Vun Andrea Aprea, top a Milano per intensità e carattere dei piatti

20/10/2018 1.4 MILA
Vun Andrea Aprea. Caprese dolce e salata
Vun Andrea Aprea. Caprese dolce e salata

Ristorante VUN c/o Hotel Park Hyatt a Milano
Via Silvio Pellico, 3

Aperto la sera

Inutile nasconderlo, Il Seta di Antonio Guida e il Vun al Park Hyatt di Andrea Aprea sono i nostri posti preferiti a Milano: complessità, materia, esperienza, sala, carta dei vini, attenzione agli oli, fanno di questi due locali il top assoluto, riconosciuto tra l’altro anche dalla Michelin con due stelle. Sarà un caso che parliamo di due cuochi fuori dal circo mediatico, costantemente concentrati sulla cucina? Sarà un caso che preferiamo due ristoranti sempre in over booking? Sarà un caso che citiamo cuochi di grande mestiere? Che non giocano solo su estetica e stupore? Che strappano il wow quando il boccone è in bocca e non quando il piatto viene portato al tavolo?
Ma certo che no!
Andrea Aprea non rincorre facili acidità o desuete, ecumentiche e confortanti morbidezze, le usa entrambe senza problemi in un gioco continuo da un piatto all’altro. Ma quello che distingue questa cucina è la ricerca della intensità, una ricerca costante e spregiudicata, non ottenuta attraverso esaltatori come l’amaro, il bruciato o il salato, dalla pura estrazione di sapore dalla materia prima come pochi, pensiamo subito a Salvatore Tassa o Mauro Uliassi, riescono a realizzare attraverso le giuste tecniche. Amatriciana e ragù potrebbero sembrare i soliti giochi a rimpiattino con la tradizione, in realtà sono la sintesi assoluta e perfetta della intensità a cui queste preparazioni possono arrivare, quella che cerchiamo sempre, se ben trattate.
L’intensità del sapore, la complessità, il non appiattirsi alle mode del momento ma cercare invece sempre una soluzione originale.
Ecco dunque perché vale la pena di mangiare la cucina di Andrea Aprea. Una cucina lontana dalla noia che non rincorre il critico ma che lo aspetta ignaro al ristorante.
Nessun traguardo potrà mai essere precluso.
Alè.

Costo della cena degustazione da un minimo di 120 a un massimo di 180 euro vini esclusi.
Costoso ma non lussuoso considerant che siamo in un due stelle a Milano.
Alla carta sui 150.

 

Vun Andrea Aprea. Aperitivo anni '80 - spritz, patatine fritte e olive nere
Vun Andrea Aprea. Aperitivo anni ’80 – spritz, patatine fritte e olive nere
Vun Andrea Aprea. Quaglia cavolfiore,caffe' e cucunci
Vun Andrea Aprea. Quaglia cavolfiore,caffe’ e cucunci
Vun Andrea Aprea. Il pane cafone
Vun Andrea Aprea. Il pane cafone
Patata in stagnola alla amatriciana
Patata in stagnola alla amatriciana
Vun Andrea Aprea. Riso sotto marino
Vun Andrea Aprea. Riso sotto marino
Vun Andrea Aprea. Ragu' napoletano
Vun Andrea Aprea. Ragu’ napoletano
Vun Andrea Aprea. Baccala' in autunno
Vun Andrea Aprea. Baccala’ in autunno
Vun Andrea Aprea. Piccione, Tarassaco, ricotta di bufala, mapo
Vun Andrea Aprea. Piccione, Tarassaco, ricotta di bufala, mapo
Vun Andrea Aprea. Intensita' di limone
Vun Andrea Aprea. Intensita’ di limone
 Vun Andrea Aprea. Rococo'
Vun Andrea Aprea. Rococo’
Vun Andrea Aprea. Bonet, zucca e grappa barricata
Vun Andrea Aprea. Bonet, zucca e grappa barricata
 Vun Andrea Aprea, olio
Vun Andrea Aprea, olio
Vun Andrea Aprea, il vino
Vun Andrea Aprea, il vino

2 commenti

    Francesco Mondelli

    (21 ottobre 2018 - 07:14)

    Giocare a rimpiattino.http://www.witaly.it/sites/default/files/styles/articolo_big/public/6870/9263/97715-5-20181010115432.jpg?itok=UrChdzKI Con facile gioco di parole,rimanendo in ambito ristorazione,ecco il nome italiano e la confezione per portarsi a casa cibo e vino non consumati.Pensato e realizzato dalla Fipe per la campagna contro lo spreco alimentare.PS.A proposito del risotto sottomarino (spettacolare)vorrei consigliare al nostro inviato al Nord specialista in riso e sorriso che non necessariamente deve tuffarsi in mare armato di maschera per andarlo ad assaggiare.Buona domenica di sole e di mare perché pare che il freddo finalmente stia per arrivare.FM

    Marco Galetti

    (21 ottobre 2018 - 08:31)

    Dopo essermi tuffato con soddisfazione in quello del Seta, indosserò la maschera, un po’ di apnea da Aprea non potrà farmi che bene…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.