Ristorante La Canonica, Casteldimezzo, 14 abitanti e un luogo del cuore sospesi sull’Adriatico

10/5/2018 5 MILA
Andrea Rignoli, il garbato e appassionato titolare
Andrea Rignoli, il garbato e appassionato titolare

di Marco Galetti

La Canonica, ingresso
La Canonica, ingresso
La Canonica, la vista sul Mare Adriatico dal Parco di San Bartolo
La Canonica, la vista sul Mare Adriatico dal Parco di San Bartolo
La Canonica, la sala col camino
La Canonica, la sala col camino

La Canonica, la sala col camino, di questo locale accogliente e per certi versi unico

La cantina della Canonica
La cantina della Canonica

La Canonica, l’accesso alla cantina di arenaria, antico sotterraneo della Canonica della Curia di Pesaro, sotterraneo che ha la sua bocca in una delle sale del ristorante, le bottiglie riposano in questa grotta a temperatura costante di diciassette gradi e con l’ottanta per cento di umidità, il vino come dice Andrea Rignoli, l’appassionato proprietario e anima di questo luogo, è come se tornasse alla terra che l’ha generato

La Canonica, l'accesso alla cantina
La Canonica, l’accesso alla cantina
La Canonica, la cantina, il buen ritiro di Andrea Rignoli
La Canonica, la cantina, il buen ritiro di Andrea Rignoli

La Canonica, la cantina, il buen retiro di Andrea Rignoli, quasi duecento le etichette in carta, circa la metà tra Marche e Romagna, così come per la carta delle vivande anche le scelte enologiche sono rivolte principalmente al territorio, è una “carta, scrive Andrea sul sito,  che guarda con attenzione a quei viticoltori che seguono uno stile ispirato alla naturalità del vino o quantomeno ad un ridotto “assistenzialismo” e che non cercano scorciatoie nei correttivi enologici: ci riferiamo all’uso scriteriato di concimi chimici , diserbanti,  pesticidi , aggiunta di attivanti, chips di rovere, estratti di tannino, concentratori, disacidificazioni, il rapporto terra-clima-uomo contiene in sé l’unicità del vino, modellarlo secondo ragioni di mercato significa non rispettare né il vino né l’ambiente né la nostra salute”

La Canonica, JPB1 Trebbiano Romagnolo Vigne Dei Boschi, frizzante naturale col fondo, metodo ancestrale
La Canonica, JPB1 Trebbiano Romagnolo Vigne Dei Boschi, frizzante naturale col fondo, metodo ancestrale

La Canonica, il pane (buono) è preparato con lievito madre, mentre il menù, quindicinale, per poter seguire al meglio la stagionalità dei prodotti e la freschezza degli stessi è limitato nelle proposte, bonus

La Canonica, il pane preparato con lievito madre
La Canonica, il pane preparato con lievito madre

La Canonica, ineccepibile polpo di scoglio arrostito con pancotto all’acqua di mare

La Canonica, polpo di scoglio arrostito con pancotto all'acqua di mare
La Canonica, polpo di scoglio arrostito con pancotto all’acqua di mare

La Canonica, cannoli di crostacei, la loro bisque e cremoso di pistacchi, questo gustoso piatto dal sapore convincente credo possa essere migliorato per quel che concerne la presentazione (meglio tre piccoli cannoli leggermente sovrapposti che due lunghi e paralleli) e per la consistenza del ripieno di crostacei e polpa di granchio che avrei preferito meno compatto e più morbido

La Canonica, cannoli di crostacei, la loro bisque e cremoso di pistacchi
La Canonica, cannoli di crostacei, la loro bisque e cremoso di pistacchi

La Canonica, gnocchi di patate al sugo di rombo nostrano con salvia e spinaci, chi ha provato un rombetto dell’adriatico alla griglia sa perfettamente qual è il valore di questo pescato locale arricchito da piccoli gnocchetti di giusta consistenza, il piatto arriva al tavolo alla corretta temperatura di servizio, bello caldo, appena spadellato, regola ferrea che molti ritengono secondaria, dovrò decidermi a rimandare indietro qualche piatto e/o tracciare con la tastiera rimostranze al veleno

La Canonica, gnocchi di patate al sugo di rombo nostrano con salvia e spinaci
La Canonica, gnocchi di patate al sugo di rombo nostrano con salvia e spinaci

La Canonica, fritto misto (calamari, ombrina, baccalà, polpo, mazzola) in due insoliti e graditi servizi, il primo bollente

La Canonica, fritto misto
La Canonica, fritto misto

… e l’altro pure, convincente anche la proporzione tra la polpa del pesce e la doratura a netto vantaggio della materia prima, non di sola panatura (o ancora peggio pastella) vive l’uomo

La Canonica, il piatto dei formaggi, produzione locale, autori 3 pastori marchigiani, lunga vita a chi ci consente assaggi insoliti ed introvabili

La Canonica, il piatto dei formaggi, produzione locale, autori 3 pastori marchigiani
La Canonica, il piatto dei formaggi, produzione locale, autori 3 pastori marchigiani
La Canonica, vino di visciole e ciambella
La Canonica, vino di visciole e ciambella

La Canonica, vino di visciole (imperdibile, a base di ciliegia acide) e ciambella, chiusura tipicamente marchigiana in questo posto di confine tra le provincia di Rimini e quella di Pesaro Urbino, i prezzi, correttamente esposti sul sito, sono praticamente gli stessi dei locali per vacanzieri in infradito, ma in quanto ad accoglienza e qualità della proposta la differenza è sostanziale, quindi non siate stanziali e imboccate l’Adriatica da Rimini e Riccione in direzione Pesaro, poco dopo Gabicce, seguite le indicazioni per il Parco di San Bartolo e godete con gli occhi e col palato

