Greco di Tufo 2004 docg Pietracupa

Letture: 67

Uva: greco
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

L’ennesima lapalissiana dimostrazione della necessità di bere i bianchi irpini dopo alcuni anni, e quindi sostanzialmente anche la loro non giudicabilità immediata. In questi due anni il Greco di Piersabino Loffredo si è ulteriormente evoluto in direzione di una migliore compostezza in bocca dove la freschezza finalmente si è ben ammagliata con la mineralità e la frutta e al tempo stesso ha sviluppato una profondità olfattiva davvero sconvolgente migliorandosi nettamente rispetto ai primi assaggi. Sono rimasto colpito anche dall’annata 2004 che si sta rivelando davvero molto interessante sia per i bianchi che per i rossi sulla lunga distanza grazie a queste note eleganti che contraddistinguono la beva. Ieri questo Greco ha fatto i conti con lacucina strutturata di Giuseppe Daddio del Dwine e l’ha affrontata senza problemi e con grande baldanzosità. Sono sicuro che, come il Greco di cui abbiamo fatto la verticale sino alla fine degli anni ’80 del confinante Vadiaperti, anche questo ha solo da raccontare ancora moltissimo nei prossimi anni, è necessario aspettare ancora per dare modo al Greco di esprimersi in tutta la sua potenza e complessità.

Sede a Montefredane, ContradaVadiaperti. Tel. e fax 0825.607418. Enologo: Carmine Valentino. Ettari,3,5 di proprietà. Bottiglie prodotte: 25.000. Vitigni: fiano diAvellino, greco di Tufo, falanghina, aglianico.