Ilaria Bellantoni alla Feltrinelli Milano rivela i retroscena del libro Lo Chef è un Dio, che poi voleva titolare Odio Cucinare

Letture: 242
Ilaria Bellantoni

di Alessandro Marra

“Lo Chef è un Dio”, opera prima della giornalista Ilaria Bellantoni, è stato presentato ieri sera alla Feltrinelli di corso Buenos Aires. Sono andato a curiosare anch’io e ho persino brindato con in mano il mio bel martini (bianco, lo preferisco bianco).

Niente da dire, la Bellantoni è un tipo niente male. E non parlo solo della presenza o dell’abito grigio che indossava, fascia color verde-acido in vita e tacco-12. Piuttosto del suo apparire dapprima timida e impacciata, quasi timorosa per il polverone che s’è alzato soprattutto in rete; poi ancora, ironica e sicura di sé, provocatrice; quindi, seccata e allo stesso tempo quasi divertita per le critiche che le sono piovute addosso dal mondo dei «gastro-freak, foodies, gourmet e similari» (vi dice niente analfabetismo gastronomico?).

Il libro Lo Chef è un Dio

Ci sono andato pur non avendo ancora letto il libro. L’ho comprato, però; e – tàc – sono riuscito pure a farmelo autografare. Mi dichiaro moderatamente ottimista (?), specie dopo le parole dell’editor feltrinelliano Carlo Buga che lo ha definito un libro «a suo modo sorprendente»; e quelle della giornalista Claudia Ceroni che ne ha parlato, invece, come di «un libro da leggersiavidamente».

Il titolo? No-ti-zio-na: quello originale era “Io odio cucinare” – ma va?!? Chi l’avrebbe mai detto… – assillo ricorrente nel libro e pure durante l’incontro di presentazione. Che poi, il non saper cucinare è in pratica l’unica cosa certa (lo ha detto lei). Il matterello non le manca affatto, «che ci posso fare se non sono una di quelle che tira la sfoglia cantando!?»

Notiziona nr. 2: l’idea di scrivere “Lo chef è un Dio” è nata per caso durante un weekend trascorso con alcune amiche (l’avevo già letto da qualche parte): la prendevano in giro per quella sua ostentata inettitudine ai fornelli e, così, la invitarono a frequentare un corso di cucina. A quel punto, il lampo di genio: del tipo che «se proprio devo fare un corso, meglio farlo da uno chef talentuoso e possibilmente belloccio».

L'autografo di Ilaria ad Alessandro

Belloccio e di talento: ecco l’identikit del misterioso (?) protagonista, lo chef tri-stellato, o meglio il Dio-chef che poi l’ha accolta «nel bunker» per un mese. È luglio e fa caldo quando l’autrice, indossato il suo bel «camice da cameriera», inizia quello che si rivelerà per lei, alla fine, un «percorso lungo e umiliante». Lo chef sapeva benissimo che ne avrebbe scritto e così l’ha trattata allo stesso modo dei componenti della brigata – si dice così – e cioè, com’era d’uso in un ambiente che l’autrice ha definito “violento” («volano ceffoni a go go, ‘cheffini’ di 18-19 anni sono pronti ad accettare qualsiasi cosa pur di arrivare»).

Ilaria Bellantoni e Claudia Ceroni

Perché Vito Frolla?: «Era divertente. Non avrei mai usato il suo vero nome, gli avrei fatto troppa pubblicità». Nessuna vendetta (dichiarata) per le malefatte cui giura di avere assistito, voleva solo scrivere un libro. O meglio, un «docu-fiction». Anche se, forse forse, un po’ d’astio si intuisce in più punti. uandodddduCurioso, ad esempio, che gli altri personaggi citati abbiano tutti il proprio nome e cognome. In ordine di gradimento: Pietro Leemann («uomo colto e tanto gentile, capace di spezzare la catena della violenza»), Gualterio Marchesi («uomo affascinante, uno dei pochi a essere in grado di comporre una frase di senso compiuto con soggetto, predicato e complemento»), Alain Ducasse («almeno, da lui, i camerieri vestono come Dio comanda. Ragazzi, penso ci voglia un minimo di decoro per un ristorante con 3 stelle michelin») e Davide Oldani («sapete!? Mi ha promesso un cartone in faccia dopo che ho scritto del suo pranzo pop ma così così»). Oppure quando parla dell’uovo “di gomma” di Vito Frolla (quello che Edoardo Raspelli aveva definito come una «boiata pazzesca», per la Bellantoni è nient’altro che un «chewingum salato che si appiccica al palato e costa appena 38 euro; macché, molto meglio il ‘fondant au chocolat’ di Alain Ducasse, che è pure più bravo di Vito Frolla»). Oppure ancora quando ricorda della cena post-praticantato al ristorante del divino chef: «è un lusso sperperare certe somme per cene così costose».

