Sforzato di Valtellina Docg 2015 – Azienda Agricola Alfio Mozzi

8/11/2020 1.2 MILA
Sforzato di Valetellina Docg 2015 Alfio Mozzi

di Enrico Malgi

Prendiamo la viticoltura della Lombardia che con un milione e 431 mila ettolitri di vino nel 2020 rappresenta la nona regione con almeno sei areali di grande interesse vitivinicolo nazionale come la Franciacorta, i Colli Mantovani, l’Oltrepò Pavese, la sponda bresciana del lago di Garda, la Valcalepio e la Valtellina.

Oggi mi voglio soffermare proprio sulla Valtellina, che copre quasi tutta la provincia di Sondrio ed è famosa per la produzione di ottimi vini, soprattutto quelli confezionati con il vitigno locale Chiavennasca, un clone del Nebbiolo. Lo spunto me lo dà una bottiglia di Sforzato che ho scovato di un piccolo e poco noto vigneron della Valle dell’Adda e precisamente di Castione Andevenno che a me è piaciuta molto. Il produttore si chiama Alfio Mozzi ed ha cominciato la sua avventura nel 1998, provenendo da un’antica famiglia di viticoltori valtellinesi.

Controetichetta Sforzato della Valetellina Dpcg 2015 Aòfio Mozzi
Controetichetta Sforzato della Valetellina Dpcg 2015 Aòfio Mozzi

Sforzato della Valtellina Docg 2015. Le uve di Chiavennasca (Nebbiolo) sono state allevate in alta quota in un contesto di viticoltura eroica. Esse trascorrono tre mesi nel fruttaio bene areato prima di essere pigiate. Sono Ventiquattro i mesi di maturazione ed affinamento in botti di legno e sei mesi di elevazione in bottiglia. Tasso alcolico di sedici gradi. Prezzo finale intorno ai 20,00 euro, ottimo.

Tipico il colore rosso rubino con sfaccettature aranciate sull’unghia. Profumi di frutti di bosco, amarena, prugna secca e violetta, seguiti da un’ampia e variegata sinfonia di ginepro, china, rabarbaro, liquirizia, cacao, tartufo, balsamo, noce moscata, chiodi di garofano e pepe nero. Sorso caldo e grintoso ma senza essere aggressivo ed è poi asciutto, austero, grintoso, strutturato, vigoroso, potente, complesso, caratteriale, profondo, minerale e ricco di gradevoli sfumature. Nelle pieghe si dimostra anche elegante, avvolgente, cristallino, fresco. Tannini presenti, ma senza fare danni. Il finale è di quelli che si ricordano a lungo per persistenza, voluttuosità e gradevolezza. Retroaroma piccante. Da consumare su un piatto di pizzoccheri valtellinesi e sui formaggi stagionati locali Bitto e Casera.

Sede a Castione Andevenno (So) – Via Cà Bianca, 1
Cell. 339 3707018 – [email protected]
Enologo: Alfio Mozzi
Ettari vitati: 4 – Bottiglie prodotte: 20.000
Vitigno: Chiavennasca (Nebbiolo)

 

6 commenti

    Alfredo zimmaro

    Buongiorno signor. Malgi ma forse 1431 ettolitri di vino mi sembrano un po’ pochini per la Lombardia le pare ?
    Tornando al vino ho assaggiato lo sfurzat 5 stelle di Rainoldi trovandolo ottimo
    Asseggero anche questo
    Cordialità

    8 novembre 2020 - 11:05

    Enrico Malgi

    Buongiorno sig. Zimmaro, ha perfettamente ragione, purtroppo le migliaia mi sono rimaste inceppate nella tastiera. Provi questo vino e poi mi dirà. Grazie per il suo prezioso intervento.

    8 novembre 2020 - 11:17

    Marco Galetti

    Credo ci sia una piccola, ma significativa, imprecisione circa il prezzo finale di questa straordinaria bottiglia che non può necessariamente costare venti euro.

    9 novembre 2020 - 17:01

    Alfredo zimmaro

    Difatti in rete l ho trovato a 46 euro

    9 novembre 2020 - 18:23

    Enrico Malgi

    Carissimi signori Galetti e Zimmaro, come faccio di solito, chiedo sempre al produttore il prezzo finale praticato in enoteca delle bottiglie oltre alle notizie aziendali.

    10 novembre 2020 - 09:55

    Marco Galetti

    Non vi sarete capiti, può capitare, con immutata stima, M.

    10 novembre 2020 - 10:32

I commenti sono chiusi.