Tre nuovi vini bio Cincinnato

20/6/2021 339
Quinto - Argeo - Lelio Cincinnato biologico
Quinto – Argeo – Lelio Cincinnato biologico

di Marina Betto

Una linea dedicata esclusivamente alla ristorazione da vitigni autoctoni laziali Bellone, Nero Buono e Cesanese, prende vita con nomi che non sono più quelli della storia greca e latina ma nomi di persone Quinto, Argeo e Lelio soci storici dell’azienda Cincinnato a Cori (60 km. da Roma) una delle più importanti realtà cooperative del Lazio. Ciò lega maggiormente la produzione al suo territorio e alle persone che garantiscono il prodotto. E’ nel lontano 1998 che il progetto bio parte e oggi dopo tanta ricerca e sperimentazione ecco le prime tre etichette a cui se ne aggiungerà presto una quarta fatta di Malvasia. La conduzione biologica riguarda circa 100 ettari sui 268 vitati gestiti in totale dalla Cincinnato.” I vitigni lavorati con la massima attenzione passano per pratiche di cantina rispettose della materia prima e dell’ambiente” sottolinea Giovanna Trisorio, responsabile marketing di Cincinnato” per arrivare sulla tavola dei ristoranti con questa linea dedicata contraddistinta da eleganti etichette color tabacco.” L’approccio al biologico non si esaurisce qui ma si abbraccia ormai come atteggiamento e come filosofia di produzione non solo per convertire i fruitori ad un consumo più sostenibile ma anche per elevare ad una nuova cultura del vino. Le uve biologiche donano delle qualità al vino diverse, con risultati spesso superiori con un potenziale amplificato e il desidero di Nazzareno Milita, presidente della Cincinnato, è proprio quello di trasformare tutta la produzione in biologico.

Cincinnato
Cincinnato

Il progetto narrativo e culturale di Cincinnato che vuole celebrare il valore etico del lavoro della terra si amplia con il vigneto sul Colle Palatino a Roma operazione che rimarca il legame strettissimo che questa cooperativa ha con la civiltà romana. Sono state appena messe a dimora delle barbatelle della varietà Bellone nel parco archeologico del Colosseo. Nell’antichità tutto il Colle Palatino veniva utilizzato per attività agricole dando vita agli orti denominati vigne e tra tre anni grazie al progetto Parco Green tornerà la vendemmia su uno dei sette colli romani con un vino certo non commerciale ma che rappresenta un recupero storico e di grande valore culturale grazie proprio al contributo di Cincinnato. La scelta di piantare barbatelle di Bellone riprende quanto scriveva Plinio il Vecchio nella “Naturalis Historia” dove racconta dell’uva Pantastica da cui deriva il Bellone noto anche come vino Cacchione. In attesa di questa bella novità ecco le note degustative di Quinto, Argeo e Lelio.

Quinto- Bellone Bio 2020 13%vol. fa solo acciaio. E’ intenso e profumatissimo di gelsomino e pesca, salvia e maggiorana, melissa. La bocca è fresca e vellutata, sapida sul finale con begli accenti citrini, persistente, fine.  Se ne producono 100.000 bottiglie che si possono acquistare in cantina a 12 euro

Quinto Bellone Bio 2020
Quinto Bellone Bio 2020

Argeo IGT Lazio Rosso Cesanese 2019 13%vol. nasce sulle terre laviche delle colline coresi. Accurata selezione delle uve e vinificazione in acciaio che prevede poi un delicato e leggero affinamento in legno di rovere per levigare i tannini. Appare rosso rubino con profumo di felce e frutti rossi, fragola e more, prugne, spezie dolci, accenni di pepe bianco. Il sorso è franco, con tannino domato capace di lasciare la sua scia con finale sapido e di lieve liquerizia.  Costo 15 euro

Argeo Cesanese 2019
Argeo Cesanese 2019

Lelio IGT Lazio Rosso Nero Buono 2019 13%vol. si ottiene dalla vinificazione in purezza di Nero Buono di Cori, un antico vitigno recuperato e rilanciato. Il profumo ricorda la frutta nera, le more e i gelsi e piccole erbe aromatiche con accenti di tabacco biondo. All’assaggio una nota vinosa e franca insieme ad una sensazione giustamente astringente con un tannino che inspessisce la trama. Un vino masticabile con note dolci e lieve amaricante. Costo 15 euro

Lelio Nero Buono 2019
Lelio Nero Buono 2019

[email protected] .it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.