Il Nano, ristorante e pizzeria dal 1969 a Vallo della Lucania. L’autenticità in via di estinzione

10/8/2018 5.7 MILA
Il Nano, Lina e Carmelo Gabriele
Il Nano, Lina e Carmelo Gabriele

Lina e Carmelo aprirono il Nano proprio di fianco all’ospedale San Luca nel 1969 e da allora sono stati sempre lì, sempre uguali. Mio padre all’epoca era primario radiologo in questa struttura, non c’erano le strade e la frenesia di oggi e quindi partiva il lunedì e rientrava il venerdì sera o sabato a Salerno dove abitavamo portando con se le prime mozzarelle di bufala che esistevano solo a Battipaglia da Villecco. Un altro mondo, davvero, appena mezzo secolo fa.

Il Nano, l'ingresso
Il Nano, l’ingresso

Tornare qui, sedersi al tavolo e seguire il calendario settimanale dei pasti è un po’ come rivivere queste atmosfere, quelle in cui al servizio non ci sono ragazzi sottopagati che ruotano alla velocità di una tromba d’aria, dove ogni cliente ha nome e cognome, che o si siede o fa asporto. La cucina familiare, insomma, quella che ha dato vita alle trattorie, una istituzione tipicamente italiana, che servivano a sfamare chi  lavorava o studiava sotto casa, sino a quando Peppino Cantarelli non decise di affiancare a questa cucina le più grandi bottiglie francesi del momento iniziando una trasformazione radicale e avviando quel processo di evoluzione della trattoria in ristorante. Se ci fate caso, dei nove tre stelle italiani, sette sono riconducibili a conduzione familiare.

Il Nano di Vallo della Lucania
Il Nano di Vallo della Lucania

Qui il vino è sfuso,”buonissimo” e frequentare queste autentiche trattorie di paese è un po’ come fare dunque una ecografia di una donna incinta di due mesi, ricordarsi da dove siamo partiti in campo gastronomico.
Due sono i motivi per frequentare questi locali: la qualità della materia prima (“le uova sono nostre, mica le compriamo”) e l’autenticità. Sì quella autenticità che Pasolini vedeva nella civiltà rurale in via di estinzione e che lo fece schierare con poliziotti e carabinieri contro gli studenti negli scontri di Valle Giulia. L’autenticità che molti vedono in svaporamento nel mondo della pizza napoletana ma che è ancora presente e diffusa. Non si sa per quanto.
Ma in fondo, perché ci piace l’autenticità? Perché non appartiene alla sfera dei rapporti commerciali tra gli uomini, o, meglio, non appartiene alla sfera dei rapporti commerciali spinti. Quando in un Tre Stelle sei tutto alliccato e riverito sai che è professionalità, quando entri in questi posti e si ricordano di tua nonna che non vedono più è semplicemente educazione. Ed è questa dimensione dei rapporti che si sta progressivamente perdendo in tutti i campi nell’Italia dei call center premi uno sei vuoi parlare con x, premi 2 se vuoi parlare con y. Ecco perché è bello fare un pranzo qui.

Il Nano, il menu della settimana
Il Nano, il menu della settimana

Intendiamoci, l’autenticità non può essere un modello da seguire, ma è una testimonianza da conservare. Qui entri e ti senti subito come a casa, il tempo si ferma, i clienti non vanno di fretta (per la verità qui in Cilento è un ossimoro). La cucina è tutto espressa ed ha il sapore del cuore. Una cucina di servizio, che deve soddisfare il cliente per farlo tornare, come nel caso di mio padre che la usò come riferimento quotidiano per molti anni. E che dunque oltre a piacerti deve farti stare bene. Molto bene.

Il Nano, la sala col banco frigo
Il Nano, la sala col banco frigo

Piatti semplici, della tradizione con qualche contaminazione italiana come il fusillo alla Carbonara!

Il Nano, il fusillo cilentano al pomodoro
Il Nano, il fusillo cilentano al pomodoro
Il Nano, carbonara ... cilentana
Il Nano, carbonara … cilentana
Il Nano, pane cilentano
Il Nano, pane cilentano
Il Nano, salsicce e patate al forno
Il Nano, salsicce e patate al forno
Il Nano, lo stracotto
Il Nano, lo stracotto
Il Nano, dettaglio
Il Nano!

Le pizze sono ovviamente molto lontane dal modello scioglievole napoletano, ma la materia prima e l’impasto sono di qualità e il giorno dopo sono ancora più buone perché hanno una buona base panosa tipicamente paesana che le distingue dalla tradizione cittadina.

Il Nano, la margherita appena uscita dal forno
Il Nano, la margherita appena uscita dal forno
Il Nano, la margherita
Il Nano, la margherita
Il Nano, la capricciosa
Il Nano, la capricciosa

CONCLUSIONE

Prima che Lina e Carmelo decidano di chiudere i battenti dopo 50 anni di lavoro, venite qui se vi trovate nel Cilento. Se avete una causa al Tribunale o se dovete passare all’Ospedale oppure semplicemente se siete qui come turisti e visitatori. Sarà un vero e proprio entare in una macchina del tempo, godrete dell’atemosfera, della gentilezza e soprattutto del sapore che ogni piatto trasmette.
I prezzi? Molto difficile superare i 25 euro!

Il Nano, il vino della casa
Il Nano, il vino della casa

5 commenti

    Enrico Malgi

    (10 agosto 2018 - 14:03)

    In passato non troppo lontano ogni domenica godevo dell’insuperabile pollo arrosto.

    Marco Galetti

    (10 agosto 2018 - 14:20)

    La distanza dalla tana della volpe del Cilento non sembra proibitiva…e di Lunedì fanno pasta e fagioli…sarò stato abbastanza chiaro…

    Enrico Malgi

    (10 agosto 2018 - 14:54)

    Ok Marco ho capito l’antifona, ti porto pure qui. Ma gli impegni crescono e dubito che tu ce la possa fare…

    Francesco Mondelli

    (10 agosto 2018 - 15:43)

    Vicino all’ospedale.Ero in visita al mio padrino rimasto illeso in seguito ad un brutto incidente stradale ma ricoverato per gli accertamenti di prassi.Allora di cena con un foglio in mano cominciò a prendere ordinazioni tra pazienti parenti e visitatori perché,ritenendosi miracolato,si sentiva come minimo in dovere di offrire una pizza a tutti quelli che gli venivano a tiro (Il suo motto è sempre stato”chi no vole magnà nun vole fa bene”E pizza fù.Da andare a prendere rigorosamente al “NANO”perché buona ed inoltre sarebbe arrivata ancora calda in ospedale vista la brevissima distanza.Questo era il Cilento .Questa è la “dieta mediterranea “ non solo cibo ma filosofia di vita.PS.Anche la mia famiglia era cliente di Villecco.FM.

    Natalya

    (18 agosto 2018 - 14:13)

    Non dobbiamo dimenticare la pizza è molto buona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.