Titolo Aglianico del Vulture by Anfora Doc 2019 – Elena Fucci

3/9/2022 521
Titolo Aglianico del Vulture Doc by Anfora 2019 Elena Fucci
Titolo Aglianico del Vulture Doc by Anfora 2019 Elena Fucci

di Enrico Malgi

Diciamo la verità: le molteplici bottiglie di vino degustate a casa di Luciano Pignataro pochi giorni fa erano tutte eccellenti senza ombra di dubbio. Ovviamente alcune di esse hanno suscitato in me un maggiore interesse, per cui ritengo utile menzionarne qualcuna in particolare.

In questa occasione prendo in esame l’etichetta Titolo Aglianico del Vulture Doc 2019 by Anfora di Elena Fucci. Soltanto Aglianico vendemmiato a fine ottobre. Maturazione in anfore di terracotta per un anno e mezzo ed affinamento in vetro per sei mesi. Tasso alcolico di quattordici gradi. Prezzo finale intorno ai 50,00 euro.

Controetichetta Titolo Aglianico del Vulture Doc by Anfora 2019 Elena Fucci
Controetichetta Titolo Aglianico del Vulture Doc by Anfora 2019 Elena Fucci

Ecco qui un vino che non si dimentica facilmente, che appena si approccia alla vista esibisce subito una coreografica e solare livrea rosso rubino appena attraversata da lampi purpurei. Bouquet intensamente costellato da espansivi e multiformi profumi, che richiamano alla mente tanta buona frutta che rallegrano le narici: ciliegia, prugna, cassis, mirtilli, more, noci e mandorle in modo particolare. Credenziali di fiori vestiti di rosso, fragranze vegetali, giocosità cenerine e captazioni speziate vanno poi a comporre e completare in modo perfetto tutto il corredo aromatico. L’ospitale bocca accoglie un sorso subito avvolgente e sontuoso, essenziale e tipico, morbido ed accondiscendente, fresco e balsamico, aggraziato e sospiroso, sapido e minerale. Tessitura tannica di grande pregio. Contatto palatale da antologia, così pieno, profondo, sensuale, arrotondato, vivace, armonico e bene equilibrato, per un gusto tonico e corroborante. Allure classicheggiante, aristocratica, affascinante, antologica, elegante e fine. L’Aglianico del Vulture sembra somigliare a quello dell’Irpinia e del Sannio, ma in fin dei conti è molto diverso, non fosse altro per la sua più spiccata bevibilità, morbidezza ed una trama tannica più affusolata. Nel caso in oggetto qui abbiamo un vino monumentale, che sa interpretare il territorio vulturino con uno stile curato e moderno ed anche in modo così caratteriale e passionale. Nel suo Dna possiede poi una potenzialità di conservazione a lunga gittata. Affondo finale decisamente persistente ed epicureo. L’abbiamo assaggiato su tanta buona roba che non ricordo più, ma sicuramente questo vino straordinario ha recitato la sua parte in modo impeccabile.

Bottiglie di vini stappate a Svuota la Cantina
Bottiglie di vini stappate a Svuota la Cantina

Azienda Agricola Elena Fucci

Contrada Solagna del Titolo – Barile (Pz)

Cell. 320 4879945

[email protected]www.elenafuccivini.com

Enologo: Elena Fucci

Ettari vitati: 7 – Bottiglie prodotte: 30.000

2 commenti

    Alfredo Zimmaro

    Questo vino manca nei miei assaggi, cercherò al più presto di colmare la lacuna

    3 Settembre 2022 - 10:04Rispondi

    Enrico Malgi

    Lo provi allora e non se ne pentirà sig. Alfredo.

    3 Settembre 2022 - 12:42Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.