Talò, il vino rosso di Cantine San Marzano

14/4/2020 935
Cantine San Marzano
Cantine San Marzano

di Antonella Amodio

Primitivo di Manduria Talò 2017
€ 12,00
Cantine San Marzano
Via Monsignor Bello, 9  74020 San Marzano di San Giuseppe ( TA )
[email protected]

Primitivo di Manduria Talo' 2017
Primitivo di Manduria Talo’ 2017

Nel cuore della Puglia, a Manduria, 19 vignaioli nel 1962 si unirono per dare vita alla cooperativa Cantine San Marzano, che oggi conta 1.200 viticultori associati e 1.500 ettari di superficie vitata. Una realtà importante, un fiore all’occhiello non solo per la regione, ma per l’Italia tutta, che – attraverso i vini – riesce a valorizzare il lavoro di molti. Infatti i premi e i riconoscimenti non vengono conferiti solo ai vini che sono al vertice di classifiche enologiche, ma anche allo sviluppo di posti di lavoro che creano, e alla sostenibilità economica. La cantina, dotata di impianti moderni e all’avanguardia, si trova nell’area del primitivo, una striscia di terra rossa ricca di ossidi di ferro, compresa tra il mare Ionio e il mare Adriatico, resa ancora più bella dal paesaggio, caratterizzato da vigneti e uliveti che si perdono a vista d’occhio. Cantine San Marzano produce una ricca gamma di vini da diversi vitigni, tipici del territorio salentino: la tracciabilità e la qualità sono due aspetti fondamentali della cantina. Il focus aziendale vede la coltivazione di uve primitivo (dal caratteristico colore blu dell’acino) e del negroamaro, che rivestono un ruolo importante, vista la loro particolare diffusione in quelle terre mediterranee. Il vino Talò è ottenuto da uve primitivo coltivate a spalliera: affina sostando per sei mesi in barrique di legni francesi e americani. Si ottiene così un vino di struttura identificabile già dal colore rubino cupo e dal profilo di unghia violacea, che denota gioventù. L’olfatto rimanda alla marasca, alla prugna, al cassis e a note speziate e vanigliate, mentre al gusto è pieno, morbido, ricco e salino, offrendo un finale gustoso e lungo, e con una precisa chiusura che vira su nuance dolci.  Il Talò trova abbinamento su carni, compresa la selvaggina, e formaggi a pasta dura.