Pizzeria La Terrazza a Bettolino, STG 317, la Margherita da fuori di testa e il panuozzo fuori misura

14/6/2018 2.2 MILA
La Terrazza, Margherita
La Terrazza, Margherita

di Marco Galetti

Patrizio Daniele, Patron della Terrazza e uno scorcio del panuozzo fuori misura
Patrizio Daniele, Patron della Terrazza e uno scorcio del panuozzo fuori misura

Il guinness dei primati per la margherita e per il panuozzo resta solo un miraggio, ma è evidente che la Margherita sia da fuori di testa e che il panuozzo conviviale assaggiato ieri fosse, senza dubbio alcuno, fuori misura e fuori da ogni dimensione logica, eppure l’abbiamo spazzolato tutto…

La Terrazza, il panuozzo infinito
La Terrazza, il panuozzo infinito

Il Panuozzo, prodotto agroalimentare tradizionale campano, nasce come cibo da strada, dopo un primo veloce passaggio in forno il panuozzo viene riempito a piacere e, a farcitura avvenuta, ripassato in forno per consentire al ripieno di amalgamarsi al meglio e, al contempo, per rendere croccante e appetitoso l’esterno.

Per la gioia dei bambini, perché la Pizzeria è uno di quei luoghi dove si torna bambini, ieri Patrizio ha portato al nostro tavolo, su un tagliere in legno,  un panuozzo enorme preparato con lo stesso impasto della pizza e farcito con un velo di maionese, prosciutto crudo, insalata iceberg, pomodorini freschi, mozzarella, provola fresca di Agerola e una spolverata di Parmigiano Reggiano.

La Terrazza, dettaglio Marinara, dettagli imprescindibili come le note dell’inno prima del fischio d’inizio, valore simbolico e storico quindi, oltre che gastronomico

La Terrazza, dettaglio Marinara,
La Terrazza, dettaglio Marinara
La Terrazza, variazione su Margherita
La Terrazza, variazione su Margherita
La Terrazza, variazione su Margherita, immagine da drone
La Terrazza, variazione su Margherita, immagine da drone

La Terrazza, variazione su Margherita, dettaglio, nel dettaglio la distanza tra questa pizza e la Pizza di Cracco in Galleria è di 19 chilometri

La Terrazza, variazione su Margherita, dettaglio
La Terrazza, variazione su Margherita, dettaglio

La Terrazza, metà Margherita e metà calzone nel quale hanno messo, su mia richiesta, ricotta in abbondanza, freschezza e dolcezza a stemperare la puntura di salame napoletano e a lenire la piacevole bruciatura del pepe

La Terrazza, meta' margherita, meta' calzone
La Terrazza, meta’ margherita, meta’ calzone

La Terrazza, pizza con bufala, ricotta e pepe nero

La Terrazza, pizza con Bufala, ricotta e pepe nero
La Terrazza, pizza con Bufala, ricotta e pepe nero

La Terrazza, spaghetti pomodoro e basilico, la base di partenza e d’arrivo per un piatto unico ed inimitabile, ma qui, nel mio angolo napoletano in provincia di Milano, se prendo un solo piatto si offendono… e allora paccheri :

La Terrazza, spaghetti pomodoro e basilico
La Terrazza, spaghetti pomodoro e basilico

La Terrazza, paccheri al ragù napoletano su base montanara, se il corpo del proprietario è in trasferta prolungata in provincia di Milano, la testa e il cuore sono a Napoli ed è un bene perché qui, volendo, ci si diverte parecchio assecondando i propri vizi con sfizi godibilissimi e comprensibili già al primo morso

La Terrazza, paccheri al ragu' napoletano su base montanara
La Terrazza, paccheri al ragu’ napoletano su base montanara

La Terrazza, fusilli avellinesi con ragù napoletano, ricotta, grana e pepe, vogliamo parlare di questo piatto maschio&campano, dei fusilli callosi e gustosi, della pepata temperatura di servizio addolcita dal tocco di ricotta… oppure ci limitiamo a dire del perché il loro ragù napoletano ha riempito di macchie la mia camicia bianca: beh, è talmente di conforto questo piatto, che l’ho scambiato per la copertina di Linus…

La Terrazza, Fusilli avellinesi con ragu' napoletano, ricotta, grana e pepe
La Terrazza, Fusilli avellinesi con ragu’ napoletano, ricotta, grana e pepe

La Terrazza, fusilli avellinesi con friarielli, cozze, tarallo e pomodorini

La Terrazza, fusilli avellinesi con friarielli, cozze, tarallo e pomodorini
La Terrazza, fusilli avellinesi con friarielli, cozze, tarallo e pomodorini

La Terrazza, calamaro alla griglia, per tenere a bada le maniglie dell’amore e per far si che la rinuncia all’ennesimo trancio di pizza sia più lieve

La Terrazza, calamaro alla griglia
La Terrazza, calamaro alla griglia

La Terrazza, dolcezze targate Napoli a Bettolino di Mediglia, un luogo sperduto ma per noi ormai imperdibile

La Terrazza, dolcezze targate Napoli
La Terrazza, dolcezze targate Napoli

La Terrazza, Salvatore e la sua dichiarazione d’amore per la pizza fritta, la leggenda dice, che l’uomo che ammacca fin da ragazzino, sembra abbia sfornato anche una dichiarazione d’amore per Martina la quale, dopo aver contato i petali della sua strepitosa margherita, l’ha mangiata e, trovandola irrinunciabile, ha pensato che anche a Salvatore non si potesse rinunciare, accettando così la corte del simpatico nipote di Patrizio

La Terrazza, Salvatore e la sua dichiarazione d'amore
La Terrazza, Salvatore e la sua dichiarazione d’amore

Ho un amico napoletano, “tiene ‘na pizzeria a Bettolino di Mediglia”.

