“I ristoratori sono tutti evasori”, così Bersani rivela l’arretratezza culturale di un intero ceto politico e i motivi della persecuzione fiscale ai danni di centinaia di migliaia di locali

25/10/2020 6.5 MILA

La frase di Bersani sui ristoratori evasori è una delle cose che più mi ha sconvolto negli ultimi mesi. Intendiamoci, so benissimo con quanta sufficienza venga guardato il mondo della ristorazione da un certo ceto politico e culturale italiano nonostante il Gambero Rosso sia nato da una costola del Manifesto e che Slow Food sia nato nell’Arci, l’associazione culturale che faceva riferimento al Pci e in parte al Psi negli anni ’70.
Ma nonostante tutto, questo ceto politico, di cui Bersani è una delle espressioni più presentabili, ha di fatto da sempre messo in secondo piano i temi dell’agricoltura e della gastronomia preferendo concentrarsi sulla manifattura e l’industria. Operai, quadri, e ovviamente dipendenti pubblici e pensionati.
Uno dei motivi della continua perdita di consenso della sinistra è stato quello di rimanere, nonostante le grandi trasformazioni in atto, ancorata a questo schema secondo il quale il problema dell’evasione fiscale è da cercare proprio nella ristorazione e nell’agricoltura piuttosto che altrove.
Nel corso di questi ultimi 30 anni  la sinistra, o gran parte di essa, è diventata il partito delle tasse e la morsa sui lavoratori autonomi si è stretta sempre di più. Se non la si prova, non si può capire. Finchè sei dipendente, tutto è trattenuto alla fonte, quando diventi partita Iva devi per forza mettere in conto di pagare un commercialista per l’enorme mole di norme a cui bisogna fare fronte, alle continue scadenze tra versamenti acconti, alla giungla delle detrazioni, ai controlli che inevitabilmente portano a delle multe e a nuove pretese.
Il Covid ha messo a nudo questa realtà e ha mostrato qual è veramente la parte più indifesa, più debole, della società italiana: proprio quella che politici come Bersani ritengono responsabile dell’evazione fiscale! Tra l’altro le partite Iva sono gli unici che devono pagare le tasse sui soldi ancora non guadagnati!
Non temono il lockdown i dipendenti statali, lo temono un po’ meno i dipendenti privati se lavorano in aziende a rischio, lo auspicano gli strozzini e la delinquenza organizzata perchè così possono fare shopping di locali e di aziende. Chi resta scoperto sono proprio i piccoli imprenditori.
Ora tutto questo in una logica di cinismo politico potrebbe anche non interessare. In fondo Stalin deportò qualche milione di kulaki, piccoli proprietari terrieri, per far posto ai sovchos, ossia all’idea che il processo agricolo dovesse essere allineato a quello industriale.
Bene, in Italia a gennaio, poco prima del lockdown ci sono 5,3 milioni di partite Iva aperte (il 23,2% degli occupati totali) e, solo lo scorso anno, ne sono state aperte oltre 400mila. Questi lavoratori devono fronteggiare numerose insidie, fra cui un reddito medio in picchiata, che negli ultimi dieci anni è calato di 7mila euro. Stanto ai numeri di Confcommercio professioni, dal 2008 i liberi professionisti hanno perso il 25% dei guadagni annui. Accanto al reddito in calo c’è da prendere atto anche di una situazione debitoria fuori controllo. Il 98% “ha in corso rateizzazioni per debiti o mancati pagamenti” che si accumulano alle varie scadenze fiscali.

Questo mondo, che rappresenta un quarto della popolazione attiva, non ha rappresentanza politica di fatto perchè nemmeno la destra quando era al governo ha fatto nulla per semplificare la vita ai piccoli imprenditori.

Ora la frase di Bersani sconvolge per la sua genericità, un po’ come quando Salvini parla degli immigranti come delinquenti, salvo poi a scoprire che sono indispensabili per il nostro sistema economico a partire dal lavoro nei campi.

Ma sconvolge anche per la sua ignoranza, una ignoranza che spiega perchè gli interessi agricoli dell’Italia non sono mai stati difesi adeguatamente in sede europea a differenza di quanto hanno fatto tedeschi e francesi, perchè abbiamo accettato supinamente regolamenti che offendevano la dignità dell’artigianato e dell’agricoltura di precisione.
Spiega perchè i temi agricoli sono scomparsi dalle tv, se non in forma di tavolate finali dei programmi gastronomici dove i protagonisti indossano abiti dell’800 per fare un po’ di folklore.

Ma sopratutto ignora che la gastronomia è uno dei pochi settori dove l’Italia detta legge nel mondo, che il nostro cibo è avidamente cercato e imitato o falsificato per una cifra pari a quello autentico, ossia circa 80 miliardi di falso Made in Italy a fronte di altrettanti di quello legale.

Ignora che le nostre città senza ristoranti e trattorie, sarebbero tristi luoghi con le grandi catene mondiali a farla da padrone e non sarebbero più città italiane.
Ignora, come ha fatto notare la ministra Bellanova nella drammatica riunione di stanotte, che questo settore assorbe i prodotti dell’agricoltura di qualità ed è uno sfogo per tanti giovani tornati alla terra e che da solo occupa complessivamente 1,3 milioni di persone in circa 330mila aziende (tutti evasori per l’ex segretario del Pd?) e che sino al lockdown aveva un tasso di crescita del 3%, ossia tre volta superiore a quella del pil nazionale.

Bersani ignora che dunque parliamo di cultura, cultura materiale che forma il nostro stesso essere italiani, con ogni regione che ha la sua specificità e il suo orgoglio gastronomico. Se fosse un politico moderno e non un vecchio signore da talk show, capirebbe che una sinistra vera, una forza progressista che abbia un progetto di paese nel mondo globalizzato,  dovrebbe porsi il problema di difendere questo settore, non di affossarlo.
Mentalità che riguarda anche De Luca in Campania e per fortuna non Bonaccini in Emilia.

Ora questo accanimento verso i ristoranti, non equiparare questo settore all’industria e alla manifattura nell’agenda politica, è indice di una profonda ignoranza oltre che di opportunismo politico perchè è chiaro che in questo caso è un mondo frastagliato e con una rappresentanza debole.

Certo, la situazione sanitaria è grave, si possono capire orari più ristretti la notte, è il momento in cui davvero tutto è fuori controllo, si deve fare una distinzione fra ristoranti e bar. Insomma, ci vorrebbe un lavoro certosino, invece di ragionare per categorie semplificate, per affrontare questa situazione.

Ma soprattutto ci vorrebbe quella cultura e la conoscenza del paese reale che un ceto politico nominato e ricco di privilegio ormai non è in grado di capire e di affrontare.

Ci sembra che una cosa di buon senso l’abbia detta Bruno Vespa

 

16 commenti

    Vincesko

    Articolo letteralmente surreale. Bersani è, com’è noto, persona preparata e ha basato il suo giudizio sui dati fiscali, che sono di un’evidenza assoluta ed attestano, al di là dei discorsi fumogeni, che anche i ristoratori evadono abbondantemente le imposte.

    25 ottobre 2020 - 14:39Rispondi

    Giuseppe Cusin

    Le statistiche mostrano che i lavoratori autonomi evadono circa il 68 per cento dell’imponibile. Verranno rimborsati delle perdite sulla base delle dichiarazioni dei redditi 2019.

    25 ottobre 2020 - 14:49Rispondi

    Adele De Riso

    Il caro “sig” Bersani è ignorante e inutile in tutti i sensi, metaforicamente e letteralmente, un inutile parassita che farebbe bene a collegare l’unico neurone (sempre che sia ancora in circolazione e non abbia dato defezione, come credo sia probabile visto le esternazioni dell’elemento suddetto) prima di parlare.

    25 ottobre 2020 - 15:18Rispondi

    Maria Teresa Bonomi

    Non credo sicuramente che tutti i ristoratori siano evasori..ma sicuramente molti denunciano redditi di gran lunga inferiori..quindi come dice Bersani sarebbero rovinati se gli aiuti economici venissero dati in base al reddito dichiarato.

    25 ottobre 2020 - 17:12Rispondi

    Germano

    Venticinque anni fa io e mia moglie abbiamo aperto una attività di ristorazione. Fedeli ai nostri ideali di sinistra, abbiamo applicato rigorosamente un’etica commerciale rispettosa della legalità: nessun cliente è mai uscito senza scontrino, ricevuta o fattura; i dipendenti sempre tutti in regola, persino quelli temporanei; materie prime sempre acquistate da fornitori in regola e sempre con fattura. Ben presto ci siamo resi conto che eravamo circondati da una concorrenza ben diversa e senza tutti questi scrupoli: ricevute con il lanternino, dipendenti e acquisti in nero. Per non parlare dei finti circoli privati e dei finti agriturismi. Perfino i nostri clienti ci prendevano in giro. Risultato: dopo dieci anni di massacro noi abbiamo dovuto chiudere (con pesanti danni), molti di quegli altri sono ancora lì. Con amarezza do ragione a Bersani!

    25 ottobre 2020 - 17:45Rispondi

    Simone

    Penso che Bersani non abbia detto niente di così lontano dalla realtà. Forse la sinistra ha perso il consenso per aver tradito altri principi delle politiche che per anni l hanno contraddistinta; in questo caso invece non si è allineata al resto della politica che ha cercato più i consensi che andare dritti ai problemi. Quello che ha detto Bersani ovviamente non attrae certo le simpatie degli interessanti, ma non per questo bisogna nascondere la verità delle cose. Ovvio che non ci sia da generalizzare su nessuna categoria, ma far passare i ristoratori come contribuenti modello beh, ce ne passa eccome. Basta per piacere. Basta

    25 ottobre 2020 - 18:07Rispondi

    Luciano Pignataro

    Vedo che sfugge il senso dell’articolo ma siamo ormai abituati a ragionare per categorie, è la vittoria del pensiero debole. Il tema non è se i ristoratori siano o meno evasori, ma come un governo si rapporta alla categoria, del perchè da decenni si danno massicci contirbuti alla grande industria mentre questo settore che pè strategico per l’ccupazione viene abbandonato e vessato da continui controlli.
    Non so a quale epoca si riferisce Germano, una cosa è certa, non si fallisce se gli altri fanno concorrenz sleale ma se il modello di business è ben tarato e progettato. Di questo passo allora una bottiglia di Sassicaia non avrebbe speranza in un mercto dove il vino costa anche meno dell’acqua minerale.
    Non capire che la gastronomia ha avuto un incremento incredibile sino a diventare l’asse portante del pil e dell’export e colpirla come prio provvedimento è per me esempio di arretratezza culturale e cecità politica.

    25 ottobre 2020 - 18:36Rispondi

      Simone

      Se sfugge il senso dell articolo forse è anche perché questo è impostato male. Se già nell oggetto (e all’interno di esso) dell articolo viene evidenziata la dichiarazione di una persona, in questo caso un parlamentare, è logico che si cerchi di improntare la discussione su quel concetto. Bastava allora partire già con un titolo che introducesse un’altra questione, quella delle differenze fra grande industria e piccoli ristoratori. Ma il tema non è sembrato questo evidentemente, perché nessuno l ha capito vedo.

      26 ottobre 2020 - 08:19Rispondi

    Lorenzo

    C’è poco da dire, il reddito medio dei ristoratori è di 14.000 euro. Bersani ha detto il vero. Stop.
    Il resto sono seghe mentali.

    25 ottobre 2020 - 19:01Rispondi

    Dwight

    Articolo ricolmo di pregiudizio, settarismo e faziosità.

    25 ottobre 2020 - 20:55Rispondi

      Luciano Pignataro

      Commento ricolmo di vautazioni profonde, non pregiudiziali e voglia di dialogare

      26 ottobre 2020 - 07:35Rispondi

    Lorenzo Castellano

    Il criterio del ristoro dovrebbe prendere a riferimento le dichiarazioni IVA del periodo corrisondente dell’anno precedende, calcolando l’integrazione.

    25 ottobre 2020 - 21:03Rispondi

      Luciano Pignataro

      Ci sono molti modi per sostenere la ristorazione, per esempio i crediti di imposta con i fitti pagati durante la chiusura, abolizione per il 2020 dele tasse comunali, rinvio della dichiarazione Iva. Da un politico ci si aspetta soluzione, non una battuta che implica la condanna a morte. Sarebbe come dire, niente aiuti alla industria perchè inquina. Svegliatevi, lo Stato siamo noi

      26 ottobre 2020 - 07:34Rispondi

    Alberto

    Il reddito medio dichiarato è frutto di politiche industriali, agricole, del lavoro, etc. che hanno spinto moltissimi ad investire in imprese personali, spesso sull’onda della disperazione e di entusiasmi malcontrollati, producendo più fallimenti che successi… basti guardare a quante p.i. aprono ogni anno e a quante ne vengono chiuse, aggiungendo, magari, il numero di protesti… In soldoni, moltissimi ragazzi, non sapendo dove sbattere la testa, aprono bar, ristoranti, wine bar, bistrot, etc., senza avere la più pallida idea di quanto sia difficile la strada per la sostenibilità di una attività simile. Alla fine i ricavi risultano nulli, anzi spesso vanno constabilizzate le perdite e quindi il valore medio del reddito risulta basso… Aggiungerei, al computo, anche una buona parte di attività “lavatrice”… Per ogni Cannavacciuolo che dichiara mln di € di fatturato, ci sono decine di giovani – o meno giovani – che, dando fondo a piccoli risparmi familiari, perdono più soldi di quelli che guadagnano…

    Questa è la realtà dei fatti… molti dei commenti più su, invece, appartengono alla categoria dell’invidia sociale che caratterizza l’italiano medio…

    Per quanto riguarda, invece, l’evasione fiscale – che nessuno nega – diciamo che uno dei principali esponenti economici del partito più longevo attualmente in parlamento, più che additare, dovrebbe sentire la responsabilità di non avere mai proposto soluzioni percorribili…

    26 ottobre 2020 - 17:33Rispondi

    GIULIO SANTILLO

    Bravo Bersani!!

    27 ottobre 2020 - 03:01Rispondi

    giancarlo picchiotti

    Insomma tutti evasori per necessità ma mi faccia il piacere !!!

    29 ottobre 2020 - 18:27Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.