Pizzeria Il Monfortino raddoppia: la pizza napoletana di Francesco Di Ceglie nella città dei gommoni ci regala una delle più buone margherite di sempre

26/7/2020 34.6 MILA

Pizzeria Il Monfortino a Caserta
Via Giulia 7
Tel. 0823.472535
Sempre aperto, domenica e lunedì solo la sera

Francesco di Ceglie
Francesco Di Ceglie

Il Monfortino durante il periodo in cui era concesso solo il delivery ha sfornato centinaia di pizze grazie ai molteplici corrieri assunti, che, rispettando le norme in vigore hanno soddisfatto i clienti abituali desiderosi di ritrovare la pizza napoletana di Francesco, cotta nel forno a legna.

Parliamo di una pizzeria ben nota a Casertaluogo d’incontro per tutti gli amantii della tradizionale pizza napoletana. Può essere considerato un punto di riferimento non solo per gli abitanti della zona, ma anche per gli ormai sempre più numerosi “gastro-turisti” alla ricerca di un contesto confortevole e concreto creato dai due titolari: Francesco Di Ceglie e Fabio Russo.

Il Monfortino - menu' digitale
Il Monfortino – menu’ digitale

In pizzeria invece, ambienti che ritrovano una dimensione diversa, più intima, magari, ma che danno la possibilità di una ripresa ad un settore stremato, menù sui tavoli rigorosamente digitali dal “Monfortino”.

Il Monfortino - margherita
Il Monfortino – margherita

Anche quest’ estate Francesco e Fabio hanno studiato nuove pizze che uniscono sempre la qualità unica dei prodotti artigianali italiani che vengono accostati al gusto intramontabile della pizza, prodotta con un impasto elastico e morbido.
Focaccia Vasilico’: Focaccia di bellezza e qualità, condita con prosciutto cotto alla brace, burrata pugliese e gocce di pesto di basilico, olio extra vergine slow food messo a crudo all’ uscita, prodotto di cui Francesco ne fa ampio uso e ne va fiero.

 

Il Monfortino - vasilico'
Il Monfortino – vasilico’

Napoli Rivisitata: il profumo di questa pizza richiama alla mente tutta la tradizione napoletana, rivisitata con: pomodoro San Marzano dop, mozzarella di bufala campana dop a crudo tagliata a fette, aglio di nubbia e origano di montagna, olio evo
Ripieno Estivo: Ripieno al forno con scarola riccia, olive nere di Gaeta, alici di Cetara e crosta di fior di latte.

 

Il Monfortino - ripieno scarola
Il Monfortino – ripieno scarola

Cinghialotta: Focaccia condita con mortadella di cinghiale, vellutata di carciofi, mozzarella di bufala a crudo tagliata a fette, olio evo.

Il Monfortino - cinghialotta
Il Monfortino – cinghialotta

Queste pizze uniscono tradizione ed innovazione, favoriscono un’ estensione sensoriale, e l’ intero stivale italiano sembra unito in questi capolavori, non ci siamo fatti sfuggire certo l’ occasione di mangiare la classica montanara fritta, e nonostante il picco di calorie assunte non siamo per niente pentiti!!!Ritorneremo presto con la certezza di non essere mai delusi dalle aspettative

Il Monfortino - montanara
Il Monfortino – montanara

REPORT DEL 5 GENNAIO 2019

Siamo tornati volentieri in questo locale dove la pizza napoletana è un cult tradizionale. Con una sorpresa piacevole: lo spazio della sala è praticamente raddoppiato! C’è più aria, siamo a circa 100 posti. Qui ci siamo concessi una bella batteria di pizze classiche: napoletana, marinara, margherita e pizza del pizzaiolo! Ben eseguite. Francesco Di Ceglie è davvero un bravo pizzaiolo. Andatelo a trovare, una grande pizza tradizionale nella città dei gommoni!

Il Monfortino - Le fritture
Il Monfortino – Le fritture
Il Monfortino- Marinara con olive, acciughe e capperi
Il Monfortino- Marinara con olive, acciughe e capperi
Il Monfortino - Pizza margherita
Il Monfortino – Pizza margherita
Il Monfortino - Pizza provola e pepe, 'a pizza d''o pizzajuolo
Il Monfortino – Pizza provola e pepe, ‘a pizza d”o pizzajuolo
Il Monfortino - Pizza Marinara
Il Monfortino – Pizza Marinara

1 ottobre 2017. Francesco Di Ceglie, non ancora trentenne, è di Pomigliano ma ha aperto a Caserta. Ed ero incuriosito proprio dal fatto che un pizzaiolo di Caserta abbia vinto la categoria Pizza Napoletana del Trofeo Pulcinella organizzato dall’Associazione Mani d’Oro presieduta da Attilio Albachiara. E bene ho fatto: ho mangiato una delle più buone pizze margherite di sempre, perfetta, quella in cui gli elementi (impasto, pomodoro, olio e fiordilatte) si fondono perfettamente fino a creare un altro sapore nel palato.
Che ci volete fare, apprezzo tutte le pizze possibili, ma per me quella autentica, quella napoletana, deve essere così.

