Quintili a Briatore: hai trasformato il mio stomaco in una impastatrice stanotte. Se questa è qualità…VIDEO

21/6/2022 1.4 MILA
Marco Quintili, www.albertoblasetti.com
Marco Quintili, www.albertoblasetti.com

Non cessa di far discutere il caso di Briatore da noi sollevato per primi due giorni fa. Qui la mia intervista di oggi a FanPage. Sotto una esperienza di Marco Quintili, uno dei più bravi pizzaioli in circolazione. Lo riportiamo per strapparvi un sorriso, come diceva uno slogan degli Indiani Metropolitani: una risata seppellirà questi ricchi dal fare strafottente.

di Marco  Quintili

Ho chiesto al cameriere il perché non venisse messo il lievito nell’impasto, e la sua risposta è stata che è voluto dal dott. BRIATORE- Caro Briatore se non viene inserito il lievito l’impasto non avrà il suo processo. Perchè  se il lievito non mangia amidi e zuccheri cosa succede ? Che dopo lo stomaco ti richiede acqua. Ti spiego meglio , se mi fai mangiare amido inespresso, dopo lo stomaco richiede acqua e la cosa bella che ne vuole 10 volte tanto. Stanottee hai fatto si che il mio stomaco era diventata una impastatrice, a mannaggia a te  Qualità dei prodotti? I classici prodotti dozzinali che trova un turista, olio che sapeva di gasolio. Il tiramisu? Ritenta sarai più fortunato 😂servizio semplice nulla di che.

Dai Flavio Briatore< una piccola consulenzina ti ci vorrebbe 😂"

10 commenti

    Vuncenzo

    Posso solo dire che ai miei tempi per poter manipolare le materie alimentari dovevi conseguire un corso presso le camere di commercio per poter ricevere il R.E.C. CHE ti serviva per condurre un attività di commercio e artigianale . Oggi in vece tutti possono
    Improvvisarsi propietari . Si è vero che avranno più titoli di studio ma ditemi voi quante che questi imprenditori anno mai visto un kg di farina ?

    22 Giugno 2022 - 01:16Rispondi

    GIULIO SANTILLO

    Caro Marco, il lievito fa cresce il cornicione che in moltissimi non lo mangiano
    Alernativa? Servire una citoletta di salsa al pomodoro che possono intingere il cornicione e mangiarlo se c’e’ abbastanza fame
    Non dite sciocchezze. Provate e vedrete che Flavio ha ragione!!

    22 Giugno 2022 - 06:17Rispondi

      Nunzio

      Il lievito fa crescere il cornicione?
      Questo è tutto quello che fa il lievito?
      Ma se non sapete le cose perché avete addirittura l’arroganza di ribattere con i maestri pizzaioli napoletani?

      22 Giugno 2022 - 23:10Rispondi

    GIULIO SANTILLO

    Luciano, in questo blog, mesi fa, ha fatto un articolo su FRESCO di Via Partenope e Via Caracciolo. Ha publicato una foto della “Marinara” che era uno spettacolo per non dire divina. Ho fatto la foto con il cellulare , pensando una volta a Napoli vorrei provarla.
    In febbraio ero a Napoli cliente all’Hotel Exelsior, dove ho lavorato nel 1953. dopo la Scuola Alberghiera. Io con mia moglie abbiamo visitati FRESCO in via Partenope, al cameriere gli ho dato il cullulare della foto e gli ho detto voglio questa pizza! Dopo che l’ha mostrato al pizzaiolo mi ha risposto OK!! E’ arrivata un bruttissima copia della mia foto. Gli ho chiesto di portarmi un fiordilatte e delle fette di pomodoro, Li condisco io, ed ho messo la pizza al lato senza assaggiarla. Il giorno dopo da FRESCO in Via Caracciolo. Esattamente la stessa storia. Percio’ lasciate Flavio il Maestro, ed imparate a fare la pizza!!
    Da Miami Beach with Love, Giulio

    22 Giugno 2022 - 06:45Rispondi

    Silvio

    Signor Giulio immagino che lei sia un pizzaiolo o uamto meno del settore. Altrimenti il suo commento ha sentori di pregiudizio o peggio. In quanto alla sua esperienza mi permetto ricordare che mangiare pomodori nel mese di febbraio non è proprio il massimo e lei per certo saprà il perché

    22 Giugno 2022 - 08:01Rispondi

    Antonio

    Caro Giulio se lo lasci dire, di pizze ne capisce ben poco. Quintili ha spiegato il processo per il quale il lievito è fondamentale nell’impasto della pizza. Il rigonfiamento del cornicione è solo un effetto secondario.
    L’assenza di lievito nell’impasto di Briatore si spiega solo con la volontà di semplificare la gestione non dovendo mettere in conto la lievitazione.
    Torni a mangiare dischi volanti a Miami o da Briatore pagando 20euro un prodotto che al massimo ne vale 5 (se si mettono in conto i costi di gestione a via Veneto)

