Looking for White a sorpresa: vince la Cococciola di Marchesi De Cordano sulle Strade della Mozzarella

Letture: 133
I quattro finalisti: Fattoria la Rivolta, Tollo, Tenute del Cavalier Pepe, de Cordano (foto Sara Marte)

di Sara Marte

E già! Si fa presto a dire mozzarella, ma lei è davvero esigente e la sfida cococciola – coda di volpe è stata calda, partecipativa e all’ultimo assaggio! Ma andiamo per gradi perché il risultato finale stravolge ogni previsione.

Maria Sarnataro, delegato AIS Cilento, la giornalista Cristina Mosca e Luciano Pignataro ci guidano attraverso gli assaggi e ci indirizzano sui tratti generali dei due vini. E’ un gioco e non si giudica il vino ma come esso funzioni in abbinamento con la mozzarella. La giuria eterogenea lascia intravedere un approccio istintivo fuori dai parametri codificati e questo rende tutto più interessante.


Bottiglie coperte e si comincia con la cococciola. Cristina Mosca ci introduce alla sua storia, così recente che si può parlare di un decennio, in cui questo vitigno minore abruzzese è prodotto in purezza. Già, perché fino a pochi anni fa è stato utilizzato esclusivamente come vino da taglio sfruttando le caratteristiche di acidità sostenuta. Pochissimi i produttori, nell’ordine della decina, ed è considerato un vero e proprio vino di nicchia.

Cristina Mosca, Maria Sarnataro e Luciano Pignataro (foto Sara Marte)

Cinque i vini in degustazione. Seppur diversi tra loro hanno caratteristiche comuni come la pronta beva, naso semplice, principalmente floreali e leggera la frutta, una certa freschezza in alcuni davvero molto sostenuta.  Gradevoli e fatti bene; in abbinamento sono niente male, anche se la sala ancora mormora, ed io con essa, che invece, quando arriverà la coda di volpe sarà tutta un’altra storia!

Si scoprono le bottiglie ed ecco la classifica percorsa dal meno gradito in abbinamento in su:

5° Classificato: Valle Martello Cococciola Colline Teatine IGT Brado 2010

4° Classificato: Cantina Frentana  Cococciola Costa del Mulino DOC 2010

3° Classificato: Cantine Ciampoli  Angenico Cococciola Terre di Chieti IGT 2010

I Primi due rimangono coperti per la sfida finale che avverrà contro i migliori due della batteria di Coda di Volpe con cui appunto proseguiamo.

Sette i campioni in degustazione. Luciano Pignataro accenna brevemente al nostro vitigno minore.  Trova il suo sbocco in purezza molto prima della cococciola. Tutto ebbe inizio con la cantina Ocone e poi con Vadiaperti attorno agli anni 90 seguiti poi da numerosi produttori sparsi nel napoletano, Beneventano ed avellinese.

Ahi! Ma qui la storia si complica. Un saliscendi da montagne russe spiazzante per queste coda di volpe ed ora il risultato non sembra poi così scontato. Ecco la classifica:

7° Classificato: Di Meo coda di Volpe Campania IGT 2010

6° Classificato: Vadiaperti Coda di Volpe DOC 2010

5° Classificato: Fuocomuorto Caprettone IGT 2010

4° Classificato: Masseria Murata Irpinia Coda di Volpe Argenziano 2008

3° Classificato: Ciambrelli Coda di Volpe DOC 2010 Jenn’Emois

Non ho più nulla per cui lottare! Il mio campione preferito, quello che scopro poi essere di Masseria Murata me l’hanno fatto fuori e allora adesso è tutti contro tutti nella finale tra le due bottiglie di cococciola e due di coda di volpe.  Il voto è palese. Un’occhiata in giro ed alla fine  ci riscopriamo alleati di palato in schiacciante maggioranza.  Ed ecco la classifica:

Fuori dal podio: Fattoria La Rivolta coda di volpe Taburno DOC 2010

3° posto: Cantina Tollo Cococciola IGP 2010

2° posto: Tenuta Cavalier Pepe Irpiania Coda di Volpe Bianco di Bellona DOC 2010

Ed il vincitore è La cococciola “Brilla” Colline Pesaresi IGT 2010 di Marchesi De Cordano.

Cococciola VS Coda di Volpe, ma qui e lì ha vinto proprio la mozzarella.


4 commenti

  • alessandro selvaggio

    (1 giugno 2011 - 08:59)

    come nel recente gran prix del principato di monaco la telecronaca è avvincente, trattieni il fiato quando il pilota prediletto ( il coda di volpe ) sbanda e sbatte sul muretto… proprio non te l’aspettavi! e così come nel gp vince il pilota di nicchia, quello meno conosciuto ai più, quello bollato come uomo da secondo posto! e mi immagino già la cococciola che alza in aria il suo trofeo passatole dalla signora mozzarella e, ancora festosa, dice ai giornalisti: “siamo l’accoppiata vincente!”

  • Vincenzo

    (1 giugno 2011 - 09:03)

    Che sfida appassionate, tutti a puntare sulla coda di volpe e invece…

  • fabio mecca

    (1 giugno 2011 - 10:09)

    Conosco personalmente Francesco, giovane e dinamico titolare dell’Azienda Marchesi de Cordano ( insieme al fratello) !

    sono veramente felice !

    bravi bravi e ancora bravi !

    f.

  • Alessandro

    (1 giugno 2011 - 10:38)

    Esperimento molto molto interessante. Scoprire un vitigno nuovo e fresco, riassaggiarne un altro giovane ma di tradizione in abbinamento all’oro bianco. Cosa volere di più ……

I commenti sono chiusi.