Verticale di Fiano di Avellino 2016-2015-2014 e 2004- Colli di Lapio di Clelia Romano

21/8/2017 2.1 MILA
Azienda Colli di Lapio
Azienda Colli di Lapio

di Enrico Malgi

“Mannaggia sa di tappo, non è più buono”. Francesco Mondelli c’è rimasto davvero male. Aveva razziato dalla sua cantina di Omignano Scalo alcune bottiglie vecchie di vino da stappare nella casa vallese di Luciano Pignataro e da godere insieme agli amici, ma di una in particolare era molto orgoglioso, il Fiano di Avellino Docg 2004 di Clelia Romano, ma proprio quella sfortunatamente si è rivelata imbevibile per via del tappo difettoso. Il colpo è stato duro da assorbire, ma purtroppo non c’è stato niente da fare.“Comunque domani vado proprio a trovare Clelia e sua figlia Carmela a Lapio per acquistare un po’ di vino. Enrico vuoi venire con me?” Certamente, ho risposto subito. Era da un po’ di tempo che stavo cullando l’idea di visitare questa famosa azienda irpina.

Carmela Cieri e Clelia Romano
Carmela Cieri e Clelia Romano
Francesco Mondelli e Clelia Romano
Francesco Mondelli e Clelia Romano

Traffico sull’autostrada e fuoco sulle colline. Arriviamo un poco in ritardo. Ad attenderci, oltre a Clelia e Carmela, ci sono anche altri tre ospiti arrivati da Roma per degustare con noi i vini aziendali. Frettolosa la visita in cantina ed in vigna per velocizzare i tempi. Carmela prepara con cura le bottiglie nella sala degustazione: Alèxandros Greco di Tufo, Donna Chiara Irpinia Campi Taurasini ed Andrea Taurasi. Questi nomi rievocano quelli dei tre figli di Carmela. Tutto bene.

Clelia Romano
Clelia Romano

Ma siamo impazienti di degustare finalmente Il Fiano di Avellino Docg Colli di Lapio in una mini verticale: 2016, 2015, 2014 e 2004.

Colli di Lapio Fiano di Avellino 2016, 2015, 2014 e 2004
Colli di Lapio Fiano di Avellino 2016, 2015, 2014 e 2004
Colli di Lapio Controetichette di Fiano di Avellino 2016, 2015, 2014 e 2004
Colli di Lapio Controetichette di Fiano di Avellino 2016, 2015, 2014 e 2004

Fiano di Avellino 2016 – Vino giovanissimo naturalmente, per cui non è possibile emettere adesso un giudizio definitivo, bisogna aspettare almeno qualche anno. Ma i prodromi lasciano ben sperare per un futuro roseo. Anche perché l’annata 2016 si è rivelata ottima in questo collinare areale di Arianiello, connotato da un clima secco e ventilato. Ed infatti la conferma arriva subito appena si scruta il vino nel bicchiere che evidenzia un colore giallo paglierino già quasi assestato. La protuberanza nasale si tuffa nel vetro per aspirare profumi eterogenei di pesca, pera, camomilla, nocciola ed erbe aromatiche. E poi intrisi sospiri sapidi e minerali. La generosa bocca accoglie un sorso ampio ed espansivo, che delinea un profilo palatale acido, morbido, energico e succoso. Buona struttura ed ottimo equilibrio. Chiusura lunga e gradevole.

Fiano di Avellino 2015 – Il colore giallo paglierino vira già verso un cromatismo più carico. L’impatto olfattivo è segnato da un bouquet elegante e persistente. Pregevoli le suadenze fruttate di pesca bianca e di cedro, che si alleano a deliziosi sussurri di biancospino ed a refoli di timo. Bocca ampia ed accogliente, per un sorso freschissimo e dissetante. Sapido, polposo, tensitivo, preciso e centrato il palato. Finale avvolgente e persistente. Darà il meglio di sé tra qualche anno ancora.

Fiano di Avellino 2014 – Colore sempre più giallo carico. Non la migliore annata, ma sicuramente degna di nota. D’altra parte nel Dna del fiano è scritto che questo vino migliora sempre con il passare degli anni. E così sarà anche per questo millesimo. Intanto nel frattempo godiamoci i varietali profumi fruttati, floreali e vegetali che si respirano. Sentori di pera, mela, agrumi e nocciole. E poi sbuffi di tiglio, muschio, menta, felce e citronella. Sulla lingua plana un sorso fresco, agile, scattante e nello stesso tempo anche energico e propositivo. Retroaroma vitale e persistente, con leggero sottofondo fumé.

