Trattoria e Pizzeria Le Macàre di Alezio – Ottima e tradizionale cucina salentina

4/10/2018 2.6 MILA
Daniela Montinaro e Pasquale Lippolis
Daniela Montinaro e Pasquale Lippolis

di Enrico Malgi

Daniela Montinaro non ha proprio le sembianze di una fattucchiera o di una strega, anzi al contrario è una signora sorridente, dall’aspetto molto giovanile e connotata da un carattere solare e comunicativo. Nonostante una vita trascorsa non sempre felicemente e messa a dura prova da momenti di dolore ed eventi negativi. Ma Daniela è una persona forte, generosa e volitiva, attaccata alla propria famiglia e per questo è giustamente ricambiata e sostenuta dagli affetti dei suoi congiunti. Proprietaria e chef della Trattoria e Pizzeria Le Macàre di Alezio, Daniela cerca di trasferire la sua immagine e la sua dolce ma decisa personalità nei suoi squisiti piatti che prepara con tanto amore e passione per i suoi affezionati e fidelizzati clienti. Accennavo prima al termine “strega”, che nel gergo dialettale salentino vuol dire “macàre”, proprio come il titolo della trattoria, e che identifica una seducente e tentatrice maliarda, personaggio sicuramente lontano anni luce da quello che riguarda Daniela.

Insegna Trattoria Le Macare di Alezio
Insegna Trattoria Le Macare di Alezio

In cucina comanda lei, spalleggiata dai due figli maschi Vincenzo e Francesco, mentre in sala a fare gli onori di casa ed a servire ai tavoli ci pensa l’altra figlia Stella, gentile, premurosa, carina e garbata, oltre che molto preparata professionalmente. Il tutto si svolge sotto l’occhio attento e vigile di Pasquale Lippolis, compagno e confidente di Daniela, che da perfetto anfitrione accoglie ed indirizza i clienti con gentilezza, simpatia ed un sincero sorriso stampato sul viso. Ci troviamo al confine col comune di Gallipoli e quindi le materie prime impiegate sono sia di terra e sia di mare, per dei piatti territoriali sicuramente creativi e deliziosi e declinati in un contesto di assoluta eccellenza, tanto da meritare per il secondo anno consecutivo la chiocciola di Slow Food.

Prenotiamo un tavolo per due un sabato sera, perché anche stavolta sono accompagnato dalla brava, bella e preparata collega Federica Stella Blasi, che ormai funge da perfetta guida per i miei sempre più frequenti blitz nel Salento. Arriviamo alla trattoria con largo anticipo, prima che la sala si riempia del tutto e così ho l’occasione di scambiare due parole con i proprietari. Locale da poco rimodernato e messo a lucido. Ambiente raffinato e piacevole, tranquillo e rilassante.

Per il percorso culinario ci affidiamo totalmente nelle mani di Stella, che ci conduce magistralmente verso una papillosa e gratificante esperienza.

Dopo aver assaggiato l’ottimo pane casereccio intinto nelle due varietà di profumato olio evo pugliese di Donna Olearia e di Cima di Mola Intini, ecco che passano sul nostro tavolo una sfilza di saporiti e gustosi antipasti.

Zuppetta di cozze, crema di patate e sedano.

Trattoria Le Macare Zuppetta di cozze, crema di patate e sedano

Insalata russa preparata con maionese fatta in casa, uova di galline locali, verdure cotte a vapore, sedano rapa, patate, carote e cavolfiore.

Trattoria Le Macare Insalata Russa
Trattoria Le Macare Insalata Russa

Crostone di pane tostato con cipolle di Tropea in agrodolce.

Trattoria Le Macare Crostone con cipolla di Tropea in agrodolce

Tartare di carne di frisona con pomodoro secco San Marzano, mousse di melanzana, cacioricotta di capra e rucola.

Trattoria Le Macare Frisona varvara
Trattoria Le Macare Frisona varvara

Trancio di pizza margherita dal sapore e dalla forma tipicamente partenopei.