Quelli sopra sono solo alcuni dei piatti degustati recentemente, da solo o con gli amici di sempre, alla Terrazza, associato STG 317, comoda boa d’ormeggio partenopea nel mare di nebbia milanese, quando mi siedo qui, dimentico di scattare le foto, perdo la passione per la recensione a tutto vantaggio dell’assaggio: bufale nature mangiate a morsi con naturalezza, fritti, montanarine, splendidi scialatielli un po’ piccanti con aglio, taralli, vongole, pomodorini e friarielli, frittatine di pasta (all’apparenza innocue ma che valgono un pasto), impepate di cozze, zuppette di vongole, piatti di friarielli per non sentirci in colpa per i carboidrati in eccesso, e finché c’è voglia e spazio, una pizza, tagliata a spicchi, e poi subito un’altra…

Patrizio Daniele è un gran lavoratore, perché chi ha iniziato a dieci anni, con i mondiali ’82 in sottofondo, non può far altro che continuare sulla strada del sacrificio quotidiano che, come il pane, è necessario e richiede fatica, lui è persona per bene, napoletano verace come le sue vongole e nel suo locale in fermento, pieno a pranzo e a cena, vengo sempre accolto con calore e simpatia partenopea.

Accoglienza gentile, allegra e calorosa  dunque, inconsueta in terra lombarda, si rimane sempre piacevolmente stupiti dai modi gentili di Enrico, il nostro cameriere di fiducia, dai sorrisi di Martina e Salvatore e di tutti gli altri collaboratori che hanno per noi sempre molte attenzioni, Marinara 4, Margherita 5 euro, ottimo rapporto qualità prezzo in questo locale, come ho detto prima, un po’ sperduto ma ormai imperdibile,  Patrizio ha un unico difetto, mi ha preso in simpatia e se un napoletano ti prende in simpatia resistere è difficile, assaggia questo, prova quest’altro, il conto è aspetto secondario, se fosse per lui non vorrebbe mai farmi pagare, finora, in qualche modo ce l’ho sempre fatta, per questo posso continuare a scrivere con affetto di queste persone e di questo luogo…

Pizzeria La Terrazza
Via Carro Maggiore 5
20060 Bettolino di Mediglia MI
www.pizzerialaterrazza.eu

 

4 commenti

    Massimo

    (14 giugno 2018 - 13:31)

    Ci sono stato più volte. Un angolo di Napoli a Bettolino di Mediglia dove consumare senza freni le prelibatezze proposte.
    Patrizio, Enrico e gli altri sono gentilissimi ed elargiscono consigli preziosi su cosa degustare. Ne rimarrete entusiasti. Marco ha descritto magnificamente questo luogo magico.

    Enrico Malgi

    (14 giugno 2018 - 15:37)

    Vedo che ti stai allenando per i mondiali del Cilento e fai bene, perché qui ti aspetta un trattamento gruosso. Ti senti in perfetta forma per scendere in campo? Contursi e Mondelli già sono pronti da mesi per una sfida all’ultimo…morso! Ti ricordi la serata finale dell’anno scorso? Comunque sei avvisato.

    Marco Galetti

    (14 giugno 2018 - 19:18)

    In previsione dell’imminente trasferta, mi sto allenando duramente con Patrizio, lui, del Vomero, per testarmi si è presentato con un panuozzo di quelle dimensioni… recentemente, tra una frittatina di pasta e una Marinara, mi ha detto: Marco, un lombardo, seppur mezzo toscano, non ce la potrà mai fare con tre campani, quelli te le suonano, ha aggiunto,… demoralizzato, sto provando col training autogeno, con scarsi risultati, allora ho nascosto un colpo di coda nel trolley… (continua)

    Francesco Mondelli

    (16 giugno 2018 - 09:43)

    Geniale la distanza tra tra la margherita moderna e la tradizionale.Ancor di più lo è chi viene “ra ngoppa nu cuozzo “(Vomero) e al nord ha portato un “metro “re”Panuozzo.Complimenti con una precisazione e cioè che per me ,tra dischi profumati bollenti e colorati,la preferenza va allo spaghettino con il pomodorino ovvero il piatto che nella sua semplicità presenta le stesse difficoltà di un Martini che va sempre personalizzato e mai standardizzato.PS.Allenarsi prepara ma il discorso diventa diverso in gara.FM.

I commenti sono chiusi.