Fiano di Avellino 2004 – E qui non so da che parte cominciare. La degustazione di questo vino mi manda in crisi. Intanto diciamo due cose importanti, le prime che mi vengono in mente: primo, aveva ragione Francesco a rammaricarsi che non si è potuto assaggiare questo millesimo a casa di Luciano, anche se qui si è rifatto ampiamente. Secondo, personalmente amo molto i vini bianchi francesi della Borgogna a base di Chardonnay: Chablis, Corton-Charlemagne, Meursault, Montrachet e Pouilly-Fuissé, che ritengo insuperabili. Ma credetemi questa bottiglia non sfigurerebbe . Emozione allo stato puro.  Il Maradona degli anni d’oro ’86 e ’87. Resistenza al tempo infinita, forse ancora di più di un Riesling alsaziano. Clelia e Carmela mi dicono che conservano gelosamente soltanto una trentina di bottiglie di quest’annata, insieme a qualche millesimo ancora più vecchio, come uno del 1997. Tenetevele ben strette, mi raccomando, perché si tratta di un patrimonio inestimabile ed impagabile da serbare con cura.

Colli di Lapio Bottiglie di Taurasi,Fiano di Avellino, Greco di Tufo e Campi Taurasini
Colli di Lapio Bottiglie di Taurasi,Fiano di Avellino, Greco di Tufo e Campi Taurasini

Detto questo adesso dovrei passare a raccontare le mie percepite sensazioni sull’assaggio di questo vino. E qui si potrebbe dire tutto ed il contrario di tutto. Proviamoci almeno. Canonicamente il colore è contrassegnato da un giallo dorato molto vivo e lucente. I profumi sono netti e riconoscibili: pesca, mela, nocciola, frutta candita, acacia, zafferano, muschio, eucalipto, mentolo, idrocarburi e fumé. Gusto avvolgente, complesso, ricco, fresco, morbido, mielato, lineare, equilibrato e fascinoso. Finale paradisiaco ed appagante. Pensate che questo vino costa nemmeno 15,00 euro, cioè un regalo di Babbo Natale! Se avete la fortuna di trovarlo in un’enoteca compratelo subito e se potete conservatelo ancora per qualche anno. Diventerà sicuramente più buono!

Fiano di Avellino 1997 di Colli di Lapio
Fiano di Avellino 1997 di Colli di Lapio
Colli di Lapio, Vigneto
Colli di Lapio, Vigneto

 

Sede a Lapio (Av) – Contrada Arianiello
Tel. e Fax 0823 982184
info@collidilapio.itwww.collidilapio.it
Enologo: Angelo Pizzi
Ettari vitati: 8 – Bottiglie prodotte: 65.000
Vitigni: aglianico, fiano e greco

4 commenti

    Francesco Mondelli

    (21 agosto 2017 - 16:25)

    Nel novantasette(foto)nasce il mio primo figlio Francesco Giuseppe,ma il novantanove a suo tempo assaggiato con il Gran Capo rimane nella storia:ad maiora semper Clelia.Ami ripetere che all’inizio di questa avventura Livia,consorte di quel po po di meno di Alfonso Jaccarino,ti disse :”mantieni sempre questa qualità e andrai lontano”.Infatti traguardi e premi sono arrivati (ultimo in ordine di tempo la nomination all’oscar come miglior vino bianco di Bibenda)e tu,nella tua apparente semplicità ,rimani sempre uguale al timone di questa straordinaria barca anche se se”nel suo piccolo”Carmela sta facendo sempre più avvertire la sua decisiva presenza in azienda.PS.Non scordiamoci però mai di Angelo(principe consorte)che con il suo forse oscuro lavoro di mediano in vigna consente di portare uve praticamente perfette in cantina e di Enrico che con questo post ha fatto centro pur essendo la sua prima visita a Colli di Lapio.FM.

    Marco Galetti

    (21 agosto 2017 - 18:45)

    L’accoppiata Malgi&Mondelli, apprezzo l’impegno, cerca di toccare il Paradiso con un calice ergendosi su una verticale incompleta, possedete voi una Magnum Colli di Lapio Romano Clelia 2012… purtroppo è incedibile, beh anche Bonucci, in effetti, facciamo così, la base d’asta deve comprendere, Fiano 2004 e svariati prodotti campani, magari ci penso.

    Francesco Mondelli

    (21 agosto 2017 - 19:43)

    Ci piace vincere facile.Due contro uno che accortosi di avere avere il jolly vuol subito giocare ad asso pigliatutto,ma noi che siamo generosi per natura gli andiamo incontro con una verticale che dal 2005(primo tre bicchieri) arrivi fino al 2013 chiudendo così il lavoro fatto giovedì scorso.FM.

    Enrico Malgi

    (22 agosto 2017 - 10:09)

    Tutto ok Francesco e grazie per l’invito.
    Marco vedo che ti sai fare bene i conti. Conserva la magnum per la mia prossima visita in Lombardia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *