Roma: Montecappone e Doc Verdicchio Castelli di Jesi spengono 50 candeline

31/5/2018 877
Alessandro Mirizzi, Sara Blandamura e Gianluca Mirizzi
Alessandro Mirizzi, Sara Blandamura e Gianluca Mirizzi

di Floriana Barone

Cinquant’anni di storia, cinquant’anni di amore verso il territorio dei Castelli di Jesi e di produzione di vini di altissima qualità, a cominciare dal Verdicchio: la famiglia Mirizzi dell’Azienda vinicola Montecappone ha scelto il nuovo ristorante Acciuga di Roma per celebrare mezzo secolo di attività, un traguardo arrivato in corrispondenza del 50° anniversario della Doc Verdicchio dei Castelli di Jesi, un vino estremamente versatile nel panorama dei bianchi e ambasciatore delle Marche nel mondo.

La cena, dal titolo “50 sfumature di Verdicchio” è stata opera del giovane chef marchigiano Federico Delmonte, originario di Fano, che ha unito i sapori tipici della sua terra e del Mediterraneo con gli ingredienti di alcune cucine internazionali, in abbinamento ad alcune delle etichette di punta dell’azienda.

Lo chef Federico Delmonte e Salvatore Levantino
Lo chef Federico Delmonte e Salvatore Levantino

Acciuga marinata con focaccia al vapore, raviolo fritto e capasanta cocco cipolla e lime: tre antipasti di carattere a cui è stato accostato il Mirizzi Millesimè Extra Brut 2015, 24 mesi sui lieviti.

50 sfumature di Verdicchio - Capasanta cocco, cipolla e lime
50 sfumature di Verdicchio – Capasanta cocco, cipolla e lime
Mirizzi, Mirizzi Millesima Extra Brut 2015, 24 mesi sui lieviti
Mirizzi, Mirizzi Millesima Extra Brut 2015, 24 mesi sui lieviti

Il Federico II A.D.1194 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore 2016 della Montecappone è stato abbinato ai fusilli alle cozze, mentre, per il secondo primo, il riso cacio e pepe e bergamotto marinato, gli ospiti hanno sorseggiato l’Utopia Castelli di Jesi Verdicchio Classico Riserva Docg 2015 della Montecappone, assaggiando poi anche una Magnum Utopia Castelli di Jesi Verdicchio Riserva 2008, un prodotto longevo, ma ancora molto originale.

Montecappone, Federico II A.D. 1194 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore 2016
Montecappone, Federico II A.D. 1194 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore 2016
50 sfumature di Verdicchio - Fusilli alle cozze
50 sfumature di Verdicchio – Fusilli alle cozze

 

50 sfumature di Verdicchio - Riso cacio e pepe e bergamotto marinato
50 sfumature di Verdicchio – Riso cacio e pepe e bergamotto marinato
Montecappone, Utopia Castelli di Jesi Verdicchio Riserva 2008 Magnum
Montecappone, Utopia Castelli di Jesi Verdicchio Riserva 2008 Magnum
Montecappone, Utopia Castelli di Jesi Verdicchio Riserva 2015
Montecappone, Utopia Castelli di Jesi Verdicchio Riserva 2015

Il cuore di costata e melanzane, invece, è stato affiancato alla bottiglia di Ergo Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore 2016 dell’azienda Mirizzi.

50 sfumature di Verdicchio - Cuore di costata e melanzane
50 sfumature di Verdicchio – Cuore di costata e melanzane

Per il dolce, “Fruttando”, la scelta è caduta su un vino dolce: il Résio Verdicchio dei Castelli di Jesi Passito 2007 da uve botritizzate.

50 sfumature di Verdicchio - Fruttando
50 sfumature di Verdicchio – Fruttando
Montecappone, Resio Verdicchio dei Castelli di Jesi Passito 2007
Montecappone, Resio Verdicchio dei Castelli di Jesi Passito 2007

L’azienda Montecappone

L’azienda della famiglia Mirizzi, produttori di vino da tre generazioni, è impegnata da sempre nella valorizzazione dei vitigni autoctoni e produce esclusivamente vini imbottigliati all’origine. Fondata nel 1968 da Recildo Bomprezzi con altri due soci marchigiani e dal 1997 di intera proprietà della famiglia Mirizzi-Bomprezzi, oggi la Montecappone produce 180mila bottiglie l’anno in quasi 35 ettari di vigneti sulle colline e sui Castelli di Jesi (AN), coltivati principalmente a Verdicchio e Montepulciano, secondo i principi della lotta integrata. Etichette che poi vengono vendute per il 40% all’estero, soprattutto in Usa, Giappone, Danimarca, Olanda, Belgio, Svizzera e Germania.

Le vigne sono situate sulle colline e sui Castelli di Jesi: i vini prodotti sono espressione del territorio e soddisfano requisiti imprescindibili, come l’accurata selezione delle uve sul vigneto, le basse rese per ettaro e la vinificazione senza ossigeno, con un occhio attento alla sostenibilità ambientale.

Sono circa 15 le etichette aziendali: tra i vini più importanti, realizzati sotto la guida dell’enologo Lorenzo Landi, spiccano Utopia (Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Classico) e il Federico II A.D.1194 (Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore). Ma sono una quindicina in tutto le etichette targate Montecappone, tra bianchi, rossi, rosati, bollicine e vini dolci, a cui si affianca anche la produzione di oli extravergine di oliva, grazie ai 13 ettari di oliveti situati nel comune di Jesi, che danno origine a quattro oli extravergine d’oliva, di cui tre monovarietali (Ascolana Tenera, Raggia e Leccino) e a tre oli fruttati, ottenuti dalla frangitura delle olive con erbe e frutta biologica (limone, basilico e chili).

L'olio extravergine d'oliva Montecappone
L’olio extravergine d’oliva Montecappone

L’azienda Mirizzi

Gianluca Mirizzi è titolare della Montecappone e dell’omonima neonata azienda Mirizzi, creata nel 2015 con la firma di una personalissima e innovativa linea di vini e di oli che si sintetizza in Ergo, un Cru di Verdicchio più tradizionale, carico di colori, come si produceva anticamente, con aromi di frutta matura  e nel neonato Metodo Classico da uve Verdicchio, un Millesimato Extrabrut con 24 mesi di permanenza sui lieviti, senza dimenticare l’olio extravergine di oliva. L’azienda segue i criteri dell’agricoltura biologica e i dettami dell’enologia di qualità nei 17 ettari complessivi di proprietà. La famiglia è inoltre già proprietaria della storica Enoteca Bomprezzi a Roma, in zona Tuscolana e gestita con passione e professionalità dai padroni di casa Alessandro Mirizzi e Sara Blandamura.

Società Agrivinicola Montecappone
Via Colle Olivo, 2, Jesi (AN)

www.montecappone.it
Tel. + 39 0731205761 / [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.