    22 Giugno 2022 - 09:15Rispondi

      GIULIO SANTILLO

      Caro Silvio, la marinara 100% e’ fatta con pomodori pelati in iscatola, ed a volte viene aggiunta qualche pomodorino del piennolo. A febbraio i pomodorini del piennolo sono piu’ che perfetti. Il fatto che i pomodori freschi per fare la salsa, nel mese di febbraio non esistono nel emisfero Nord. Ecco perche’ si usano i pelati. Non esiste e non avrebbe sapore una pizza fatto, a fine agosto, in pieno raccilto, solo si pomodoro fresco.
      Ho aiutato in molti settori per imparare. Da Tagliamonte per i pelati, In un casolare fuori Parma per apprendere come si faceva, ripeto, come si faceva il vero Parmigiano-Reggiano. Per i prosciutti da Galloni a Langhirano. Da bambino pescavo “e iammarielli sugli scogli a Santa Lucia, ecc.. ecc…
      Dopo 76 anni nella ristorazione ho cercato di imparare qualcosa. Oggi a 85 anni, quando mi sveglio il mattino so solo una cosa “Che non so niente”

      22 Giugno 2022 - 18:09Rispondi

    Pasqualino Settebellezze

    Al Sig. Briatore va riconosciuto il solo merito di aver ottenuto quello che voleva (e che ha anche dichiarato) ossia visibilità mediatica. Non mi risulta che negli ultimi anni i suoli locali (dai vari Billionaire finanche al Cipriani di Montecarlo) esplodessero di presenze o abbiano mai ricevuto un premio dalle tante guide gastronomiche degne di tale nome, quindi cosa inventarsi se non una polemica sul nulla ed alzare un polverone sull’alimento più popolare d’Italia? Al Sig. Santillo voglio ricordare che il posto dal quale scrive (Miami Beach) è uno dei posti dove il Briatore pensiero impera senza limiti. Nel 2018 a Miami Beach ci sono stato per ben 4 gg (unico sbaglio del mio viaggio di nozze) e francamente non ci tornerei nemmeno se pagassi 1/3 di quello che ho sborsato. A Miami Beach non vi è un minimo di cultura gastronomica, è un posto dove conta solo ed esclusivamente apparire, la Ocean Drive (è un pensiero personale di quello che ho visto) è semplicemente il red carpet dove far sfilare sia le auto più grosse e potenti (discoteche viaggianti) in circolazione sia dove si “esibiscono” le “accompagnatrici” del luogo. E non aggiungo altro sul mare. Qui la decenza, l’eleganza, il buon gusto, la classe non conoscono nemmeno lontanamente dove alberga. Unico posto degno di nota è il ROSETTA BAKERY dove abbiamo potuto fare una colazione decente con 1 caffè italiano, un succo, 2 mini bomboloni con la crema alla nocciola più popolare d’Italia, ma al modico costo di 30 dollari…ma si sà….l’importante è apparire…..

    22 Giugno 2022 - 10:38Rispondi

      silvio

      Chapeau alla sua conclusione che mi ricorda l’affermazione di Hokusai che affermava “a 80 anni ci saranno i progress veri, a 90 anni avrò intuito il segreto della vita, a 100 sarò un grande artista”, con l’augurio di superare i 100 anni. Per quanto mi riguarda a febbraio non mangerei mai pomodori con la mozzarella. Per la salsa, sono cresciuto con le “bottiglie” che le donne della famiglia producevano in questo periodo con noi ragazzini impegnati nell’infilare la foglia di basilico. Tutto il resto è noia.

      22 Giugno 2022 - 23:48Rispondi

    GIULIO SANTILLO

    Caro 7 BBBB, Il mio barbiere a Bal Harbuor lo chiamavamo 7 bellizze,
    Il mio barbiere di Miami Beach lo chiamavamo sette bellizze!
    Quando gli italiani vanno all’estero specialmante i napoletani cercano e vogliono mangiare gli spaghetti.
    A Miami Beach dovevi mangiare gli Stone Crabs a $120 al Kg, o una Bistecca di manzo “Prime’ a $75 piu’ patate e vegetale o una Costata di vitella da latte a $65 ++. Una buona pizza l’avresti trovato dai Fratelli La Bufala a $18 (nel 2018).
    Quando vengo a Napoli, nelle trattorie, mangio solo pasta e vegetali, non ho mai, ripeto MAI, mangiato la carne. Il pesce solo dalla ZI TERESA che mi garantiscono che e’ pesce del Golfo di Napoli.
    Percio’ siente a mme nun fa ‘o restivo. diceva la buon anima di Toto’. La prossima volta se andrai in Giappone mangi il Tetradonte che e’ l’unico posto al mondo dove puoi gustarlo e sopravvivere.

    22 Giugno 2022 - 18:49Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.