2012, si attende un aumento del prezzo dello Champagne, gli inglesi scelgono Prosecco. Che sia la volta buona?

Letture: 256
Vigne e uve della Champagne

Abbiamo trovato un interessante contributo Di Giles Fallowfield  – Decanter News e  lo abbiamo tradotto per voi.

“Ci si attende per il 2012 un aumento del prodotto Champagne, a causa di un considerevole aumento del prezzo delle uve nella regione.

Nonostante lo champagne si stia vendendo con incredibili sconti a causa  della concorrenza di prezzo nella grande distribuzione per l’accaparramento di nuove quote di mercato, il rialzo del prezzo dell’uva  della vendemmia 2011 significa che il prezzo di vendita per le più importanti marche è obbligatoriamente destinato a salire. Ci si attende un incremento di almeno il 3%, subito dopo la vendemmia e aumenti più consistenti per le uve dei grand cru , fino al 4.5% . Carol Duval – Leroy, amministratore delegato dell’omonima maison,  durante il suo discorso a Londra per la presentazione della Prestige Cuvèe Femme de Champagne, ha ammesso che l’aumento delle uve può rappresentare un suicidio collettivo e una messa al muro per il settore. Il prezzo delle uve è aumentato troppo negli ultimi anni, ciò implicherà, almeno sul mercato inglese, l’aumento del prezzo al dettaglio, tra il 3% e il 6%. I consumatori potrebbero rifiutare di pagare così tanto e rivolgersi al segmento del Prosecco Italiano di qualità, infatti, al   costo di due bottiglie di champagne, possono portare a casa una cassa da sei di ottimo Prosecco.

“Speriamo  che l’aumento non superi il 2% ha detto Bruno Paillard, amministratore delegato del gruppo BCC, il secondo  per dimensioni,  dopo il più grande Lanson , ma questo dipenderà dai Crus   delle singole maisons.

In alcuni distretti nella provincia di Aube, il prezzo dovrebbe aumentare fino a 5 euro al chilo, e più di 6 euro al chilo per le  uve destinate ai Grand Cru Verzy e Verzenay sulla montagna di Reims.

Il direttore generale della Cooperativa Grand Cru Mailly ha previsto un aumento di circa il 5%.

David Hesketh Master of  Wine , e direttore  generale di  Laurent-Perrier UK, ha affermato che bisogna affrontare l’aumento del prezzo delle uve; “non facendo così, metteremmo il nostro settore in serio pericolo. Abbiamo assorbito l’aumento dello scorso anno grazie alle condizioni del mercato.” I dettaglianti inglesi non vogliono essere coinvolti nel ciclo dell’aumento di prezzo. La portavoce del gruppo TESCO, Laura Jewell, ha detto:” questa non è una situazione nuova, è simile a quanto accaduto l’anno scorso. Qualsiasi aumento di costo da parte dei produttori si tradurrà in un aumento potenziale del 7,5%, ciò  non farà altro che mettere sotto ulteriore pressione i prezzi al dettaglio.”

Che sia la volta buona per I produttori italiani di Prosecco e Franciacorta di sfondare sul mercato britannico?

Traduzione di Giulia Cannada Bartoli