Yacht club 2018, la semplicità del mare a Castellammare

13/8/2018 1.6 MILA

di Barbara Guerra

Quasi sei anni fa la mia prima visita alla finta nave sospesa tra Vesuvio e Golfo di Napoli disegnata da Massimiliano Fuksas.

Stranamente ho conosciuto prima Mario Cinque, lo chef dello Yacht Club a Castellammare di Stabia, allora giovane ammiraglio ai comandi del capitano Peppe Guida. Solo un mese dopo approdai da Nonna Rosa a Vico Equense. Sembra passato molto più di un lustro, tante le cose successe in questi anni. L’allora giovane chef era talmente giovane che lo è ancora. Non gli mancano però oltre quindici anni di esperienza ai fornelli. Osservo oggi una grande evoluzione nella capacità di controllare la materia e il fuoco. Un pranzo estivo che è un giusto equilibrio tra gusto e leggerezza. Note fresche si innestano sui passaggi golosi dei bocconi di gamberi e calamari.

 

Alice ripiena fritta e Caponata

 

Insalata di calamari con barba di finocchio e centrifuga di carota, zenzero e limone
Gamberi fritti con profumi del mediterraneo

Il risotto all’acqua di pomodoro con tartufi e gamberi è un esempio di piatto che restituisce un gusto semplice e concentrato utilizzando la tecnica e la conoscenza degli ingredienti.
Lunghezza estrema con il secondo dei primi piatti, uno dei must della scuderia, linguine con vongole e tè nero affumicato.

Risotto con acqua di pomodoro, tartufi e gamberi

 

Linguine con vongole e tè nero affumicato

 

 

Si chiude con un dolce che all’apparenza mi sembra eccessivo, choux al limone con the matcha e menta. In bocca sorprende per la freschezza e la leggerezza. Profumato e setoso. Simpatico l’abbinamento con un cocktail ben freddo che vede protagonisti gli stessi ingredienti.

Choux con cremadi limone, menta e tè matcha

Il pranzo è un susseguirsi di colpi secchi e perfetti, fendenti che centrano il bersaglio, la forza domata dalla testa e dal palato dello chef.
La cantina, affidata a Antonio Indovino, è sempre ricca di pezzi interessanti ben raccontati.

Un ristorante che veleggia sicuro con un capitano, Peppe Guida che ha il grande merito di aver costruito una squadra di professionisti che navigano con scioltezza in ogni mare.

  1. “Fare grandi cose è difficile, ma guidare grandi cose è ancor più difficile”.
    (Friedrich Nietzsche)

Yacht Club Marina di Stabia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.