Scusi, una domanda. Ma allora perché è andata a mangiare da Vito Frolla? «Volevo che desse un giudizio sulla mia torta alle mele, ma non c’era». Quale torta di mele? Ah sì, quella della ricetta propinata in chiusura del masterpiece. Lei odia cucinare. Ma non la torta di mele, ché anzi quella pare le riesca pure bene. E io voglio crederci.


15 commenti

  • luciano pignataro

    (19 novembre 2010 - 09:46)

    Io odio la torta di mele, fa molto milf americana:-)

  • ALBA

    (19 novembre 2010 - 10:32)

    Luciano, non hai detto lo stesso alla signora che ha proposto spaghetti e polpette, piatto più americano che italiano, e sopratutto non le hai dato della MILF. Letto il tuo post e quello di Alessandro Marra, continuo a non ritenere interessante questo libro e ne tantomeno la biografia della signora che risulta antipatica quanto una mosca mentre si mangia mentre siamo di fronte a una delle tante che non sa mettere mano in cucina. Non è un fenomeno dei tempi moderni; vi assicuro che ne sono esistite anche in passato sopratutto di quelle più brave a maneggiare veleni come Lucrezia Borgia o nel cornificare come Valeria Messalina. Sarà forse che quando noi donne alziamo un po la testa ancora non lo tollerate e vi rifiutate di ascoltare.

    • giancarlo maffi

      (19 novembre 2010 - 10:34)

      vediamo di non offendere le mosche , per cortesia.

      • ALBA

        (19 novembre 2010 - 10:39)

        Ha ragione, sempre siano lodate.

    • Luciano Pignataro

      (19 novembre 2010 - 10:39)

      Ti sbagli Alba, Ilaria è simpatica e ironica.
      Avevo ricavato questa impressione da un breve scambio di mail e Ale me lo ha confermato conoscendola ieri di persona
      Messa a freddo così può sembrare una battuta da caserma. Ma nello scambio di mail tra l’altro mi ringraziava autoironicamente per averle dato della giovane mamma mentre altri l’avevano paragonata a una milf
      E’ inutile fare il diavolo a quattro o mostrare sovrana indifferenza come mi suggerisce Vigna su Fb: di questa ragazza e del suo libro si parla e si parlerà
      Il mio mestiere è parlare delle cose di cui si parla.
      Del resto Ilaria non ha certo bisogno di un piccolo blog come questo per conquistare il suo spazio. Ma il fenomeno va registrato e commentato

      • Vignadelmar

        (19 novembre 2010 - 10:49)

        Io non è che dimostro indifferenza; quasi che fosse una postura studiata per andar contro alla Signora autrice. E’ che proprio cordialmente e sinceramente me ne frego !!! (adesso me ne diranno un sacco per aver usato questo fascistissimo motto).
        E’ un argomento che proprio non mi appassiona e rimango stupito di quanta eco abbia potuto ottenere nei vari siti/blog a carattere enogastronomico.
        .
        Ciao

      • MaurizioLR

        (19 novembre 2010 - 11:34)

        …per quanto se ne parli non venderà mai tante copie quante “Cotto e mangiato”…

        Una domanda: ma si può sapere quanto c’è stata in cucina da Cracco? Cinque giorni (http://blog.paperogiallo.net/2010/11/a_pranzo_da_carlo_cracco.html) o un mese?

        • luigi grimaldi

          (19 novembre 2010 - 11:48)

          9 settimane e mezzo:-)

        • Alessandro Marra

          (19 novembre 2010 - 12:07)

          Anche se 9 settimane e mezzo sarebbe stato un periodo di durata più coerente con quelli che sono stati i criteri di scelta del divin chef, ieri ha detto un mese tondo tondo.

      • Alessandro Marra

        (19 novembre 2010 - 12:05)

        Caso letterario, lo chiamano così ;-)

  • Piermario

    (19 novembre 2010 - 10:40)

    Eccheduepalle. A quando un bel post sul delitto scazzo?
    (Lo dico a voi perché vi stimo, neh).

  • Luciano Furia

    (19 novembre 2010 - 14:16)

    A quando un bel libro “Il divino giornalista” (o “La divina grionalista”) scritto da qualcuna/qualcuno che dichiari “io odio scrivere”???

    Perchè qualcuno che odia fare una cosa dovrebbe scriverci su un libro?

    È come se io, pressocchè a-tifoso, scrivessi di calcio!!!

    Mah!

  • […] Per approfondire consulta articolo originale: Ilaria Bellantoni alla Feltrinelli Milano rivela i retroscena del … […]

  • Denny

    (26 novembre 2010 - 12:07)

    lho sentita ieri sera parlare alla radio alla trasmissione Decanter: ha una voce ed un modio di parlare a dir poco urticante!!!!

I commenti sono chiusi.