I taralli dolci della Pasqua irpina a Casa di Susanna

Letture: 1050
i taralli della Pasqua irpina

La Pasqua in Campania si accende di tantissime e meravigliose tradizioni eno gastronomiche. In Irpinia dal Sabato Santo fino al Lunedì in Albis si portano in dono ai parenti ed ai vicini i tradizionali taralli nasprati. A Santo Stefano del Sabato i gruppi delle Rosamarine appartenenti alle diverse frazioni del paese in questo periodo si recano presso alcune delle abitazioni dei compaesani per augurare la buona Pasqua intonando antichi canti tradizionali e regalando la rosamarina, un ramo di abete, in origine era di rosmarino, e fiori. Le famiglie allora offrono loro i taralli nasprati.

Questa è la ricetta di Susanna Fioretti che li ha appena preparati, dopo averli cotti nel  forno a legna del proprio agriturismo A Casa di Susanna e li utilizzerà per addobbare i tavoli nei giorno della Santa Pasqua.

Susanna Fioretti

 

agriturismo A Casa di Susanna

.

Questa ricetta è di Susanna Fioretti ed è stata raccolta da Marina Alaimo.

Taralli di Pasqua

Di
Ricetta raccolta da Marina Alaimo

Ingredienti

  • Ingredienti per 25 taralli
  • - 40 uova
  • - 200 g di alcol a 90°
  • - 100 g di anice
  • - 150 g di olio extravergine d’oliva
  • - 2 baccelli di vaniglia
  • - un pizzico di sale
  • - 1 kg di zucchero semolato
  • - 1 kg di zucchero a velo
  • - 4 pizzichi di bicarbonato
  • - 3,5 kg di farina
  • - 4 albumi di uovo
  • - 1 cucchiaio di anice o di limone
  • - 250 g di granella colorata

Preparazione

Impastate la farina con uova intere, 100 g di anice, olio, vaniglia, bicarbonato, sale, alcol e un cucchiaio di zucchero.
Lavorate la pasta fino ad ottenere un composto liscio e lasciar riposare per 3 o 4 ore.
A questo punto formate 25 ciambelle incidete la pasta sul bordo esterno fino ad arrivare quasi al centro e bollirle in un pentolone alto reggendole con l' aiuto di un bastoncino.
Mettete in forno a 220° per 25 minuti.
Preparate la glassa con gli albumi e lo zucchero a velo.
Una volta pronti i taralli, spennellateli con la glassa e completate con la granella colorata

Vini abbinati: Privilegio dei Feudi di San Gregorio

4 commenti

  • susanna

    (26 marzo 2013 - 10:14)

    Fare i taralli ,non è cosa facile io peso anche le uova che devono essere di gr.70,poi molto importante è la temperatura del forno a legna dove si deve vedere la cosidetta rosa bianca,prima di infornare i taralli.Per quanto riguarda il naspro ,10 albumi con kg1,200 di zucchero a velo ma attenzione bisogna montarli per più di mezz’ora altrimenti non coprono di bianco .Infine vuoi x tradizione o per scaramanzia quando si infornano i taralli,bisogna alzare i piani di lavoro di legno in alto e pregare che si alzino nel forno ahah ,provare x credere….

  • elisa

    (26 marzo 2013 - 10:55)

    la mia mamma era maestra ..
    .il forno deve essere caldo ( a forno di pane ) e non aprirlo prima che si siano alzati ( i taralli naturalmente) e dopo aver calata la cosiddetta rosa.

    per il naspro ( glassa )l’albume deve essere sbattuto fin quando non risulta bianchissimo…..avvertenza metterli ad asciugare dopo averli spennellati in un luogo ventilato altrimenti si ingiallisce………
    Susy non è necessario pesare le uova piuttosto bisogna essere molto attenti all’alcol e all’anice .

    • susanna

      (27 marzo 2013 - 06:32)

      elisa ognuno hà la sua ricetta segreta e x me il forno è la cosa più difficile e importante,.

  • Antistene

    (27 marzo 2013 - 17:41)

    Santo Stefano del SOLE, grazie :-)

I commenti sono chiusi.