Guida ai ristoranti e le trattorie dentro e fuori le guide > A Napoli
4

Napoli. Cap’Alice Enosteria napoletana. Atipica? Certo, ma fa tendenza

9 novembre 2012

Cap'alice Enosteria atipica napoletana

Via G. Bausan, 28
Tel. 081 1916 8992
Aperto dal lunedì al venerdì sempre. Sabato la sera.
Chiuso Domenica
Su facebook
Un pasto completo senza vino sui 40 euro

di Tommaso Esposito

Via Bausan giù vive la movida.
Su è più tranquilla.
Qui Pico Palermo, che è architetto, ha pensato di creare e arredare con gusto questo bel locale.

Pico Palermo, architetto il patron di Cap'alice

Un banco di servizio per la mescita del vino nei calici e per piluccare come acini d’uva qualche finger dal piatto. E poi due spazi con tavoli candidi e mise en place variopinta. Allegro e gaio lo stile.

Cap'alice enosteria

Cap'alice enosteria

Ci si può accomodare e gustare come in osteria.
Piatti unici e veloci.
Oppure slow con il vino in compagnia.
In cucina c’è Mario Loina che governa i fornelli.

Mario Loina il cuoco di Cap'alice

E’ stato tanto tempo con Antonio Tubelli.
Il Maestro, lo chiama.
Ora sta qua a giocare di fantasia per far cibi, ecco diciamo, di tendenza.
Guarda ai palati over trenta che ambiscono a delicatezze e buon gusto.
E allora fusion e contaminazioni.
Tra Napoli e oltre.
Vediamo.

fresellina di Castellammare, crema di zucca, uovo di quaglia e pecorino

Per benvenuto una fresellina di Castellammare, crema di zucca, uovo di quaglia e pecorino.
La zucca non è la nostra cocozza sicché cremosa e dolce è la vellutata. Bagnata come si deve la galletta.

Ragionati gli antipasti.

Capafritto: alici impanate al pecorino e basilico, pesce bandiera e arancino di cuscus

Capafritto: alici impanate al pecorino e basilico, pesce bandiera e arancino di cuscus.
Qui l’occhio strizza al Maestro Tubelli.
E allora più che arancino si direbbe pall ’e cous cous e alici ‘ndorate e fritte.
Gustosi i bocconcini di bandiera.  Bella idea, ma da migliorare nella sostanza l’arancino.

Maialino nero croccante con chutney d'uva e verza saltata.

Maialino nero croccante con chutney d’uva e verza saltata.
Buona la verza questa sì croccante giacché cruda.
Buona questa mostarda, cosiddetta chutney per strizzare l’occhio all’India gandiana, fatta con uva della vigna di Pico.
Morbido in sé il maialino. Farebbe bella figura anche senza tempura.
Io non amo l’avvio in dolcezza del pasto, ma riconosco il mio limite campagnuolo poco avvezzo alla cucina etno-chic. Sigh sob!
Ecco i primi.

Linguine "mangiamaccheroni" con carciofo croccante

Deciso e sapido per il pecorino romano e per la scelta della linguina questo  ”mangiamaccheroni” con carciofo croccante. Anche qui aleggiano il ricordo del Maestro del cuoco e la sua rilettura d’ O ddoje allattante.
Però un vermicello o uno bucatino renderebbe il piatto più sciuliariello.

Gli gnocchi parigini "confit", crema di friarielli, colatura di alici e pane al pomodoro

‘Ngarrati sono gli Gnocchi parigini “confit”, crema di friarielli, colatura di alici e pane al pomodoro.
Ben fatto è l’mpasto del cazzamarro, cioè lo gnocco di farina senza patate.
E’ ceniero ceniero, si scioglie in bocca e non si appiccica. E’ gustoso per la sapiente mantecatura con la vellutata di friariello verde brillante, amara e piccantina. Fresco è il pomodoro appassito e valido è il crunch della mollica di pane fritta con gli aromi. Vivida è la traccia della colatura.

baccalà glassato alla "papaccella" con insalatina di rinforzo.

