Chiacchiere di Carnevale e sanguinaccio | La mitica ricetta di Leopoldo dal 1940

Letture: 197
Chiacchiere di Carnevale di Leopoldo dal 1940
Chiacchiere di Carnevale e sanguinaccio secondo la ricetta di Leopoldo dal 1940

Chiacchiere di Carnevale e sanguinaccio

Di

Ingredienti

  • Per le chiacchiere:
  • 300 gr di farina
  • 100 gr di burro
  • 2 uova
  • Un pizzico di sale
  • 70 gr di zucchero
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • Zucchero a velo vanigliato con bacche di vaniglia Bourbon
  • Olio di semi di arachide per friggere
  • Per il sanguinaccio:
  • 1 l di latte
  • 400 gr di zucchero
  • 50 gr di amido di mais
  • 150 gr di cacao in polvere
  • 250 gr di cioccolato fondente
  • Vaniglia e cannella in polvere

Preparazione

Per le chicchiere
Unire tutti gli ingredienti ed impastare energicamente fino ad ottenere un impasto liscio. Stendere l'impasto fino ad uno spessore di un millimetro o un millimetro e mezzo, se avete la macchina per stendere la pasta ancora meglio. Con una rotella, ritagliare dei rettangoli di media grandezza. Friggere i rettangoli di pasta nell'olio caldo in padella. Appena dorati, togliere le chiacchiere dalla padella e lasciatele asciugare su carta assorbente. Una volta raffreddate, spolverare con lo zucchero a velo.

Per il sanguinaccio
in un pentolino mischiare insieme zucchero, amido e cacao, aggiungere il latte e portare ad ebollizione. Quando inizia a bollire, aggiungere il cioccolato fondente e lasciatelo sciogliere nella miscela. Continuare a mischiare il composto energicamente con una frusta da cucina per evitare la formazione di grumi ed infine aggiungere gli aromi. Lasciare raffreddare e servire insieme alle chiacchiere.

4 commenti

  • Marcello

    (22 gennaio 2016 - 10:40)

    Il sanguinaccio, quello vero e non sta sciocca imitazione, si fa col sangue di maiale da qui il nome. Basta avere un parente, amico o il “giusto aggancio” per procurarselo, io faccio cosi’ da sempre come si e’ sempre fatto dalla notte dei tempi, poi per motivi igienici e’ stato bandito ed il “sanguinaccio” e’ diventato semplice cioccolata….

  • grazia

    (22 gennaio 2016 - 11:48)

    Ho usato questa ricetta,trovata un libro la pasticceria napoletana,ma nn e’ per niente buona contiene troppo burro,infatti dopo averne fritte 3 ho girato l’impasto in crostata

  • Sanfedista

    (22 gennaio 2016 - 23:08)

    Sono d’accordissimo con Marcello.
    Basta con queste mistificazioni!
    Chiamiamo le cose con il loro vero nome

  • elena mastrosimone

    (7 febbraio 2016 - 17:21)

    Si tratta di intendersi,nelle pasticcerie Napoletane viene venduto come doppia crema,o crema Carnevale.E’ chiaro che si può parlare di “sanguinaccio”,che ricordiamocelo è tassativamente vietato dalla legge,anche per consumo familiare.

I commenti sono chiusi.