Cerentino 2003 Aglianico del Vulture doc

Letture: 108

COLLI CERENTINO
Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Spesso il secondo vino di un’azienda è più riuscito, forse perché, come avveniva prima per il secondo figlio, ci sono meno attese di rappresentanza. O, ancora, per una maggiore naturalezza di esecuzione che non opprime l’uva con molto legno.E, soprattutto, meno concentrazione in vigna, cosa di cui al Sud si avverte davvero poco la necessità.
Abbiamo già avuto modo di occuparci di questa etichetta, ormai tre anni fa, ma ci è capitata la 2003 di cui vogliamo darvi conto rapidamente.
Allora la prima cosa che mi viene in mente è il paragone con il 2003 irpino. La famosa annata tropicale, alla fine, sembra non aver nuociuto più di tanto all’aglianico in provincia di Avellino che mantiene intatta la sua freschezza e, per certi versi, appare addirittura più tonico della massacrante 2000.
Nel Vulture, dove la maggior parte dei vigneti è molto pià in bassa, e il clima è meno rigido, la frutta si avverte sicuramente di più, e, in generale, la maturità portata sino alla soglia della surmaturazione. Un dato comune a molti vini.
Il Cerentino dell’azienda di Amato Ferrara e Sandro Calabrese ha dato buona prova di sé. Non lo ricorderemo infatti certo per la complessità, ma per la bevibilità sicuramente sì. Il vino è stato pensato da Maurizio Caffarelli che segue una linea esattamente a metà strada tra il tradizionale e il moderno, sue le belle esecuzione dell’azienda Russo piaciuta a molti degustatori sia nella versione base (Macrì) quanto con il Taurasi (Spalatrone).
In questo caso il naso ha sicuramente note balsamiche e spezie dolci, ma anche, lo ripeto, frutta, un po’ di tabacco e infine un tono fumé finale molto piacevole che viene ampliato nel palato dove il vino, oltre che essere fresco, è anche bello sapido.
Una buona bottiglia, allora, abbinabile e bevibile, che però consiglio di accompagnare a tavola adesso, al massimo nel giro di un paio d’anni, perché mi sembra arrivata al capolinea evolutivo.

Sede legale a Melfi, traversa di via Sanremo 26.
Tel. 339.2139589.
www.collicerentino.com.
Enologo: Maurizio Caffarelli.
Ettari: 7 di proprietà.
Bottiglie prodotte: 22.000. Vitigni: aglianico del Vulture.