I secondi in carta sono il baccalà glassato alla “papaccella” con insalatina di rinforzo. Corretto è utilizzare in frittura la fella del baccalà e non il mussillo. Orpello è la glassa di papaccella. Ottima è l’insalata di rinforzo. Un preavviso natalizio apprezzato.

Il capocollo ai ferri con salsa di pistacchi e galletta di patate e broccoli

Il capocollo ai ferri con salsa di pistacchi e galletta di patate e broccoli. Buona la carne, ma in questa doppia cottura soffre. Allora o ai ferri o in lunga  a bassa temperatura. Ri-fusion anche qui evoca il pistacchio.

Il tiramisù

Infine un dolce tiramisù. Per i golosi bisognosi di ultracoccole.
Grande cordialità e attenzione per un pubblico evergreen che ha voglia di mangiare alla moda.
Ah, la cantina è bella, ampia e varia. Si beve al calice di tutto e la bottiglia non ha un grande ricarico.

I vini, il rum

4 Commenti a “Napoli. Cap’Alice Enosteria napoletana. Atipica? Certo, ma fa tendenza”

  1. Luca Miraglia scrive:

    Vivaddio, uno squarcio di luce in una zona (cosiddetta “bene”) che solo adesso, con Pico e qualcun altro “apripista” (leggi “Pallino” al Parco Margherita e “Veritas” al Corso V.E.), si sta risvegliando da sonnacchiosi decenni di spaghetti a vongole e spigola all’acqua pazza.
    La “fusion” tra la cucina di Mario (scuola napoletana d’elezione) e l’immenso amore di Pico per il vino rende il posto imperdibile per gli appassionati; finalmente ho avuto il piacere di portarvi amici non conterranei e di vederli basiti di fronte ad una lista al bicchiere che, sicuramente, ha pochi rivali sul territorio nazionale, abbinata a piatti di grande fantasia e puntuale esecuzione.
    Il tutto (cibo, vini, musica e simpatia, quest’ultima non solo di Pico ma anche di tutto lo staff, in primis la splendida e preparatissima Fabiola) garantisce una serata finalmente diversa, che scorre via anche troppo in fretta.

  2. pico palermo scrive:

    Volevo ringraziare tutti per gli splendidi complimenti e, riempire una falla… C’è un vecchio amico parte fondante del progetto (la Cap’alice…) che non è stato citato, Mario Lombardi, che in prima linea lotta insieme a noi… :D

    • Luca Miraglia scrive:

      Mario Lombardi è senza dubbio uno dei pilastri fondanti del “progetto Cap’alice” e, a mio modestissimo avviso, lo vive, per scelta, defilandosi dalle luci della ribalta, col pensiero rivolto alla sostanza delle cose.
      Ruolo impagabile ed imprescindibile, come è ovvio, condito da una simpatia contagiosa!

  3. Mario Lombardi scrive:

    Grazie in primis a Tommaso Esposito, che spero di conoscere presto, visto che la sera in cui è venuto a trovarci ero con la famiglia per un po’ di meritato relax…
    Grazie per la sua recensione, ci sono ancora molti passi da fare per raggiungere ciò che abbiamo in mente da quando abbiamo deciso di tuffarci in questa avventura, ne siamo consapevoli. Ma l’affetto che amici, vecchi e nuovi, ci hanno dimostrato in questi pochi mesi, ci dà la spinta per andare avanti e proseguire dritto verso la nostra meta.
    I rigraziamenti naturalmente vanno a tutto lo staff: lo chef Mario Loina, Antimo Femiano, il suo validissimo braccio destro, e Fabiola Maresca che in sala mette tutta la sua esperienza.
    Vi saluto con il proverbio che mi ha ispirato dando il nome al nostro locale: “Meglio cap’alice, ca’ coda ‘e cefaro”.
    Buona salute.