 

Monfortino, l'ingresso
Monfortino, l’ingresso

Il nome può incuriosire, Monfortino è un vino come ben sanno gli appassionati, ma era anche un modo di dire tra amici e in famiglia. Così dopo una lunga gavetta Francesco ha deciso di aprire la sua pizzeria, forno e quattro tavoli per 12 posti poco più di un anno fa.
Siamo un po’ fuori dal centro, verso Tuoro, a Centurano e i primi tempi sono stati davvero tosti. Le prime sere non più di dieci, quindici pizze al tavolo. Poi però l’asporto ha iniziato a tirare l’attività, consentendo di aprire una seconda sala e di arrivare a una quarantina di posti.

Pizzeria Il Monfortino, la sala
Pizzeria Il Monfortino, la sala

La visita alla Pizzeria Il Monfortino in questo momento è istruttiva perché fotografa esattamente il momento in cui una pizzeria sta per fare il salto di qualità. Da un lato impasto perfetto e buona materia prima, una proposta ampia con qualche buona idea, bel servizio. Dall’altro ingenuità da anni ’80 con il frigo della Bindi e della Coca Cola e una sola azienda di vino con ampio catalogo. Ma anche prodotti Slow Food e tanto impegno.

Pizzeria Il Monfortino, il forno
Pizzeria Il Monfortino, il forno

L’aspetto più interessante, e che la dice lunga sulla vitalità del movimento della pizza in Campania, è che in città come Caserta dove hanno preso piede i gommoni, ossia le pizze con il cornicione alto, Francesco ha scelto di rimanere sullo stile napoletano classico. Ammacca, non stende.

Pizzeria Il Monfortino, la margherita
Pizzeria Il Monfortino, la margherita

Il risultato è una pizza perfetta, scioglievole e piacevole in tutte le sue declinazioni classiche.

Pizzeria Il Monfortino, marinara con olive e alici
Pizzeria Il Monfortino, marinara con olive e alici

Non mancano però proposte alternative come gli impasti con la canapa e la curcuma che riescono a mantenere l’elasticità tipica dell’impasto napoletano.

Pizzeria Il Monfortino, impasto di curcuma con pistacchio e mortadella
Pizzeria Il Monfortino, impasto di curcuma con pistacchio e mortadella

Dunque c’è questa generazione dai trent’anni in giu che preme e scalpita, studia e impasta. Davvero difficile darne conto perché spuntano come i funghi dopo una pioggia. E chi ci guadagna è il consumatore perché come abbiamp avuto modo di scrivere, tutti sono coscienti che per fare il salto di qualità bisogna puntare su buone materie prime e alta qualità degli impasti. Non si sfugge.

 Pizzeria Il Monfortino, il Monfortino
Pizzeria Il Monfortino, il Monfortino

E così nel corso di questa visita a sorpresa alla pizzeria Il Monfortino abbiamo vista la sala riempirsi rapidamente di ogni ceto sociale e una lunga fila per l’asporto.

Pizzeria Monfortino, i calzoni al forno
Pizzeria Monfortino, i calzoni al forno
Pizzeria Il Monfortino, le bruschette
Pizzeria Il Monfortino, le bruschette
Pizzeria Il Monfortino, la pizza fritta
Pizzeria Il Monfortino, la pizza fritta
Il Monfortino, crocchette
Il Monfortino, crocchette
Pizzeria Il Monfortino, arancini
Pizzeria Il Monfortino, arancini
Pizzeria Monfortino, l'asporto
Pizzeria Monfortino, l’asporto

L’attività è in crescita e i mezzi per portare le pizze a casa sono triplicati.

Pizzeria Il Monfortino
Pizzeria Il Monfortino

CONCLUSIONI

La pizza di Francesco Di Ceglie è molto buona, una pizza sincera, vera, molto ben eseguita. Ripeto, una delle migliori margherite di sempre. E il confronto fra tradizionalisti e gommoni continua, per fortuna giocando sulla eccellenza.
Ricordate: Pizzeria Il Monfortino a Caserta

Pizzaria Il Monfortino, la squadra con il Trofeo Pulcinella
Pizzaria Il Monfortino, la squadra con il Trofeo Pulcinella