Trattoria Le Macare Trancio di margherita
Trattoria Le Macare Trancio di margherita
Trattoria Le Macare Pane
Trattoria Le Macare Pane

Due i primi. Zuppa di pasta mista Gentile con pescato del giorno (pescatrice, gambero viola e gambero rosa di Gallipoli).

Trattoria Le Macare Zuppa di pasta mista con pescato del giorno

Tortelli ripieni di mortadella del salumificio Santoro, fonduta di parmigiano vacche rosse e burro al tartufo bianchetto salentino.

Trattoria Le Macare Tortelli di mortadella
Trattoria Le Macare Tortelli di mortadella

Coppa di maialino cotta con spezie e accompagnata da peperoni in agrodolce.

Trattoria Le Macare Maialino e peperoni
Trattoria Le Macare Maialino e peperoni

Sorbetto al lampone, panna montata aromatizzata all’olio al limone muraglia e crumble di cioccolato e nocciola.

Trattoria le Macare Sorbetto
Trattoria le Macare Sorbetto

Mousse di ricotta mista, biscotto al burro, pere ripassate al rhum e cioccolato Valrhona al 70%.

Trattoria Le Macare Mousse di ricotta mista
Trattoria Le Macare Mousse di ricotta mista

Piccola nera, con tre varianti di cioccolati Valrhona: 55% base biscotto, 70% base mousse e 80% base ganache e caffè Borghetti.

Trattoria Le Macare Piccola nera
Trattoria Le Macare Piccola nera

Quattro i vini assaggiati scelti personalmente da Pasquale Lipollis che si sono rivelati molto azzeccati: Fiano Mezzogiorno Salento Igp 2017 di Morella; Negroamaro Rosato Salento Igp 2016 Vigna Mazzì di Rosa del Golfo; Negroamaro Rosso Salento Igp 2015 Portulano di Rosa del Golfo; Dindarello Moscato Passito Veneto Igt 2017 di Cantina Maculan.

La carta dei vini è abbastanza ampia, con preferenze territoriali, ma anche con qualche etichetta “straniera”.

Trattoria Le Macare Vini degustati
Trattoria Le Macare Vini degustati

Alla fine io e Federica rimaniamo del tutto soddisfatti, per avere assaggiato una cucina territoriale solida e gustosa, ma soprattutto affidabile e “rassicurante”. Ecco questo è il termine giusto “rassicurante”, perché ti fa stare bene, ti coccola e ti rassicura. Una cucina senza inutili orpelli, ma efficiente, sostanziosa ed anche delicata, nonostante qualche sapore più forte. Una cucina naturale, armonica e slow, in perfetta sintonia col ricco e tradizionale territorio salentino, che rappresenta una continua miniera di cose buone da scoprire sempre di più. Niente magìa e filtri d’amore, quindi, ma soltanto una cura maniacale verso l’utilizzo di sani prodotti locali sempre nel pieno rispetto della stagionalità e che sanno perfettamente coniugare tradizione e modernità. Perché come è riportato sull’insegna, “La cucina è la sola magìa”. Ed è veramente così! Una bella esperienza senz’altro, che mi ha lasciato davvero appagato.

Grazie Federica, anche stavolta ha fatto centro! Alla prossima occasione.

Trattoria e Pizzeria Le Macàre
Via Mariana Albina, 140 – Alezio (Le)
Tel. 0833 282192
[email protected]www.lemacare.it
Apertura variabile in estate ed inverno. A parte il martedì che è giornata di chiusura, aperto sempre a cena. La domenica aperto anche a pranzo. Chiuso per ferie una settimana a dicembre e gennaio tutto il mese.
Coperti 75 all’interno e 40 all’esterno.
Un pasto completo senza bevande costa mediamente 30,00 euro.

8 commenti

    Marco Galetti

    Esimio, c’è la remota possibilità che Lei sia stato stregato da un’altra seducente tentatrice, escludo la Stella in cucina ed altre ed eventuali nel cielo, il fatto che Lei abbia pasteggiato con la Rosa del Golfo mi potrebbe indurre a pericolosi doppi sensi ma non ne ho bisogno, caro il mio Dott. Malgi, mi basta riportare fedelmente le sue parole:
    “Alla fine io e Federica rimaniamo del tutto soddisfatti… rassicurante perché ti fa stare bene, ti coccola… efficiente, sostanziosa ed anche delicata… naturale, armonica e slow, in perfetta sintonia… una continua miniera di cose buone da scoprire sempre di più… niente magia e filtri d’amore… una bella esperienza senz’altro, che mi ha lasciato davvero appagato… Grazie Federica, anche stavolta ha fatto centro! Alla prossima occasione”
    Ma mi faccia il piacere.
    Scherzi a parte, caro il mio uomo ovunque, complimenti per il servizio fuori regione di un locale Slow.
    Ah, un’ultima cosa, è stato avvistato un mandrillo sul Gelbison, stia attento…

    4 ottobre 2018 - 11:13

    marco contursi

    Caro Galetti, Enrico è napoletano, e si sa, e si sa pure che Napoli prende il nome dalla sirena partenope, quindi è normale che Enrico senta il fascino di una sirena, anche se pugliese e di nome Federica, che in verità non ha nulla da invidiare alla beltà della sirena del mito…….mi preoccupa solo la salute delle coronarie di Enrico che seppur allenate da tanto sport, potrebbero avere difficoltà a sopportare le fibrillazioni pugliesi……ai posteri l’ardua sentenza.
    p.s. Enrico porta almeno una guantiera di pasticciotti, non pensare solo alle donne.

    4 ottobre 2018 - 13:12

    Francesco Mondelli

    Con Rosa del Golfo il patron del ristorante ha giocato in casa ed ha fatto bene.Personalmente il trancio di pizza l’avrei accompagnato con l’ottimo spumante rosato sempre di Damiano Calò.Non capisco Maculan perché vista la consistenza dei dolci sarei andato su un primitivo surmaturo.PS.Donna Eugenia pare abbia avuto qualche impedimento a seguire il nostro eroe e,come si dice dalle mie parti,quando il gatto non c’è…….FM.

    4 ottobre 2018 - 15:28

    Enrico Malgi

    Birichini e malpensanti. Io vado dove mi porta…il lavoro e basta! Se poi durante il lavoro godo della presenza di una bella e giovane ragazza e che potrebbe essere mia figlia che male c’è? Io mi affido a Federica perché mi segnala sempre ottimi locali salentini. Questo è tutto. Caro Francesco ti assicuro che anche il rosato fermo Mazzì è andato bene sul trancio di pizza, che tra l’altro mi sono piaciuti entrambi. Per la prossima trasferta ho deciso di cambiare regione ed accompagnatore/trice, va bene?

    4 ottobre 2018 - 17:05

    Marco contursi

    Caro Enrico:Dominus noster Jesus Christus te absolvat: et ego auctoritate ipsìus te absolvo ab omni vinculo excommunicationis, (suspensionis), et interdicti, in quantum possum, et tu ìndiges. Deinde ego te absolvo a peccatis tuis, in nomine Patris, et Filii, + et Spiritus Sancti. Amen.

    4 ottobre 2018 - 21:40

    Enrico Malgi

    Grazie Marco sei troppo buono. Cercherò di non peccare più va bene?

    5 ottobre 2018 - 09:17

    antonio

    Caro Enrico non dar retta a questi malpensanti :-) lo segnalerò a una mia cara amica che vive e insegna a Lecce Grazie!

    5 ottobre 2018 - 09:30

    Enrico Malgi

    E fai proprio bene Antonio

    5 ottobre 2018 - 10:55

I commenti sono chiusi.