Ricetta, come fare la Carbonara al tartufo

18/11/2020 614

Carbonara al tartufo
Carbonara al tartufo

Al Ristorante Belvedere dal 1933 di Frascati è uno dei primi più amati: la carbonara al tartufo qui è un piatto da non perdere, preparata dagli chef Alain e Nelson Rosica Matamoros e raccolta da Floriana Barone per Cucina a Sud

Carbonara al tartufo

Ricetta di Alain e Nelson Rosica Matamoros

  • 20 minutiTempo di preparazione
  • 15 minutiTempo di cottura
  • 5.0/5Vota questa ricetta

Ingredienti per 4 persone

  • 400 g di spaghettoni Pastificio Gentile
  • 4 fettine di guanciale della Norcineria Bernabei di Marino
  • Pecorino Romano Dop
  • Pepe nero
  • Pepe del Madagascar
  • 8 tuorli d’uovo freschissimi (gialli per pasta all’uovo)
  • 160 g di tartufo fresco laziale, abruzzese o umbro (a seconda del periodo)
  • Sale fino
  • Olio evo origine Lazio (meglio un blend delicato)
  • Scaglie di tartufo per la decorazion

Preparazione

Preparare il tartufo all’olio grattugiandolo finemente in una ciotolina e coprendolo con l’olio. Aggiungere quindi un pizzico di sale fino: questa salsa deve essere conservata in frigorifero in un contenitore ermetico (per massimo 6 o 7 giorni).

Tagliare a listarelle il guanciale, disporlo su una padella antiaderente senza l’aggiunta di olio, lasciandolo andare a fuoco basso, girandolo spesso, fino a renderlo croccante. Togliere dalla padella il grasso del guanciale, lasciando solo il 10% e metterlo da parte.
Mettere a bollire l’acqua e salare, buttare la pasta e scolarla al dente, quasi “al chiodo”. La pasta deve continuare a cuocere in una ampia padella insieme al guanciale: a fuoco bassissimo con un po’ di acqua di cottura. Aggiungere una manciata di pecorino, i tuorli d’uovo e mantecare. Aggiungere in padella anche l’olio tartufato in precedenza, mescolando con delicatezza. Concludere con una spolverata di pepe, sempre a fornello accesso, continuando a mantecare e prestando attenzione a non far asciugare il condimento, aggiungendo, se necessario, un altro goccio di acqua di cottura.

Impiattare e completare il piatto con qualche scaglia di tartufo per decorazione.

Vini abbinati: Frascati superiore Colle Picchioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.