Trattoria Di Pietro a Melito Irpino, grande e irrinunciabile locale di tradizione

9/5/2019 3.2 MILA
Teresa Di Pietro e la figlia
Teresa Di Pietro e la figlia

di Marco Contursi

Trattoria Di Pietro a Melito Irpina. Quando sei a dieta stretta e senti la necessità fisiologica di interromperla per un giorno, è come quando hai un leone inferocito davanti e un solo proiettile nel fucile: Non puoi sbagliare l’obiettivo.

E il fatto che, recentemente, un Angelo meraviglioso ha deciso di volare via, lontano da chi (forse troppo romantico, o solo stupido) , pensava bastasse l’Amore, per essere felici per sempre, (chi mi segue nei miei scritti su questo blog, può capire……sennò può andare a leggere qui:  peggiora le mie pene da astinenza di zuccheri e grassi, non potendo ricorrere alle gioie del palato per lenire i dolori del cuore.

Enzo Di Pietro
Enzo Di Pietro

Te lo dissi io che era meglio essere come Davy Jones….

Ma oggi sforziamoci di non pensare (a lei, alla dieta, al mondo..) e godiamoci un pranzo antico e dal valore assoluto.

Alta Irpina, terra di greggi e di olio ravece. Melito irpino, neanche 2000 abitanti ma ci sono Enzo Di Pietro e la sua trattoria.

Da sempre. Oste vero. Cucina vera. “Non per frou frou” , direbbe un altro irpino famoso.

Enzo conosce vita, morte e miracoli di ogni cosa che vi porta in tavola. Qui il km 0 è la norma, da prima che qualcuno iniziasse a teorizzarlo. I tempi sono cambiati e semmai non troverete più i Nomadi a mangiare il pancotto (ma ci sono le loro dediche alle pareti) o le verticali di barolo di Bartolo Mascarello le cui etichette fanno bella mostra, incorniciate.

Trattoria Di Pietro - dedica dei Nomadi
Trattoria Di Pietro – dedica dei Nomadi

Ma le mille e passa bottiglie di grappa, quelle ci sono sempre. E ci sono tanti vini irpini, tra cui un Taurasi 2010 di Boccella che si rivelerà compagno ideale del pasto e delle chiacchiere fra amici (Yuri e Carmine, discrete forchette, dopo il primo piatto hanno issato bandiera bianca, sono ancora ragazzi..).

In cucina Teresa la moglie di Enzo, mano felice ai fornelli e memoria storica delle tradizioni culinarie locali.

Focaccina al rosmarino per iniziare, da accompagnare a un assaggio di  salumi locali e ad una sfiziosa provoletta affumicata, a cui seguono alcune verdure, delle torte rustiche molto buone, tra cui una di broccoli, buonissima e una superba minestra maritata. Gustosa ma leggera, esecuzione magistrale.

Trattoria Di Pietro - salumi irpini
Trattoria Di Pietro – salumi irpini

Il Taurasi scende veloce e la bottiglia finisce e non siamo neanche al primo.

Trattoria Di Pietro - Taurasi Boccella
Trattoria Di Pietro – Taurasi Boccella

Qui si viene per i cicatielli con il pulejo e i pomodorini locali. Il cicatiello è simile a uno gnocchetto, fatto a mano, il pulejo è una mentuccia selvatica, meno forte di quella romana ma ugualmente profumata. Piatto del viaggio. Irrinunciabile.

Trattoria Di Pietro - cicatelli con pulejo
Trattoria Di Pietro – cicatelli con pulejo

Se avete spazio potete provare i ravioli col tartufo, che Enzo grattugia copiosamente al tavolo.

Un assaggio di agnello (poco gustoso, troppo piccolo…) e di dolci (torta alle nocciole e crema e amarene) chiudono un pasto felice.

Trattoria Di Pietro - agnello
Trattoria Di Pietro – agnello
Trattoria Di Pietro - torta rustica coi broccoli
Trattoria Di Pietro – torta rustica coi broccoli
Trattoria Di Pietro - dolci
Trattoria Di Pietro – dolci

Per me un goccio di amaro Jefferson, rosmarino e bergamotto a profumare la bocca. Enzo ha finito il servizio, si siede a tavola e beve un goccio di grappa con noi. E racconta…racconta….racconta. Tutto il pranzo è stato scandito dai suoi racconti e dai piatti di Teresa. Me ne vado contento, due ore liete, piene di passione e sapori autentici.

Trattoria Di Pietro - grappe
Trattoria Di Pietro – grappe

E prima di entrare in auto, lancio un ultimo sguardo tra le nubi, forse cerco il mio angelo, ma vedo solo nembi minacciosi che lentamente iniziano a ricoprire la Valle dell’Ufita. Domani si prevede pioggia e con essa l’ultimo refolo d’inverno…….nel mio cuore, una coltre gelata che neanche la minestra maritata di Enzo è riuscita a sciogliere:

“Venni io, a prenderti tra le volte del cielo

Le ali chiuse, troppo grande il dolore

Del nostro fiore, oggi, hai reciso lo stelo

Bastava crederci e vinceva l’Amore”.

Trattoria Di Pietro - minestra maritata
Trattoria Di Pietro – minestra maritata

p.s. Prezzo medio 30-35 euro ma l’esperienza, tra piatti e racconti, vale molto di più. Per i giovani osti, venire qui , è andare a scuola. Per i clienti, fare un salto in un tempo lontano in cui far da mangiare e portarlo alle persone, era una cosa seria, e soprattutto il pane quotidiano si guadagnava, conquistando il cliente a tavola, e non sui social.

Trattoria Di Pietro - noi a tavola con Enzo
Trattoria Di Pietro – noi a tavola con Enzo

Trattoria Di Pietro a Melito Irpino
Corso Italia 8
tel 0825 472010

8 commenti

    Marco Galetti

    Ma dove hai nascosto le ali ? Ti chiedesti…
    Vorrei poterti dire che i voli di ricognizione sono necessari e che tornerà tra le tue braccia, hangar campano senza spigoli, più vero di sempre nel dolore…
    Ci spero, ma non voglio illuderti, ti regalo una poesia AC:

    “”Passavamo dei giorni io e te Da soli in una stanza
    Sopra un letto di briciole e caffè
    Davanti a una finestra
    Stretti mentre fuori piove Innamorati
    Di tutto e di tutta l’allegria
    Che ci siamo lasciati
    Sorrido ogni volta che tu stai
    Passando nei miei gesti
    Il modo in cui cucino e lavo biancherie
    Le dritte che mi desti
    Un gatto mi passa accanto Forse sei tu
    Lo seguo e sparisce per le scale
    Lo cerco e non c’è più
    ” Piccolina ” ti dicevo” Bambolina mia ”
    Quando ho aperto le mie mani per guardarti
    Sei volata via
    Certe sere rifaccio quella via Con tutti quei tornanti
    Da là in cima si vede casa tua Coi lampadari spenti
    Un gatto mi passa accanto Forse sei tu
    Lo seguo e sparisce per le scale
    Lo cerco e non c’è più
    ” Piccolina ” ti dicevo” Bambolina mia ”
    Quando ho aperto le mie mani per guardarti
    Sei volata via
    Un giorno ma chissà quando Ti rivedrò
    Un naso ti sposterà i capelli
    E dopo non lo so””

    9 maggio 2019 - 17:18

    Marco contursi

    Le poesie sono abituato a scriverle e i sogni a viverli.”Amor vincit omnia et nos cedamus amori”…scriveva sempre un angelo ma forse l’ha dimenticato….deve solo ricordarlo e perdersi in un paradiso diverso da quello “ufficiale” ma ugualmente bello.Un paradiso per due.

    9 maggio 2019 - 18:31

    Enrico Malgi

    Dai Marco non fare così, non seguire l’esempio di Ovidio (“Video meliora proboque deteriora sequor”), Ti vogliamo vedere sempre attivo e pimpante. Pensa che tra poche settimane verrà nel Cilento il nostro amico brianzolo, col quale faremo bisboccia, insieme con Francesco e forse anche con Luciano. Sarà una bella combriccola. Ti vogliano bene.

    9 maggio 2019 - 18:52

      Marco contursi

      Caro Enrico:Bibamus et gaudeamus dum iuvenes sumus, nam tarda senectus venit, et post eam mors, post mortem nihil. ;-)

      9 maggio 2019 - 20:00

    Gioacchino

    Grande Marco…sarà la mia prossima tappa in Irpinia ;-)

    9 maggio 2019 - 18:57

    Marco Galetti

    Sai quante, superando la barriera di nebbia, mi hanno lasciato nelle tue condizioni… ringrazio Dio che il loro volo ad alta quota abbia favorito l’ingresso nello spazio aereo che credevo chiuso alla quota rosa che non merito, troverai la tua AC

    9 maggio 2019 - 20:36

    marco

    La mia………. AM.
    Perchè quando l’Amore non è follia, non è amore (P. Calderon de la barca).
    Perchè ci vuole caos dentro di se per partorire una stella danzante ( Nietzsche).
    Io sono folle, e ho caos dentro. Ma Lei, con la sua stella danzante tra le mani, sarebbe la più felice del mondo. E quella stella può partorirla solo un folle…..uno come me…….ME!

    9 maggio 2019 - 21:34

    Francesco Mondelli

    Un leone in gabbia canta per amore o per rabbia o forse per entrambe:canta che ti passa e se non dovesse …….la faremo passare.https://www.youtube.com/watch?v=0AoUMcGOnwc FM

    10 maggio 2019 - 07:37

I commenti sono chiusi.