trovato solo mostaccioli e roccoco,più ricca la scelta da Palma no?se poi ha altri indirizzi dove trovarli migliori accettiamo suggerimenti,perché è sempre bello dare nuove scoperte.

    Anna

    (13 dicembre 2016 - 17:43)

    Mi intrometto nel confronto,poiché anche io sono stata nella pasticceria Palma,scoperta grazie al blog.E mi è piaciuta,senza acuti particolari,ma ho trovato dolci ben fatti a un prezzo buono.Quello che mi aspettavo dopo averne letto.Anche io ho preferito i mostaccioli ai roccoco che gradisco più duri,ma sono gusti.Buona la pasta di mandorla.

I commenti sono chiusi.