Il promontorio di Gabicce e il Parco di San Bartolo visti da Riccione
Il promontorio di Gabicce e il Parco di San Bartolo visti da Riccione
La vista sull'Adriatico in prossimita' della Canonica
La vista sull’Adriatico in prossimita’ della Canonica
La Canonica, esterno notte
La Canonica, esterno notte

La Canonica, esterno notte, subito fuori dal piccolo borgo sospeso sull’Adriatico e nel tempo, un comodo parcheggio riservato, perché fino a qui, è possibile, ma quasi impensabile salire a piedi

Casteldimezzo è un minuscolo borgo millenario nelle immediate vicinanze dello storico porto della Vallugola.

Citato nei portolani fin dal ‘600, questo piccolo approdo naturale, primo porto protetto dai monti che si incontra da Trieste in direzione Sud, è molto pericoloso per il vento di Focara del quale parla anche Dante nel ventottesimo canto dell’Inferno, è un vento dotato di grande autostima che gli deriva dall’esperienza, vento che soffia forte senza sforzo alcuno ad occhi chiusi.

La pericolosità della navigazione a ridosso del colle impediva l’estrema via di fuga dello spiaggiamento, consentita sulla costa più bassa dritta e sabbiosa, che in prossimità del promontorio di Fiorenzuola di Focara si interrompe improvvisamente con quest’unico punto roccioso a falesia viva dove i venti di Levante e il Libeccio con i suoi rinforzi improvvisi colpiscono duro… ci sono leggende a riguardo, ascoltare in una sera d’inverno, davanti al camino, con un calice di Porto in mano, racconti di barche e di marinai alla ricerca di un porto e di un ormeggio sicuro mentre i venti ululano sarà cosa buona e giusta.

Nell’ex canonica della chiesa di Casteldimezzo, dove 14 abitanti vivono sospesi sull’Adriatico il ristorante La Canonica, oggi Bib Gourmand (tavole segnalate da Michelin che vantano un ottimo rapporto qualità prezzo) è da anni punto di riferimento di sicuro interesse per un turismo diverso, turismo che nel mirino non ha soltanto l’illuminato e agognato lungomare che senza soluzione di continuità collega Rimini e Cattolica offrendo, salvo rari casi, la stessa basica, se pur valida, proposta di ristorazione.

In questa insolita e armonica location hanno lavorato per noi Andrea Rignoli (proprietario) Simone Pesaresi e Sofia Balducci in sala, mentre in cucina si sono distinti alle padelle, Paolo Bissaro, Emanuele Tausani e Elena Bazzocchi.

Una considerazione, chi non è mai stato qui continuerà a pensare che l’Adriatico sia tutto uguale e che l’abbondanza di turisti consenta a tutti di riempire la rete di clientela desiderosa di un ristoro senza pretese che come un doposole rinfreschi di vino mediocre e non bruci nel portafoglio.

Andrea Rignoli e il suo locale sono un’altra cosa, sono cucina curata, vivace e gustosa con prodotti freschi di territorio e di confine, quindi regionale bis, sono ristoro, pace e relax, sono la quiete dopo la tempesta di sabbia, sono un fritto bollente e asciutto così lontano dall’unto delle creme solari, solari sono i volti di Andrea e dei suoi collaboratori che vi accoglieranno con un sorriso in un luogo magico che deve essere visitato, varcate la soglia e oltre la sogliola dell’Adriatico provate i formaggi, lo strepitoso polpo di scoglio, anche in versione fritta e tutti i vini a calici che vorrete, questo è un luogo concreto niente piccola pasticceria né benvenuto della cucina qui il benvenuto si percepisce intensamente dall’accoglienza in perfetto equilibrio tra la garbata educazione e il ruspante calore spontaneo marchigiano venato di contagiosa allegria romagnola.

In questo posto sperduto, mi ci sono perso con soddisfazione in tutte le stagioni, non necessariamente solo durante la collezione Primavera-Estate, basta lasciarsi andare e farsi guidare, qui non ci si approfitta del cliente, al contrario, si tende a fidelizzare, rendendo piacevole nei toni, nei suoni, nei silenzi e nei sapori la permanenza in questo luogo del cuore davvero magico.

Ristorante La Canonica
Via Borgata 20
61100 Casteldimezzo PU
http://www.ristorantelacanonica.it/

 

2 commenti

    Francesco Mondelli

    (10 maggio 2018 - 15:03)

    Tra cielo e mare ma ad un passo dall’ascetismo:si fa per dire perché la discesa al piano inferiore oltre che spettacolare fa chiaramente capire che da qui non si va nell’eterno soffrire ma al di-vino piacere.Superata la prova costume primaverile si riparte alla grande con il nostro che scova sempre qualche cosa di intrigante che coinvolge cuore corpo e mente.Complimenti per tutto ma il polipo di scoglio arrostito è il preferito.Alla buon’ora e ad maiora a lei e signora.FM.

    Marco Galetti

    (10 maggio 2018 - 20:30)

    @FM, ascoltata buona musica, assaggiate olive dei loro olivi, stappato con prudenza e moderazione in previsione del ritorno in auto s.l.m. dopo una sosta sul belvedere… se vi fa piacere è un invitante metà strada, che rifarei volentieri, in previsione di condivisione, a disposizione.

I commenti sono chiusi.