Roma: Zia Rosetta, il panino dei romani in versione gourmet

22/10/2018 1.1 MILA
Alessandro, il proprietario
Alessandro, il proprietario

di Floriana Barone
Morbida, friabile e con poca mollica: la rosetta è il pane della tradizione romana. È da sempre il panino delle merende, da farcire magari con la mortadella: un classico da queste parti.

E nel cuore della Capitale, tra le viuzze di Rione Monti, esiste un laboratorio di catering e cucina dove la rosetta è protagonista assoluta.

Zia Rosetta - l'entrata
Zia Rosetta – l’entrata

Zia Rosetta è stata aperta nel 2013 da Alessandro, che ha sempre avuto una grande passione per questo panino: all’epoca la sua intenzione era quella di valorizzare una specialità tipicamente italiana. Il progetto è stato abbracciato con entusiasmo anche dalla compagna di Alessandro, che rappresenta la parte creativa del laboratorio e che , ogni mese, si occupa delle nuove ricette.

Le rosette arrivano tutti i giorni da un panificio di Trastevere, che le prepara appositamente per il locale.

La prima rosetta sul menu del 2013 si chiamava Peggy Rockfeller (mini 2 €, classica 4,50€), con prosciutto crudo, cialda di parmigiano croccante, melanzane grigliate: una proposta che è rimasta cara ad Alessandro e che oggi è ancora possibile assaggiare in questo laboratorio. A settembre è stata molto richiesta la best seller del mese: polpette di baccalà, zucchine, salsa yogurt, menta e basilico.

Molto buona anche la Gertrude (3€ la mini, 6€ la classica), con roast beef, fagiolini, senape e pepe rosa e la Lady Godiva (3€ la mini, 6€ la classica), con polpette di manzo al sugo.

Zia Rosetta - Gertrude
Zia Rosetta – Gertrude
Zia Rosetta - Lady Godiva
Zia Rosetta – Lady Godiva

Da provare sul menu in questo periodo c’è anche la Rosetta Zucca (mini 3,50€ , 7€), con zucca al forno, taleggio, noci e timo e la intramontabile Mortadella, con mortadella, brie, senape di Digione(mini 3,50€ , 7€).

Anche i dolci sono contenuti in una mini rosetta (3€): si possono ordinare l’Old pink, con ricotta e visciole, l’Antoine e cioè il tiramisù, oltre alla versione con la nutella.

L’offerta di zia Rosetta comprende anche insalate, centrifughe e  piatti preparati dalla cucina, come Piatto Polpette, con polpette di manzo, cicoria, patate schiacciate al limone, riso basmati (8€).

Zia Rosetta è un locale originale e un omaggio a un prodotto della tradizione gastronomica romana che oggi, purtroppo, rischia quasi di sparire nei i nuovi forni della Capitale.

Zia Rosetta
Via Urbana, 54,

00184 Roma

Orari: lunedì e martedì e giovedì dalle 10 alle 16, il mercoledì dalle 11 alle 16, dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 23

Tel. 06/31052516
http://www.ziarosetta.com/
Facebook
Instagram

2 commenti

    luca

    (22 ottobre 2018 - 17:32)

    L’articolo si conclude così.
    “Zia Rosetta è un locale originale e un omaggio a un prodotto della tradizione gastronomica romana che oggi, purtroppo, rischia quasi di sparire nei i nuovi forni della Capitale”.
    Anche a Milano, da quello che ho letto nel web, la situazione è la stessa per la MICHETTA.
    Il motivo è che richiede una particolare e lunga lavorazione.
    Per gli appasionati di arte bianca vi segnalo questo link di pochi minuti in cui una semplice
    casalinga, ma molto molto brava, realizza delle rosette ottime e, alla fine del video, la apre per
    far vedere se è riuscita, cioè deve essere vuota
    e non con la mollica come fanno un po’ dappertutto in Italia(ma non sono rosette o michette).
    E’ un PANE SOFFIATO. Uno dei migliori pani italiani, secondo me…quando è fatta a regola d’arte e mangiata fresca.

    Non mi sono mai cimentato, come appassionato, perchè la mia ricerca è stata improntata a una logica molto diversa:
    fare un pane buono, nel senso di ben cotto, digeribile e con un buon sapore nel modo più semplice e più veloce possibile.
    E ci sono riuscito. Addirittura con semplici farine da supermercato, senza impastamento,
    con pochissimo lievito e idratazione al 70 75% è inutile spingersi oltre. Ma dò molta importanza alla cottura che è molto diversa dalla tradizionale.

    Questo è il link della signora molto brava
    che ha quasi 70.000 visite.
    https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://m.youtube.com/watch%3Fv%3Dl4Zszniqo4s&ved=2ahUKEwiNhJDVpZreAhXMzIUKHQMwA6wQwqsBMAF6BAgJEAo&usg=AOvVaw3qyQ1BK7l9B79trOSbQ_4m

    Se questo locale dedicato alla ROSETTA, facesse da sè le rosette senza rifornirsi dal panificio sarebbe un posto eccezionale.
    Cambia tutto perché chi va lì sente nell’aria qualcosa che lo rende speciale.
    E se le rosette venissero infornate più volte al giorno come fanno a Parigi con la baguette per garantire la fraganza della freschezza sarebbe ancora meglio e, secondo me, molti sarebbero disposti a pagare anche qualcosa in più.

    W la ROSETTA ! Uno dei pani soffiati più buoni al MONDO.

    luca

    (22 ottobre 2018 - 18:16)

    Vorrei chiarire un punto.
    Pane veloce e con pochissimo lievito è una contraddizione. Ci sono delle varianti rimanendo il procedimento semplice.
    Se si vuol essere veloci bisogna aumentare il lievito in proporzione al tempo di maturazione
    che si vuole fare. Vi assicuro che anche con poche ore di maturazione si può ottenere un pane digeribile…se ben cotto.
    Altra variante è l’uso del lievitino.
    O anche partire da un pezzo di impasto, la cd. pasta di riporto, che può essere conservata in frigo per 2 o 3 giorni.
    Non ho inventato niente di eccezionale ma tecniche utilizzate da molti e che si possono vedere sul web. Poi ho soltanto personalizzato il procedimento come fanno un po’ tutti.
    Non c’è nessun segreto ormai…con l’avvento di internet.
    Se vogliamo ancora parlarne potremmo usare la parola personalizzazione.
    E il WEB è pieno di personalizzazioni.
    Sono proprio gli appassionati più bravi come questa signora che diffondono nozioni e informazioni che prima erano di difficile reperibilità.
    In un altro post vi ho segnalato ing. Pizza che è un ingegnere di professione ma è anche un appassionato bravissimo che può dare lezioni a tanti pizzaioli professionisti.
    E tantissimi altri in tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.